05 Aprile 2011 | 17:16

Bradley Cooper presenta a Roma il film «Limitless»

Lanciato dalla tv con il telefilm «Alias», il 36enne Bradley Cooper (madre italiana, padre irlandese) è uno dei nuovi divi di Hollywood, protagonista di film campioni d’incasso come «Una notte da leoni», «The A-Team» e il nuovo «Limitless», un thriller campione d’incassi negli Stati Uniti (da noi uscirà il 15 aprile) che l’attore ha presentato oggi a Roma. Nel film, Cooper è uno scrittore trasandato in crisi di idee che diventa un genio grazie a una pillola misteriosa...

 di

Bradley Cooper presenta a Roma il film «Limitless»

Lanciato dalla tv con il telefilm «Alias», il 36enne Bradley Cooper (madre italiana, padre irlandese) è uno dei nuovi divi di Hollywood, protagonista di film campioni d’incasso come «Una notte da leoni», «The A-Team» e il nuovo «Limitless», un thriller campione d’incassi negli Stati Uniti (da noi uscirà il 15 aprile) che l’attore ha presentato oggi a Roma. Nel film, Cooper è uno scrittore trasandato in crisi di idee che diventa un genio grazie a una pillola misteriosa...

05 Aprile 2011 | 17:16 di

Bradley Cooper (clicca sull'imagine per sfogliare la fotogallery)

Lanciato dalla tv con il telefilm «Alias», il 36enne Bradley Cooper (madre italiana, padre irlandese) è uno dei nuovi divi di Hollywood, protagonista di film campioni d’incasso come «Una notte da leoni», «The A-Team» e il nuovo «Limitless», un thriller campione d’incassi negli Stati Uniti (da noi uscirà il 15 aprile) che l’attore ha presentato oggi a Roma.

Nel film, Cooper è uno scrittore trasandato in crisi di idee, incapace di scrivere una riga del romanzo per cui ha avuto un contratto. Tutto precipita quando si avvicina la data della consegna del libro all’editore e la sua ragazza (Abbie Cornish) lo lascia. Ma l’incontro con una pillola magica, una droga sintetica che permette a chi la ingerisce di sfruttare il 100% del proprio cervello, gli cambia la vita pericolosamente: scrive il libro in 4 giorni, si dà alla borsa con profitti enormi, moltiplica il prestito avuto da un delinquente, frequenta ambienti mai potuti incrociare prima e diventa il pupillo di un magnate della finanza, interpretato da Rober De Niro.

In un futuro prossimo una pillolina risolverà tutti i problemi? «Non so se quella droga esiste o potrà esistere, ma ogni cosa ci può cambiare la vita, anche il cibo che mandiamo giu» risponde Cooper all’Ansa. Quanto c’è di attuale in questo volere a tutti i costi essere brillanti? «Essere motivati è sempre positivo, certo il problema è arrivarci con le pillole ad essere geniali. Ma sono sincero, ho la sensazione che la società sia in una specie di letargo, quasi addormentata, una scossa non farebbe male».

Nel film «duella» con De Niro, prima per entrare nelle sue grazie e scalare l’alta finanza, poi per starne fuori quando lui intraprende la carriera politica per diventare senatore. «È stato un incontro senza competizione, non avevo timore e mi sono sentito a mio agio. De Niro è così sicuro di se stesso, del suo talento che tutti quelli intorno a lui si sentono tranquilli. E poi io, lui e gli altri pensavamo a fare bene, tutti desiderosi di fare un bel film».

Diretto da Neil Burger, scritto da Leslie Dixon e tratto dal romanzo «The Dark Fields» di Alan Glynn, «Limitless» mescola commedia, suspence, provocazioni. Di recente, Bradley Cooper è finito sulle riviste di gossip per la fine della sua storia con Renee Zellweger. «Non mi disturba essere un protagonista di gossip, ma non ne parlo» conclude svelto Cooper.

GUARDA IL TRAILER DI «LIMITLESS»