25 Ottobre 2016 | 14:00

«La teoria del tutto», cosa c’è di vero nel film su Stephen Hawking

Gli studi di fisica, le teorie rivoluzionarie, l'incontro con Jane e la malattia: ecco il film sul celebre fisico

 di Marianna Ninni

«La teoria del tutto», cosa c’è di vero nel film su Stephen Hawking

Gli studi di fisica, le teorie rivoluzionarie, l'incontro con Jane e la malattia: ecco il film sul celebre fisico

Foto: Una scena del film  - Credit: © Universal

25 Ottobre 2016 | 14:00 di Marianna Ninni

In La teoria del tutto, il regista James Marsh racconta la vita del fisico Stephen Hawking, cominciando dagli studi come dottorando di fisica presso l’Università di Cambridge per poi proseguire con l’incontro con Jane Wilde, giovane studentessa di letteratura e con l’insorgere della malattia, la sclerosi laterale amiotrofica, che lo ha condannato a una paralisi senza tuttavia impedirigli di continuare a studiare, divenendo nel tempo uno dei fisici più noti e seguiti per le sue teorie sull’universo e sui suoi misteri.

A prestare il volto a Stephen Hawking è l’attore inglese Eddie Redmayne, qui in una delle sue migliori interpretazioni, e ad affiancarlo è Felicity Jones nei panni della compagna e moglie Jane Wilde.

Ispirato alla realtà e al libro Verso l’infinito, scritto da Jane Hawking, il biopic racconta alcuni curiosi aneddoti sulla complicata e affascinante esistenza del fisico, indugiando sui particolari di una vita dove non mancano colpi di scena.

Siamo andati a curiosare sulla vita di Hawking e sul film per scoprire quali e quanti fatti corrispondano a realtà.