03 Dicembre 2011 | 08:31

Due biglietti d’oro per CHECCO ZALONE e il suo film campione d’incassi

Primo film italiano e primo film in assoluto, «Che bella giornata» ha vinto i due Biglietti d’Oro 2010-2011. Il premio, assegnato dall’Anec (Associazione Esercenti Cinema) alle Giornate Professionali di Sorrento, è il risultato della rilevazione Cinetel sugli incassi cinematografici nel periodo dal 1° dicembre 2010 al 27 novembre scorso...

 di

Due biglietti d’oro per CHECCO ZALONE e il suo film campione d’incassi

Primo film italiano e primo film in assoluto, «Che bella giornata» ha vinto i due Biglietti d’Oro 2010-2011. Il premio, assegnato dall’Anec (Associazione Esercenti Cinema) alle Giornate Professionali di Sorrento, è il risultato della rilevazione Cinetel sugli incassi cinematografici nel periodo dal 1° dicembre 2010 al 27 novembre scorso...

03 Dicembre 2011 | 08:31 di

Checco Zalone

Primo film italiano e primo film in assoluto, «Che bella giornata» ha vinto i due Biglietti d’Oro 2010-2011. Il premio, assegnato dall’Anec (Associazione Esercenti Cinema) alle Giornate Professionali di Sorrento, è il risultato della rilevazione Cinetel sugli incassi cinematografici nel periodo dal 1° dicembre 2010 al 27 novembre scorso.

Nella classifica generale dei film più visti in Italia, il secondo posto è andato a «La banda dei Babbi Natale» e il terzo a «Harry Potter e i doni della morte – parte 2», mentre nella classifica dei film italiani, dopo il film di Checco Zalone e «La banda dei Babbi Natale» sul terzo gradino del podio è salito «Natale in Sudafrica».

Registi, sceneggiatori e intepreti principali dei primi tre film italiani hanno ricevuto le «Chiavi d’Oro del successo» (a Sorrento erano presenti Checco Zalone, Gennaro Nunziante, Aldo, Giovanni e Giacomo, Christian De Sica, Neri Parenti); altri premi sono andati a Massimiliano Bruno e Sarah Felberbaum (la Targa Anec per i «giovani artisti»), al film di Mario Martone «Noi credevamo» (premio Agiscuola), al regista Andrea Segre per «Io sono Li» (premio Fac, comitato per la diffusione del film d’arte e cultura), alla giornalista radiofonica Miriam Mauti e al produttore Fulvio Lucisano.

Soddisfatti per i risultati raggiunti nell’ultimo anno dai nostri film, il presidente dell’Agis Paolo Protti e il presidente dell’Anica Riccardo Tozzi sono convinti che nel 2012 il cinema tricolore potrebbe andare ancora meglio. «Ma solo», ha aggiunto Lionello Cerri, neo presidente dell’Anec, «se la sala cinematografica tornerà ad essere pienamente un centro di aggregazione sociale e culturale nelle città», tendendo per esempio un ponte con il mondo della scuola e dell’università.

Se il cinema italiano va bene (quest’anno ha rappresentato il 38% degli incassi complessivi, contro il 30% dell’anno precedente) calano però gli incassi complessivi (-11%) e del pubblico (-8,5%). Secondo Angelo Barbagallo, presidente produttori Anica, «occorre che l’industria nazionale ampli la sua gamma di proposte» evitando di rinchiudersi quasi esclusivamente nella commedia (i buoni risultati di film d’autore come quelli di Moretti e Sorrentino dimostrano che esiste un nuovo spazio per i film italiani, da difendere e rinvigorire).

Le Giornate Professionali si concludono idealmente sabato 3 dicembre, con la consegna a Pupi Avati del premio alla carriera Città di Sorrento. La cerimonia includerà una serata d’onore a lui dedicata che si svolgerà al Cinema Tasso; seguirò la proiezione de “Il cuore grande delle ragazze”, il film più recente del regista. Il pubblico potrà accedere in sala esibendo un biglietto gratuito, in distribuzione, fino ad esaurimento, presso l’Info Point di Piazza Tasso e la Fondazione Sorrento in Villa Fiorentino.