PIO, il pulcino tormentone. La canzone e il ballo dell’estate 2012


Pulcino Pio: il tormentone dell'estate 2012
  • Pulcino Pio: il tormentone dell'estate 2012

Pulcino Pio: il tormentone dell'estate 2012

Odiata e amata, come tutti i tormentoni. «Il pulcino pio», è il brano italiano più divertente dell’estate 2012.

Tra favorevoli e contrari, tra già stufi e entusiasti, la canzoncina lanciata da Radio Globo (emittente nota nel Lazio, ma è anche in streaming) deve il suo successo a Youtube, dove il video ufficiale (realizzato dallo studio di animazione e grafica Medita) sta per sfiorare cinque milioni di visualizzazioni in meno di tre mesi.

Più un milione per un secondo clip autorizzato con protagonisti bambini travestiti da animali. Più tutti i video non ufficiali. Non c’è persona che non l’abbia ascoltata. E provoca dipendenza immediata.

Non è la prima volta che la radio tenta la strada del tormentone, riuscendo nei suoi intenti. La scorsa estate, nell’anno segnato da «Mr.Saxobeat» di Alexandra Stan, Radio Globo (sempre con la voce di Morgana Giovannetti) ha reso virale «Ostia Beach», con un testo ispirato alle confuse estati romane.

Insomma, il successo è ancora facile quando metti in mezzo animali, versi, uno schema di brano ricorrente sullo stile «Alla fiera dell’est» di Angelo Branduardi, ma con un approccio più leggero e divertente, che ricorda quelle vecchie pubblicità del «Gatto virgola», tanto di moda quando ancora il mercato delle suonerie per cellulare erano un grosso business.

Di fatto il brano è stato lanciato dal 18 di luglio su iTunes, ottenendo un riscontro di vendite notevole, superando Carly Rae Jepsen e minacciando la prima posizione, quella di Gusttavo Lima con la sua «Balada».

È già nato (ovviamente) un balletto ufficiale, riprodotto alcuni giorni fa dalla più ironica delle voci radiofoniche, Diego Passoni di Radio Deejay. Insomma, è come un’onda inarrestabile, che durerà il tempo di un’estate.

Segui SORRISI.COM su Facebook e Twitter

Scritto da: Alessandro Alicandri

Lascia un Commento

    • O mio Dio, non ce l’ho fatta nemmeno a sentirlo tutto. Dopo la Rana Pazza, mo pure il Pulcino Pio…….