10 Marzo 2009 | 10:03

Angelina Jolie, una spia bionda a Washington

Dopo aver incantato la critica in «Changeling», il film di Clint Eastwood che le ha fatto guadagnare la terza nomination agli Oscar, Angelina Jolie torna a interpretare un ruolo d'azione. Eccola, di nuovo bionda, sul set di «Salt», un thriller ad alta tensione ambientato a Washington...

 di

Angelina Jolie, una spia bionda a Washington

Dopo aver incantato la critica in «Changeling», il film di Clint Eastwood che le ha fatto guadagnare la terza nomination agli Oscar, Angelina Jolie torna a interpretare un ruolo d'azione. Eccola, di nuovo bionda, sul set di «Salt», un thriller ad alta tensione ambientato a Washington...

10 Marzo 2009 | 10:03 di

Angelina Jolie sul set di Salt - foto Kika Press & Media
Sfoglia la foto gallery di Angelina Jolie

Dopo aver incantato la critica in «Changeling», il film di Clint Eastwood che le ha fatto guadagnare la terza nomination agli Oscar, Angelina Jolie torna a interpretare un ruolo d’azione. Eccola, di nuovo bionda, sul set di Salt, un thriller ad alta tensione ambientato a Washington. Diretta per la seconda volta da Phillip Noyce, il regista di «Il collezionista di ossa», Angelina è Evelyn Salt, un agente della Cia accusata di essere coinvolta in un complotto dei servizi segreti russi per assassinare il presidente americano. Nella sceneggiatura originale il personaggio era un uomo, e la parte era stata offerta a Tom Cruise. Dopo il suo rifiuto, la Jolie si è fatta avanti e ha convinto produttori e sceneggiatori a cambiare sesso al protagonista.

Le riprese del film, la cui uscita è prevista per il 2010, sono cominciate a febbraio nella capitale americana. Al fianco di Angelina c’è Liev Schreiber, attore («Defiance», «CSI») e regista («Ogni cosa è illuminata») sposato con Naomi Watts. In città c’è anche Brad Pitt, il compagno dell’attrice, impegnato a promuovere Make It Right, la fondazione da lui creata per ridare una casa ai poveri di New Orleans, travolti dall’uragano Katrina. Nei giorni scorsi, Pitt ha incontrato il presidente Barack Obama e Nancy Pelosi, presidente della Camera.