16 Febbraio 2017 | 16:00

L’amore omosessuale raccontato nei film, da «Moonlight» a «La vita di Adele»

Dal film candidato all'Oscar ai pionieri «Boys Don't Cry» e «L'altra metà dell'amore», l'amore dei ragazzi in tutte le sue espressioni

 di Giancarlo Mazzetti

L’amore omosessuale raccontato nei film, da «Moonlight» a «La vita di Adele»

Dal film candidato all'Oscar ai pionieri «Boys Don't Cry» e «L'altra metà dell'amore», l'amore dei ragazzi in tutte le sue espressioni

Foto: Mahershala Ali, Alex R. Hibbert

16 Febbraio 2017 | 16:00 di Giancarlo Mazzetti

L'ultimo quindicennio, soprattutto nel Cinema occidentale, pullula di film in cui il tema centrale è l'amore omosessuale. Forse perché l'argomento ha in sé un risvolto politico, ma certamente anche perché è uno dei pochi ambiti in cui si può raccontare ancora l'amore proibito. Quelle che una volta erano le lotte tra Montecchi e Capuleti che costringevano i poveri Romeo e Giulietta alla segretezza, adesso sono le varie declinazioni dell'omofobia conservatrice, esplicita o strisciante che sia.

L'occasione per parlarvi di queste cose ce la dà l'uscita in sala, giovedì 16 febbraio, di «Moonlight», il film di Barry Jenkis candidato a otto Oscar (tra cui Miglior Film e Miglior Regia), che racconta la storia di un giovane omosessuale di colore cresciuto nella periferia di Miami. Abbiamo quindi deciso di ricordarvi una serie di film in cui i protagonisti sono giovani ragazze e ragazzi, a volte in pace con se stessi e con la loro sessualità, come in «La Vita di Adele», altre in difficoltà di fronte all'ostilità e all'incomprensione del mondo nei loro confronti, come nel caso di «Boys Don't Cry» o «L'altra metà dell'amore».