02 Settembre 2016 | 14:00

Matt Damon negli anni, da Mystic Pizza a Jason Bourne

Come è cambiato negli anni il protagonista di Jason Bourne? Ecco tutti i volti di Matt Damon in quasi 30 anni di carriera, dagli esordi a oggi

 di Chiara Vitali

Matt Damon negli anni, da Mystic Pizza a Jason Bourne

Come è cambiato negli anni il protagonista di Jason Bourne? Ecco tutti i volti di Matt Damon in quasi 30 anni di carriera, dagli esordi a oggi

Foto: Matt Damon  - Credit: © Getty Images

02 Settembre 2016 | 14:00 di Chiara Vitali

Jason Bourne è tornato, e Matt Damon con lui! Dopo The Bourne Legacy - lo spin-off della saga che ha visto protagonista Jeremy Renner - ecco che ritroviamo l’ex agente segreto che abbiamo conosciuto quasi 15 anni fa in The Bourne Identity. Certo ne è passato di tempo da allora e se il personaggio nato dalla penna di Robert Ludlum si è evoluto parecchio, anche rispetto a quanto raccontato dai romanzi, è indubbio che anche la carriera di Matt Damon ha subìto dei forti cambiamenti, nel corso del tempo.

Infatti, anche se tendiamo a focalizzare Matt Damon come “quello con la faccia da bravo ragazzo, i capelli corti e il sorriso rassicurante”, è indubbiamente vero che l’attore ha cercato - specie negli ultimi anni –  di accettare ruoli molto diversi tra loro e lontani da ciò che il pubblico si può aspettare da lui e dal suo “physique du role”, per poter meglio mostrare le sue qualità recitative. 

Se diamo infatti un’occhiata al passato, Matt Damon sembrava condannato a particine di scarsa rilevanza, comparendo per pochi minuti, giusto il tempo di recitare la sua battuta, quel poco che basta per vedere il suo nome nei titoli di coda, ma non in quelli di testa. Poi, nel 1996, la svolta. Nel film Il coraggio della verità interpreta un reduce della guerra del golfo eroinomane, ruolo per il quale perde circa 20 chili, facendosi notare dai registi che contano: Francis Ford Coppola, Gus Van Sant, Steven Spielberg lo scelgono come protagonista dei tre film che costruiranno solidamente le basi della sua carriera. Con L’uomo della pioggia per la prima volta il suo è il ruolo principale; grazie a Will Hunting – Genio ribelle si aggiudicherà, insieme all’amico di sempre Ben Affleck, l’Oscar per la migliore sceneggiatura e, infine, con Salvate il soldato Ryan, raggiunge (e conquista) il pubblico di tutto il mondo. 

Tra un film impegnato, un action e un popcorn movie, Matt Damon non si dimentica il passato e continua a collezionare particine (che ora diventano preziose e si chiamano cameo) come faceva ai tempi dei suoi esordi. Sono i suoi ruoli più curiosi, quelli in cui sfoggia le pettinature e gli accessori più strani, quelli in cui è estrememente evidente la componente ludica del suo essere attore.

Perché scorrendo la nostra fotogallery salta proprio all’occhio che Matt Damon si diverte tantissimo a trasformarsi in personaggi molto diversi, a incarnare caratteri non sempre positivi e anche – in fondo – a non prendersi troppo sul serio. E questo ci rassicura, perché anche se è evidente che di strada ne ha fatta davvero tanta, è altrettanto chiaro che, sotto sotto, è ancora il bravo ragazzo dal sorriso rassicurante. Vedere la gallery per credere!