16 Giugno 2017 | 15:20

Social network e Internet: 10 film sul web da non perdere

Dal classico «C'è posta per te» alla novità «Nerve», passando per la commedia «Gli stagisti», le pellicole che meglio raccontano il mondo delle nuove tecnologie

 di Marco Goi

Social network e Internet: 10 film sul web da non perdere

Dal classico «C'è posta per te» alla novità «Nerve», passando per la commedia «Gli stagisti», le pellicole che meglio raccontano il mondo delle nuove tecnologie

Foto: Vince Vaughn e Owen Wilson ne «Gli stagisti»  - Credit: © 20th Century Fox

16 Giugno 2017 | 15:20 di Marco Goi

Qualcuno potrebbe ritenere Internet come una specie di rivale di media che possiamo considerare ormai “vecchi”, o almeno non più giovanissimi, come la televisione e il cinema. In realtà la "Settima Arte" ha guardato sempre con grande interesse al mondo del web.

Sono numerose le pellicole sull'argomento arrivate già a partire dagli anni '80, quando ancora la rete era utilizzata soltanto dalle persone più esperte in campo informatico, o dai più “nerd”. Internet, le chat e i social network hanno poi esercitato un fascino sempre più forte, anche sul cinema. Sebbene in varie occasioni, in particolare nelle pellicole dalle tinte thriller e horror, vengano viste con un occhio di sospetto e una certa dose di preoccupazione.

Amate, odiate o temute che siano, le nuove tecnologie sono le vere star in ascesa a Hollywood e dintorni. Per “navigare” all'interno di questa rete cinematografica, vi proponiamo 10 intriganti film che affrontano il tema in modi tra loro molto variegati.

.

Nerve

L'ultimo lavoro su Internet a raggiungere i nostri cinema è «Nerve». Il film, in arrivo nelle sale italiane da giovedì 15 giugno, è tratto dall'omonimo romanzo di Jeanne Ryan pubblicato nel 2012 e che in qualche modo ha anticipato il preoccupante fenomeno del Blue Whale. La pellicola vede la protagonista Emma Roberts, la nipotina di Julia Roberts, cimentarsi con un gioco online in cui chi partecipa è chiamato a portare a termine delle sfide, delle vere e proprie missioni via via sempre più pericolose ed estreme, che mettono a rischio le loro stesse vite. Un thriller più che mai attuale, capace di unire intrattenimento a riflessioni e brividi.

.

The Circle

Nell'adattamento per il grande schermo del romanzo «Il cerchio» di Dave Eggers, Emma Watson è una ragazza che riesce a farsi strada all'interno di una prestigiosa compagnia tecnologica. Quello che sembra l'inizio di una brillante carriera si trasforma però presto per lei in un vero incubo, visto che nella società in cui lavora tutto è all'insegna della trasparenza. Una cosa che anche questa potrebbe apparire positiva, ma che poi significa pure la perdita del concetto di privacy.

3.

The Social Network

Quando si parla di Internet al cinema, non si può fare a meno di citare questa pellicola. «The Social Network» racconta la nascita del social più popolare della nostra epoca, Facebook, e lo fa attraverso un film che parte come un biopic tradizionale su Mark Zuckerberg e che poi si trasforma in un thriller dalla tensione notevole. Per scoprire cosa c'è dietro alla creazione di un sito che (quasi) tutti usano quotidianamente, il modo migliore è affidarsi al racconto avvolgente di questo lavoro diretto in maniera magistrale da David Fincher e vincitore di tre (meritati) premi Oscar.

4.

Snowden

Come «The Social Network», un altro biopic singolare su un personaggio molto discusso. Il film diretto da Oliver Stone ricostruisce la controversa vicenda di Edward Snowden, ottimamente interpretato da Joseph Gordon-Levitt, ex tecnico della CIA che con le sue rivelazioni sui programmi di intelligence e sicurezza ha messo in seria crisi il governo degli Stati Uniti. Una storia tutta da scoprire in grado di sollevare parecchi punti di domanda sul confine tra sicurezza e privacy.

