15 Luglio 2017 | 17:01

«The irishman», il nuovo film di Scorsese con Joe Pesci, Al Pacino e Robert De Niro

Al gangster movie su Frank Sheeran, detto “l’irlandese”, si aggiungono nuovi attori che faranno parte del cast.

 di Angelo De Marinis

«The irishman», il nuovo film di Scorsese con Joe Pesci, Al Pacino e Robert De Niro

Al gangster movie su Frank Sheeran, detto “l’irlandese”, si aggiungono nuovi attori che faranno parte del cast.

 - Credit: © Getty Images

15 Luglio 2017 | 17:01 di Angelo De Marinis

Dopo aver festeggiato i 25 anni di Quei bravi ragazzi al Tribeca Film Festival, Martin Scorsese è riuscito a mettere in porto un nuovo film con un cast sensazionale: Joe Pesci, Robert De Niro e Al Pacino sono i primi a farne parte. Per Scorsese e Al Pacino sarà la prima collaborazione in cui il secondo sarà aiuto regista del primo. Invece De Niro e Scorsese hanno lavorato insieme in otto film più un cortometraggio (con Brad Pitt e Leonardo di Caprio). Per Joe Pesci sarà la quarta collaborazione dopo Toro Scatenato, Quei Bravi Ragazzi e Casinò.

Nel film sulla vita di Frank Sheeran, Joe Pesci avrà la parte di Rosario “Russell” Bufalino (detto “The quiet Don”), un siciliano che divenne capo di Cosa Nostra in Pennsylvania e che per decenni fu il più temuto mafioso di tutti gli Stati Uniti.

De Niro avrà invece la parte del protagonista Frank "The irishman" Sheeran, uno dei più pericolosi sicari al servizio di Cosa Nostra. Le riprese cominceranno a New York a fine stagione estiva e il film avrà un budget di 125 milioni di dollari e cui diritti mondiali sono stati già acquistati da Netflix.

Il film è ispirato ad un libro: si tratta di un romanzo scritto da Charles Brandt chiamato “Heard you paint houses- L’irlandese. Ho ucciso Jimmy Hoffa” che ricostruisce la vita di Frank Sheeran, ex veterano di guerra, che prima di moririe confessò l’uccisione del sindacalista Jimmy Hoffa commissionata dal boss Russel Bufalino. Il romanzo, così come sarà il film, si basa su anni di interviste fatte allo stesso Frank, molte delle quali registrate. Nel libro, l’irlandese confessa di aver ucciso almeno 25 persone per conto della mafia e del capo dei Teamsters. Quando poi Bufalino gli ordinò di uccidere Jimmy Hoffa, Sheeran poteva solo che obbedire, consapevole del fatto che rifiutare sarebbe stato un suicidio.