Home CinemaNews e anteprimeVenezia 73: il Leone d’oro a “The Woman Who Left” e gli altri premi

10 Settembre 2016 | 20:26

Venezia 73: il Leone d’oro a “The Woman Who Left” e gli altri premi

All’edizione 2016 della Mostra Internazionale del Cinema vince a sorpresa il lunghissimo e bellissimo film del regista filippino Lav Diaz. Coppa Volpi per la migliore attrice a Emma Stone

 di Lorenzo Di Palma

Venezia 73: il Leone d’oro a “The Woman Who Left” e gli altri premi

All’edizione 2016 della Mostra Internazionale del Cinema vince a sorpresa il lunghissimo e bellissimo film del regista filippino Lav Diaz. Coppa Volpi per la migliore attrice a Emma Stone

Foto: Venezia 73: Lav Diaz con il suo Leone d'Oro  - Credit: © SplashNews

10 Settembre 2016 | 20:26 di Lorenzo Di Palma

È il film del regista filippino Lav DiazThe Woman who left” (Ang Babaung Humayo) il Leone d'Oro 2016, il miglior film a Venezia 73. Il regista, già vincitore del Pardo d’Oro a Locarno 67, ha dedicato il premio al “Popolo filippino e alla sua lotta e alla lotta dell’Umanità”.

Il Gran Premio della giuria è stato assegnato a “Nocturnal Animals” di Tom Ford, che emozionatissimo ha ringraziato tutti, in primo luogo l’Italia, con un discorso in italiano.  

Il Leone d'Argento per la migliore regia è andato ex aequo ad Andrei Konchalovsky per “Paradise” e ad Amat Escalante per “La Region Salvaje”.

La Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile va, come ampiamente previsto a Oscar Martinez per il film argentino “El Ciudadano ilustre” di Mariano Cohn e Gaston Duprat, mentre è Emma Stone, alla prova del musical “La La Land” di Damien Chazelle, la migliore attrice.

Il premio per la migliore sceneggiatura va a Noah Oppenheim per il film “Jackie” di Pablo Larrain.

È stato poi assegnato il premio “Venezia Classici”, per il miglior film restaurato a "Break Up - L'uomo dei cinque palloni" di Marco Ferreri (Italia-Francia, 1963-1967), presentato dalla Cineteca di Bologna e dal Museo nazionale del Cinema di Torino, in occasione del ventennale della morte di Marcello Mastroianni.

Il premio “Orizzonti” va a “Liberami” (un viaggio tra i rituali dell'esorcismo, da taglio antropologico girato in Sicilia) di Federica Di Giacomo, unica vittoria italiana (con Ferreri) al Lido quest'anno.

Il premio “Marcello Mastroianni” è stata dato alla giovane attrice emergente Paula Beer per la sua interpretazione in “Frantz” di Francois Ozon.

Infine il premio speciale della giuria è andato a “The Bad Batch” di Ana Lily Amirpur.