ALESSIA MARCUZZI: «Voglio un 2012 pieno di passione»


c_Sc1_COP MARCUZZI+Dvd.indd
  • c_Sc1_COP MARCUZZI+Dvd.indd

Ci sono persone che hanno un dono speciale: quello di immergersi in situazioni diversissime riuscendo a viverle a pieno e allo stesso tempo a rimanere sempre se stesse. Alessia Marcuzzi questo dono ce l’ha insieme con la leggerezza che le consente di passare dal «Grande Fratello» ai biberon della piccola Mia, dall’anticonformismo della sitcom «Così fan tutte» alla tradizione delle feste in famiglia, dalla frenesia del traffico romano delle feste a una solidarietà mai esibita. Quale volto migliore per augurare un nuovo anno felice, in questo scampolo di 2011 ancora pieno di manovre e sacrifici?

Lei, che da scolara doveva essere molto precisa, assolve anche questo compito con grande serietà, al punto da richiamarci più volte al telefono per meglio specificare il suo pensiero. «Stamattina alla radio ho sentito “È l’amore che conta”, quella bellissima canzone di Giorgia. E allora ho pensato a quella domanda sull’anno che verrà. Ecco, credo che noi tutti ci potremo risollevare da questo periodo pieno di sofferenze e sacrifici grazie alla forza dell’amore. Quello per un figlio, per la persona che ti sta accanto, per un genitore, per un cane, per una pianta. L’amore, comunque. Come forza vitale in grado di vincere su tutto. Non voglio sembrare una maestrina né tantomeno semplificare una situazione difficile. Restano tante le cose da fare».

Quali, per esempio?
«Fare tutti un passo indietro, a cominciare da noi privilegiati. I sacrifici più grossi dovrebbero spettare a noi che abbiamo di più. Che cos’altro può dare chi già ha poco o quasi niente? Ecco, io non sono mai stata una di queste primedonne piene di pretese ma ora certe cose mi sembrano ancora più assurde. Sono fortunata e dare segnali di partecipazione e disponibilità mi sembra importante».

Passano gli anni ma il programma che conduce resta lo stesso. Crede che il «Grande Fratello» abbia ancora delle cose da dire?
«A me ancora entusiasma perché non è mai uguale a se stesso. Cambiano i concorrenti, cambiano le situazioni, cambiano i sentimenti. Per me il GF resta soprattutto un esperimento sociologico capace di raccontare quel particolare momento in cui due persone iniziano a piacersi e a corteggiarsi. E poi ci becco sempre».

Cioè?
«Seguendoli in tv mi accorgo prima di loro stessi quando sta nascendo qualcosa. Mi è capitato l’anno scorso con Andrea e Margherita. E sono sicura che mi capiterà di nuovo in quest’edizione con due concorrenti che ancora non sanno di piacersi».

Non è che dobbiamo aspettarci a breve anche il suo matrimonio?
«Non è mai stata una mia fissazione, nemmeno da bambina, non ne sento la necessità. Non dico di no, ma non è tra i miei obiettivi. Penso sia una cosa molto bella, ma io resto il solito maschiaccio. E poi Francesco (Facchinetti, ndr) è molto presente comunque. Al contrario di ciò che di lui si può pensare, è una persona molto solida. Così come me, che mi sento sana ma con qualche vena di follia».

Tornando al Grande Fratello, ora che sta gradualmente risalendo negli ascolti, mi dice come ha vissuto il calo delle scorse settimane?
«Ci sono abituata, è successo anche l’anno scorso, quando è partito bene e poi ha avuto un calo fisiologico in concomitanza con il programma di Fazio e Saviano. Quest’anno c’era Fiorello e noi non siamo mai andati sotto il 14% di share. La verità? Non mi sono mai davvero preoccupata, so che le persone da casa hanno bisogno di tempo per affezionarsi ai ragazzi».

Avrebbe preferito uno spostamento di giorno di messa in onda?
«All’inizio confesso che ero un po’ spaventata, ma poi ho condiviso la scelta della rete di non tradire il pubblico. Il GF è e resta di lunedì».

Ma con Fiorello vi siete sentiti?
«Ci siamo mandati diversi sms, soprattutto durante la puntata in cui lui aveva ospite Chris Martin dei Coldplay. Fiore sa che sono pazza di lui e tramite Francesco mi ha fatto avere un autografo di Martin con dedica. A me sembrava un po’ strano che fossimo l’uno contro l’altra ma sono felice che il suo show sia andato bene, perché so quanto vale Rosario».

Anche lei ha avuto un ottimo riscontro con «Così fan tutte». Lo rifarà?
«Debora Villa e io ne saremmo felicissime perché il nostro è stato davvero un successo inaspettato. Vedremo, ma spero proprio di sì».

Altri progetti televisivi?
«Ora sono concentrata sul presente e cioè sul Grande Fratello. Ci tengo molto che sia capito nel modo giusto».

E invece da un punto di vista personale che cosa chiede a questo 2012?
«Spero di non diventare una donna pesante. A volte noi donne, specie se mamme, rischiamo di esagerare e di farci prendere dall’ansia. E così anche con gli amici o in amore. Ecco, io vorrei rimanere leggera sulle cose. Amare è gratis, giusto? Mia nonna me lo diceva sempre. Dare senza aspettative».

E per i suoi due figli?
«Per Tommaso vorrei che imparasse a rispettare la gente e in primis i genitori. È importante per gli adolescenti di oggi capire l’importanza del rispetto e dell’educazione. Bisogna ribellarsi a questa massificazione di adolescenti muti che ti scrutano, criticano e non vogliono costruire niente. Ecco, vorrei che Tommaso capisse l’importanza del rispetto e dei sogni. Senza sogni non si va da nessuna parte. Mia, invece, è piccolissima. Per lei sono ancora in quella fase in cui ascolti il respiro e ti preoccupi delle correnti d’aria. Nel 2012 inizierà a camminare. E questo mi sembra già tantissimo».

Sorrisi.com su Twitter

Scritto da: Cinzia Marongiu

Lascia un Commento

    • Il Gf non sta gradualmente risalendo gli ascolti come si dice nel pezzo… l’ultima puntata è stato un flop incredibile!

      quanto alla coppia Facchinetti-Marcuzzi… no comment! penso parli da sé….