5.

Disconnect

Un solo film, tre differenti storie che hanno in comune l'argomento tecnologico. Altro elemento che li unisce: in tutti e tre i casi vengono messi in evidenza gli elementi più preoccupanti del web, quasi come se ci trovassimo dentro a tre episodi della serie tv «Black Mirror». In «Disconnect» si parla di cyberbullismo, di truffe online e di cybersesso minorile. Argomenti molto delicati, affrontati dalle pellicola in maniera efficace e cercando di spingere lo spettatore a riflettere sui pericoli della rete.

6.

Gli stagisti

In mezzo a tanti film thriller e drammatici, nel cinema dedicato al web c'è anche spazio per una commedia molto divertente, sebbene pure in questo caso non priva di risvolti profondi. I protagonisti interpretati dai simpatici Owen Wilson e Vince Vaughn sono due uomini di mezza età che si ritrovano disoccupati e decidono così di ripartire da zero, grazie a uno stage presso la società online numero uno al mondo: Google. Ne nasce uno scontro, destinato poi a trasformarsi in amicizia, con i giovani stagisti della compagnia, e anche un'opportunità per reinventarsi e cambiare le loro vite. Perché il web al cinema non è visto solo come una minaccia, ma anche come un'opportunità. Almeno in questo caso.

7.

Unfriended

Sono molte le pellicole horror che offrono uno sguardo poco rassicurante sul web, da «Paura.com» a «Smiley», da «Pulse» a «Friend Request – La morte ha il tuo profilo». In questo particolare sottogenere del cinema di paura, sempre più popolare negli ultimi anni, una delle pellicole più coinvolgenti e attuali è «Unfriended». In maniera vicina a quanto avviene in lavori simili come «The Den» e «Open Windows», questo “mockumentary” è ambientato tutto sullo schermo dei pc dei protagonisti, un gruppo di ragazzi che fa una chat di gruppo su Skype. Trattandosi di un film dell'orrore, inevitabilmente la situazione si farà presto molto tesa...

8.

Catfish

Un film documentario del tutto sorprendente. Nev Schulman è un ragazzo che conosce una ragazza in rete e comincia una relazione a distanza con lei, senza averla mai incontrata di persona. Ogni passo della loro storia viene filmato, fino al fatidico momento del loro incontro faccia a faccia, in cui tutto cambierà... «Catfish» racconta come meglio non si potrebbe quanto identità virtuale e identità reale non sempre coincidano e si è trasformato in un caso mediatico tanto discusso da essere diventato persino un reality show di successo trasmesso da MTV, giunto ormai alla sesta stagione.

9.

Wargames – Giochi di guerra

Uno dei primissimi film che hanno utilizzato la rete all'interno della loro trama? Di certo il mitico «Wargames – Giochi di guerra»! La pellicola diretta nel 1983 da John Badham vede Matthew Broderick nei panni di un giovane hacker che vuole introdursi nel computer di un casa di videogiochi e invece finisce nel computer del... Comando di Difesa Aerospaziale del Nord America. Credendo di giocare a un semplice videogame, il ragazzo inizia così una Guerra Termonucleare Globale. Da allora la tecnologia ha fatto passi da gigante ed è cambiata parecchio, ma questa resta sempre una visione cult.

10.

C’è posta per te

Può una commedia romantica cambiare il modo di comunicare delle persone? È quanto successo con «C'è posta per te». La deliziosa pellicola sentimentale di Nora Ephron racconta una classica storia d'amore/odio tra due tipi in apparenza opposti, la dolce Meg Ryan e il cinico Tom Hanks, ma lo fa su due piani. Uno è quello della realtà e l'altro è quello della realtà virtuale. Senza sapere qual è la loro vera identità, Meg e Tom si conoscono e si innamorano tra chat ed e-mail. Dimostrando come un amore possa nascere sul web per poi trasformarsi in una relazione anche nella vita vera e sdoganando così definitivamente presso il grande pubblico gli incontri online.