Home CinemaNews e anteprimeConsigli per la Festa del Cinema di Roma

12 Ottobre 2016 | 17:15

Consigli per la Festa del Cinema di Roma

Cosa vedere, cosa cercare, come andare al Festival del Cinema di Roma, in programma dal 13 al 23 ottobre, all'Auditorium e non solo

 di Alberto Anile

Consigli per la Festa del Cinema di Roma

Cosa vedere, cosa cercare, come andare al Festival del Cinema di Roma, in programma dal 13 al 23 ottobre, all'Auditorium e non solo

Foto: manifesto Festa del Cinema  - Credit: © Festa di Roma

12 Ottobre 2016 | 17:15 di Alberto Anile

La Festa del Cinema di Roma, undicesima edizione del Festival, la seconda presieduta da Piera Detassis e diretta da Antonio Monda, comincia il 13 ottobre, ma in realtà è già partita con una serie di film in pre-apertura che hanno scandito silenziosamente il conto alla rovescia, dall'anteprima di «Inferno» di Ron Howard al nuovo Pif di «In guerra per amore».

L'inizio ufficiale è il 13 ottobre, con l'arrivo di Tom Hanks che riceverà il Premio alla Carriera e inaugurerà una retrospettiva dei suoi migliori film. Fedele al suo carattere di festa popolare, recuperata dallo spirito originario della manifestazione, punta molto sugli incontri con i divi: Tom Hanks (domani) e poi via via Meryl Streep (che presenta «Florence Foster Jenkins»), Viggo Mortensen (che porta «Captain Fantastic»), il maestro Bernardo Bertolucci, Roberto Benigni, Oliver Stone ma anche con l’architetto Liebeskind, lo scrittore Don DeLillo, i musicisti Paolo Conte, Jovanotti, Renzo Arbore. 

La musica è in effetti uno degli ingredienti decisivi della Festa; passerà da qui il film concerto «Tour Stop 148» con Michael Bublé, «Olé Olé Olé», documentario sulla tournée latino americana dei Rolling Stones e «Ritmo sbilenco», dietro le quinte di Elio e le Storie Tese.

I film sono tanti, circa 50 (il numero iniziale di 44 è andato via via aumentando con aggiunte degli ultimi minuti) e c'è di tutto, dal film in odore d'Oscar «Nascita di una nazione» (sullo schiavismo americano), al thriller «The Accountant» con Ben Affleck, dalla coppia Nicole Kidman-Colin Firth in «Genius» all'impegno civile di Michele Placido in «7 minuti», dalla reunion di Ralph Fiennes, Juliette Binoche e Kristin Scott Thomas per i vent’anni del «Paziente inglese» ai ben tre film interpretati da Rooney Mara («Una», «The Secret Scripture» e «Lion»).


Come orientarsi in tanta abbondanza? Il primo consiglio è quello di tenere sempre d'occhio il sito, romacinemafest.org, che oltre al programma ha tutti gli aggiornamenti che le guide stampate non sono state in grado di recepire.

I biglietti sono acquistabili presso punti vendita elencati su ticketone.it, on line attraverso questo sito e quello della Festa, ma anche direttamente alla Biglietteria Centrale dell'Auditorium Parco della Musica (viale P. de Coubertin 30), dove si svolge la maggior parte della Festa, dalle 11 alle 23. I prezzi variano fra i 5-9 euro della sezione "Alice nelle città" ai 6-25 delle altre sale.

Ma, attenzione, non tutto si svolge all'Auditorium. Parecchie proiezioni e incontri saranno fatti in diversi luoghi della città anche molto lontani tra loro, con modalità differenti (parecchi sono a ingresso libero). Si va dall'omaggio a Gregory Peck e al film «Vacanze Romane», riproiettato sulla scalinata di Trinità dei Monti con red carpet in via Condotti, al drive-in allestito nel quartiere Eur che potrà contenere 100 auto, al Mercato Internazionale del Cinema alle Terme di Diocleziano. Anche per questo consulatare il sito è fondamentale.

Intorno all'Auditorium sono state potenziate (o costruite ex novo) varie strutture di accoglienza (ristorazione, parcheggi, etc.). Ma l'attrazione principale rimarrà il red carpet, che si svolgerà come sempre (a parte eccezioni come quella di via Condotti) prima di ogni proiezione ufficiale. Per scoprire qual'è il momento giusto basta calcolare circa quaranta minuti prima dell'inizio del film, ed essere sicuri di trovare un angolino all'ingresso dell'Auditorium (al passaggio dei divi l'assalto di fan e curiosi consiglia di portarsi in zona anche parecchio prima).


Il primo red carpet sarà quello di stasera, con Pierfrancesco Diliberto in arte Pif, regista e interprete di «In guerra per amore», che sarà proiettato in pre-apertura questa sera. Riprendendo e retrodatando il suo personaggio di Arturo, protagonista del campione d'incassi «La mafia uccide solo d'estate», Pif lo immagina italoamericano nella New York del 1943, volontario nella seconda guerra mondiale per sbarcare con gli alleati in Sicilia, dove andrà a cercare il padre della sua amata, al quale chiedere la mano della figlia. Sotto l'intreccio romantico e umoristico, anche stavolta Pif insinua un coraggioso elogio alla memoria e all'assunzione di responsabilità, raccontando come le forze alleate, per chiedere aiuto alla criminalità locale, abbiano finito col potenziare tremendamente la mafia. Il film, che dal 27 ottobre arriverà in tutte le sale, farà ridere e riflettere, e innescherà probabilmente qualche dibattito storico. Ma stasera sarà soprattutto il momento delle foto e dei sorrisi: con Pif ci sarà la coprotagonista femminile Miriam Leone.