27 Settembre 2016 | 19:44

“Indivisibili”: al cinema il nuovo film di De Angelis

Da Venezia 73 alle sale il racconto delle due gemelle siamesi interpretate da Angela e Marianna Fontana di “Ti lascio una canzone”

 di Lorenzo Di Palma

“Indivisibili”: al cinema il nuovo film di De Angelis

Da Venezia 73 alle sale il racconto delle due gemelle siamesi interpretate da Angela e Marianna Fontana di “Ti lascio una canzone”

Foto: Angela e Marianna Fontana in "indivisibili"  - Credit: © Medusa

27 Settembre 2016 | 19:44 di Lorenzo Di Palma

Sarà nei cinema italiani da giovedì 29 settembre, “Indivisibili” il film di Edoardo De Angelis, presentato con successo in anteprima -  e in concorso alle Giornate degli Autori - alla 73ª Mostra del Cinema di Venezia.

Questa volta il regista di “Perez” - che fruttò un Globo d'oro al protagonista Luca Zingaretti - ha scelto come protagoniste due gemelle siamesi, Viola e Dasy - interpretate dalle sorelle Angela e Marianna Fontana già viste in tv a “Ti lascio una canzone” - cantanti neomelodiche che si esibiscono a matrimoni e feste, dando così da vivere a tutta la famiglia.

Le cose vanno bene fino a quando non scoprono di potersi dividere. Il loro sogno è infatti la normalità: un gelato, viaggiare, ballare, bere vino senza temere che l’altra si ubriachi… fare l’amore. “Perché sono femmina”. Questo è il trailer: 

Girato in gran parte a Castelvolturno e nella provincia tra Napoli e Caserta, il film è stato in lizza per la candidatura italiana agli Oscar che poi è andata a “Fuocammare” di Gianfranco Rosi.

Nel cast ci sono anche Antonia Truppo (“Lo chiamavano Jeeg Robot”), Massimiliano Rossi, Toni Laudadio, Marco Mario De Notaris, Gaetano Bruno, Gianfranco Gallo e Peppe Servillo degli Avion Travel. Mentre la musica della colonna sonora è di Enzo Avitabile.

Nel film le due gemelle sono legate per il bacino, come le leggendarie gemelle Daisy e Violet Hilton e così Angela e Marianna sono state attaccate tra loro con una protesi in silicone e prima di andare in scena dovevano sottoporsi a 5 ore di trucco: “È stato molto complesso fare i movimenti in sincrono. Non essendo siamesi, non sapevamo come muoverci con tre gambe - hanno raccontato le due sorelle - ma è stato bello, perché ci ha fatto crescere molto e capire tanto di noi stesse. Siamo molto soddisfatte, abbiamo interpretato due personaggi che ci piacciono molto”.