04 Settembre 2016 | 09:37

Festival di Venezia, “Frantz” di Francois Ozon

Il regista francese in concorso con mèlo di amore e guerra in bianco e nero

 di Angelo De Marinis

Festival di Venezia, “Frantz” di Francois Ozon

Il regista francese in concorso con mèlo di amore e guerra in bianco e nero

Foto: Premiere di "Frantz" a Venezia  - Credit: © Getty

04 Settembre 2016 | 09:37 di Angelo De Marinis

Un melodramma di amore e guerra a firma di François Ozon. Al Lido di Venezia arriva “Frantz”, in concorso e poi in sala a settembre distribuito da Academy Two. Ozon torna così a Venezia a sei anni di distanza da “Potiche”.

Alla fine della Grande Guerra in una cittadina della Germania, la bella Anna (Paula Beer) si reca tutti i giorni sulla tomba del suo fidanzato, Frantz, caduto al fronte. Un giorno, davanti alla stessa tomba, arriva Adrien (Pierre Niney), giovane francese che porta i fiori al suo amico tedesco caduto. L'uomo sembra davvero afflitto, ma cosa legava davvero i due soldati che al fronte erano uno contro l'altro?

Su questa piccola trama, Francois Ozon è riuscito ad imbastire una storia piena di colpi di scena emotivi. "E' una storia che sembra lontana dal mondo di oggi mentre invece è attuale", dice il regista. L'uso del "bianco e nero è nato con l'idea che i nostri ricordi della prima guerra mondiale li immaginiamo così, in bianco e nero. Arrivano poi nel film i colori, ma solo quando c'è il senso della vita che ricomincia".