20 Settembre 2017 | 12:48

«Kingsman: Il cerchio d’oro»: tornano le spie più inglesi del Big Ben!

Al cinema dal 20 settembre il secondo film dedicato agli agenti segreti britannici di Marvel. Tante risate, combattimenti ed effetti speciali per due ore e venti minuti di puro divertimento

 di Stefano Della Villa

«Kingsman: Il cerchio d’oro»: tornano le spie più inglesi del Big Ben!

Al cinema dal 20 settembre il secondo film dedicato agli agenti segreti britannici di Marvel. Tante risate, combattimenti ed effetti speciali per due ore e venti minuti di puro divertimento

Foto: Colin Firth e Taron Egerton, protagonisti di «Kingsman: Il cerchio d'oro»  - Credit: © 20th Century Fox

20 Settembre 2017 | 12:48 di Stefano Della Villa

Il regista Matthew Vaughn spinge l’acceleratore fin dall’inizio: neanche il tempo di sedersi sulla poltroncina del vostro cinema preferito e vi ritroverete catapultati nel mondo action di «Kingsman: Il cerchio d'oro», con una battaglia a quattro ruote per le strade di Londra che non ha molto da invidiare ai momenti più adrenalinici di «Fast & Furious» o del repertorio completo di Jason Statham. Folle, spesso senza logica, scanzonato e con una vena humour molto british e a tratti decisamente dark: tutti gli elementi del primo Kingsman tornano in questo seguito ancora più scatenato dell’originale.

• «Kingsman: Secret Service», le regole del gentiluomo secondo Harry Hart

• «Kingsman: Secret Service», 5 cose da sapere sul film con Colin Firth

Il Trailer

La trama

Partiamo esattamente da dove era finito il primo “capitolo”: Eggsy ora è Galahad, uno dei “cavalieri” più importanti dei Kingsman, l’organizzazione di spie indipendente che combatte guerre segrete con le peggiori congreghe di cattivoni di tutto il mondo. Questa volta, i Kingsman se la devono vedere con un cartello della droga che, per iniziare bene la sua campagna per la legalizzazione degli stupefacenti, lancia un attacco totale a base di missili ed elimina tutti gli agenti dell’ordine britannico. Eggsy e i pochi sopravvissuti dovranno cercare un alleato nel cuore degli Stati Uniti, in modo da organizzare l’inevitabile, terribile vendetta a base di ventiquattrore equipaggiate con mitragliatrici e ombrelli antiproiettili. Cercando poi di rientrare puntuali per il tè delle cinque, naturalmente.

Il cast

Come il primo Kingsman (dove apparivano Mark Hamill, Micheal Caine e Samuel L. Jackson), anche Il Cerchio d’oro conta su un cast stratosferico. Tornano Colin Firth nella parte dell’agente “maestro” e Taron Egerton in quella dell’allievo Eggsy, così come Mark Strong (Miss Sloane, La talpa) come Merlino. Julianne Moore è Poppy, la bislacca “cattiva” che dirige uno spietato cartello della droga e ha una passione smodata per gli anni ’60 e Happy Days. Riconoscerete senza troppa fatica anche Halle Berry (X-Men, Cloud Atlas), Pedro Pascal (Il Trono di Spade, Narcos), Jeff Bridges e Channing Tatum (Sotto Assedio, Magic Mike). C’è anche uno strepitoso Elton John che interpreta se stesso in modo assai… ironico!

• I 5 film più belli di Julianne Moore

Perché vederlo

Uno spy movie dove il cattivo si presenta con una scena che si conclude con un tizio che finisce nel tritacarne; dove uno degli eroi è un castigamatti texano che usa due revolver con munizioni apparentemente infinite e un lazo in grado di elettrificarsi e tagliare in due gli sgherri nemici; dove il Presidente degli Stati Uniti (ogni riferimento sarà sicuramente casuale) decide di mentire alla nazione e vuole lasciar morire milioni di persone solo per poter proclamare di aver vinto la “guerra contro la droga”.

Tutto questo è Kingsman: uno spy movie sopra le righe (anzi, sopra tutto il foglio protocollo!) in cui si ride e ci si emoziona per delle sequenze action davvero mozzafiato e per i combattimenti decisamente notevoli. Il tutto un po’ a spese della logica e della trama, che va presa per quello che è: un pretesto per tenere unite le acrobazie, le scazzottate e i calci volanti di tutto il film.

Alcuni momenti sono piuttosto “sanguinolenti”, al punto che il film in diversi paesi è vietato ai minori di 16 anni: in effetti, i ragazzini più piccoli potrebbero rimanere un po’ impressionati per alcune situazioni e non capire i doppi sensi più “spinti”. Per tutti gli altri, due ore abbondanti di risate e adrenalina!