27 Settembre 2017 | 11:45

«Mazinga Z Infinity»: il mega robot dei cartoni animati torna al cinema

Mazinga Z, uno dei protagonisti indiscussi dei pomeriggi di tanti bambini cresciuti negli anni '70 e '80 arriva a fine ottobre con un film tutto nuovo

 di Stefano Della Villa

«Mazinga Z Infinity»: il mega robot dei cartoni animati torna al cinema

Mazinga Z, uno dei protagonisti indiscussi dei pomeriggi di tanti bambini cresciuti negli anni '70 e '80 arriva a fine ottobre con un film tutto nuovo

27 Settembre 2017 | 11:45 di Stefano Della Villa

Anche i "mecha" invecchiano. «Mazinga Z», per esempio, ha già 45 anni: il primo manga in cui era protagonista il torreggiante robot da guerra giapponese risale infatti al lontanissimo 1972. La creatura del geniale Go Nagai, l’autore di Mazinga, è entrata nella cultura pop e ha avuto un successo planetario da permettere due seguiti, «Il Grande Mazinga» e «Goldrake». Per festeggiare il quasi mezzo secolo di robottoni, arriva al cinema «Mazinga Z Infinity», un lungometraggio tutto dedicato al “papà” dei mecha giapponesi.

• Le sigle più belle dei cartoni animati con i robot

• 5 cartoni animati che piaceranno anche a voi adulti

• Come i cartoni anni 80 e 90 hanno influenzato le nostre vite

Trailer

Dove e quando

«Mazinga Z Infinity» arriverà nelle sale italiane il 30 ottobre, ma i più fortunati potranno vederlo in anteprima il 28 dello stesso mese alla Festa del Cinema di Roma. Nel Belpaese lo vedremo prima che in Giappone: difatti, in "patria" «Mazinga Z Infinity» uscirà solo a inizio 2018.

• Goldrake ha quaranta anni!

• Da Yattaman a Dragonball, 10 film tratti dai cartoni animati

La trama

«Mazinga Z» racconta la storia di un gruppo di scienziati che scoprono una civiltà nascosta nel sottosuolo del Mediterraneo. Gli antichi micenei si sono rifugiati sotto terra e sono diventati degli essere cibernetici, dotati di poteri sovrumani.

Uno degli scienziati, il Dottor Inferno, intravede la possibilità di coronare i suoi sogni di gloria e conquista-di-mondo: uccide tutti i suoi colleghi e si mette alla testa di questi esseri. Per fortuna, Juzo Kabuto, uno degli scienziati dello sfortunato team, riesce a sfuggire alla strage, rientra in Patria e costruisce un mega robot da combattimento, più forte e letale dei “cattivi”, con l’obiettivo di difendere l’umanità.

È Mazinga Z, che pilotato da Koji, il figlio di Kabuto, ricaccerà a forza di pugni a razzo i cyborg micenei giù nel sottosuolo da cui sono emersi. «Mazinga Z Infinity» è ambientato 10 anni dopo la sconfitta del Dottor Inferno: ritroveremo Koji Kabuto, che ora è uno scienziato e che, seguendo le orme del padre, scopre qualcosa di molto strano sotto il monte Fuji.

L’arrivo in Italia

Negli anni’70 e ’80, le serie animate non venivano certo localizzate e tradotte con il rispetto e la cura con cui siamo abituati oggi. Addirittura, la Rai trasmise prima «Goldrake» e poi «Mazinga Z», creando moltissima confusione in tutti i giovani virgulti italici, che videro prima il seguito e poi il mecha originale.

Se volete sapere tutto sui robot giapponesi, e scoprire il “dietro le quinte” delle produzioni di Go Nogai e degli altri autori nipponici, vi consigliamo «C’era una volta Goldrake», un “compendio” su tutti i manga robotici del Sol Levante.