04 Aprile 2013 | 09:55

Hitchcock, Come Un Tuono e gli altri: la guida di Sorrisi ai film del weekend del 4 aprile

La guida di Sorrisi ai film del weekend, dal film sul grande Hitchcock alle moto di Ryan Gosling, dagli studenti di «Bianca come il latte» al nuovo action movie con Sylvester Stallone. Guarda i trailer dei film in uscita nel fine settimana...

 di

Hitchcock, Come Un Tuono e gli altri: la guida di Sorrisi ai film del weekend del 4 aprile

La guida di Sorrisi ai film del weekend, dal film sul grande Hitchcock alle moto di Ryan Gosling, dagli studenti di «Bianca come il latte» al nuovo action movie con Sylvester Stallone. Guarda i trailer dei film in uscita nel fine settimana...

04 Aprile 2013 | 09:55 di

«Hitchcock» di Sacha Gervasi

Era inevitabile che Alfred Hitchcock, il regista che ha scritto, con i suoi film, la biografia del Male e della Paura, venisse a sua volta biografato. Così la regista Sacha Gervasi ce ne consegna un ritratto pubblico (il conflitto di «Hitch» con lo star system hollywoodiano, che non gli perdonò mai di essere inglese) e privato (il complesso rapporto con la moglie-musa Alma) nel film «Hitchcock», con un Anthony Hopkins e una Helen Mirren che lasciano il segno. È l’occasione giusta per riscoprire il maestro del brivido.

«Come un tuono» di Derek Cianfrance

Chi sono gli attori oggi più in ascesa? La risposta è facile e si limita a due nomi: da un lato Bradley Cooper, l’irresistibile protagonista della commedia «Il lato positivo». Dall’altro Ryan Gosling, che con «Drive» è diventato il nuovo idolo del pubblico femminile (provate a vedere il sito femminista feministryangosling.tumblr.com). Qui li trovate entrambi, l’un contro l’altro armati, nella classica contrapposizione bandito (Gosling)-poliziotto (Cooper). Ma attenzione: «Come un tuono» è qualcosa di più di un semplice thriller da cassetta. Preparatevi a 140 minuti dalla spiazzante struttura a incastri, che cominciano sotto il tendone di un circo (dove Gosling si esibisce con la moto) e finiscono addirittura una generazione dopo, quella dei figli. Come a dimostrare che il destino certa gente se lo porta dentro. In mezzo, rapine mozzafiato, poliziotti corrotti, scalate politiche, speranza, rabbia e disperazione. I dialoghi sono ineccepibili e le atmosfere (tra «noir» e «on the road») sporche al punto giusto.

«Jimmy Bobo» di Walter Hill

Instancabile, «praticamente immortale», Sylvester Stallone aggiunge un nuovo personaggio alla sua galleria di tipi tosti, quelli con la pistola cucita alla mano e il corpo cesellato di cicatrici. Jimmy Bobo è un sicario in cerca di vendetta, alleato controvoglia a un poliziotto perfettino per combattere i corrotti & cattivi del sistema. Fiore all’occhiello dell’ultimo festival di Roma, dove passò in prima mondiale, «Jimmy Bobo» è stato portato da una cicogna cosmopolita: la fonte è un fumetto francese sceneggiato dall’italiano Alessandro Camon e diretto da sua eminenza Walter Hill, l’americanissimo padre di «48 ore» e dei «Guerrieri della notte», tornato in sella dopo dieci anni di silenzio. Metà azione e metà buonumore: un omaggio gustoso ed energetico al film d’azione anni Ottanta, dove s’indaga per dovere e si spara per divertimento.

«Bianca come il latte, rossa come il sangue» di Giacomo Campiotti

Potere della buona scuola Leo (Filippo Scicchitano) è un ragazzo sempre in rotta con i professori. Finché non arriva un nuovo supplente di Storia e Filosofia (Luca Argentero, 34 anni). Sarà lui ad aiutarlo a superare le paure e a vivere pienamente i suoi sogni, tra cui l’attrazione per Beatrice, una ragazza malata. Tratto dall’omonimo romanzo bestseller di Alessandro D’Avenia (Mondadori), già tradotto in 20 Paesi. Musiche dei Modà.

E ci sono anche:

«Io sono tu»
Diana (Melissa McCarthy) ruba l’identità di Sandy (Jason Bateman) per usare le sue carte di credito… Dal regista di «Come ammazzare il capo e vivere felici».

«Le avventure di Zarafa»
I bambini si siedono e il vecchio africano racconta. C’era una volta una giraffa, Zarafa, che il pascià d’Egitto volle regalare ai francesi. Ma il piccolo Maki, suo amico, non voleva lasciarla…