31 Agosto 2017 | 16:40

Venezia 74: è ora di sognare con «The shape of water»

Il film fantastico di Guillermo Del Toro protagonista della giornata al Lido

 di Paolo Fiorelli

Venezia 74: è ora di sognare con «The shape of water»

Il film fantastico di Guillermo Del Toro protagonista della giornata al Lido

Foto: Sally Hawkins

31 Agosto 2017 | 16:40 di Paolo Fiorelli

Il festival entra nel vivo e molti sono i titoli protagonisti già oggi. Ma a calamitare l'attenzione c'è «The shape of water», l'ultima opera del visionario Guillermo Del Toro. Il regista messicano, autore tra l'altro di «La spina del diavolo», «Crimson Peak» e dei due «Hellboy», questa volta dà forma a una favola nera con al centro una creatura acquatica intelligente e sensibile, prigioniera degli scienziati che la studiano. Sarà l'incontro con una donna delle pulizie (Sally Hawkins) a cambiare per sempre le vite di entrambi.

Atmosfere cupe ed emozioni forti anche in «First reformed» di Paul Schrader, dove Ethan Hawke è un ex cappellano militare in crisi per la morte del figlio e Amanda Seyfried una donna anch'essa in lutto dopo il suicidio del marito. Li accomuna la fede, ma scopriranno che la loro congregazione religiosa nasconde qualcosa di oscuro.

Il terzo film oggi in concorso per il Leone d'oro è il franco-libanese «L'insulto» di Ziad Doueiri (il regista di «Lila dice») ed è ambientato in Libano. Qui un litigio tra un residente cristiano e un rifugiato palestinese si trasforma in una lite senza fine in tribunale, che diventa il simbolo della difficile convivenza di popoli e fedi diverse in una terra martoriata.

Da segnalare anche, nella altre sezioni, il docufilm di Wilma Labate «Raccontare Venezia» e il cortometraggio di Gianni Amelio «Casa d'altri», dedicato al terremoto che ha colpito Amatrice un anno fa: sedici minuti per non dimenticare e fare il punto sulla ricostruzione e sugli sforzi di una città che cerca di lasciarsi il dramma alle spalle per sempre.