29 Settembre 2016 | 20:03

“Demain”, il docufilm ambientalista per un futuro migliore

Nelle sale dal 6 ottobre, l'opera di Cyril Dion e Mélanie Laurent è già un successo di pubblico, con i suoi due milioni di spettatori

 di Chiara Baldi

“Demain”, il docufilm ambientalista per un futuro migliore

Nelle sale dal 6 ottobre, l'opera di Cyril Dion e Mélanie Laurent è già un successo di pubblico, con i suoi due milioni di spettatori

Foto: Melanie Laurent e Cyril Dion  - Credit: © Splashnews

29 Settembre 2016 | 20:03 di Chiara Baldi

Si chiama “Demain” (Domani) il nuovo documentario, premio César, di Cyril Dion e Mélanie Laurent. E già dal nome promette un domani migliore: il road movie è un percorso tra fattorie e orti urbani, piani come a Copenhagen, per il passaggio totale alle energie alternative, monete complementari, assemblee popolari e scuole dove i bambini imparano ad essere tolleranti, indipendenti, e soprattutto ad amarsi. Nonostante il riscaldamento globale, l'emergenza umanitaria, la crisi economica, il mondo può ancora salvarsi, se ci attiviamo in prima persona. E “Demain”, con le sue soluzioni pratiche, dall'energia all'alimentazione, dalla scuola all'economia, adottate nelle città e piccole comunità, lo dimostra.

Il film sarà al cinema dal 6 ottobre con Lucky Red, ma ha già avuto un discreto successo di pubblico, con due milioni di spettatori, di cui oltre un milione in Francia. “Demain” ha il patrocinio del Ministero dell'Ambiente e il sostegno di Greenpeace, Slow Food Italia, Campagna Amica, Lifegate, Giunti e Legambiente.