07 Novembre 2017 | 14:29

Fabio Volo e «Quando tutto inizia»: «Il mio romanzo è ottimista»

Fra gli eventi più attesi di BookCity c’è la presentazione del suo ultimo libro (esce il 10 novembre) che racconta una bella storia d'amore

 di Giusy Cascio

Fabio Volo e «Quando tutto inizia»: «Il mio romanzo è ottimista»

Fra gli eventi più attesi di BookCity c’è la presentazione del suo ultimo libro (esce il 10 novembre) che racconta una bella storia d'amore

Foto: Fabio Volo  - Credit: © Getty Images

07 Novembre 2017 | 14:29 di Giusy Cascio

Fra gli eventi più attesi di BookCity (vedi sotto) c’è la presentazione di «Quando tutto inizia», l’ultimo romanzo di Fabio Volo. L’autore incontrerà i suoi affezionati lettori
il 18 novembre alle 14.30 al Teatro Elfo Puccini di Milano. «Ogni volta è un’emozione nuova» dice.

«Le cose importanti iniziano quando tutto sembra finito». Perché il libro comincia così? «È un inizio ottimista: in un momento in cui il futuro viene percepito come una minaccia, volevo dare l’idea che invece potesse essere un’occasione». I protagonisti Silvia e Gabriele si conoscono in gelateria, ma è dentro una libreria che tra loro nasce qualcosa. «Può succedere che tra gli scaffali ci si innamori. La storia d’amore del mio libro fa riflettere sulla differenza tra l’io e il noi: noi inteso come famiglia, ma anche come società. Sul difficile equilibrio tra i sacrifici che facciamo per realizzarci in pieno, come persone e nel lavoro, e quelli che siamo disposti a fare per gli altri: amici, moglie, marito, figli...».

La sua bilancia da che lato pende?
«Per un periodo della mia vita l’io è stato a lungo preponderante, adesso invece sono sedotto dalla potenza del noi».

In famiglia legge tanto?
«Sì, la sera. Passata la fase dei libri per fare la nanna, sto leggendo ai miei figli “Cuore” di Edmondo De Amicis. Visto che loro non capiscono tutto, ho scelto un romanzo che piace molto a me (ride)».

Cosa deve avere un libro per piacerle?
«Spesso mi attraggono le belle copertine. Dentro, nei contenuti, sono affascinato più dalla delicatezza e dalla tenerezza che dall’avventura». 

Dove le piace leggere?
«Più che altro “come”: in movimento. Leggo sui treni, in aereo... A Milano amo il Parco Sempione, se non fa troppo freddo».

E i prossimi nuovi inizi?
«Sto scrivendo la seconda stagione della mia serie “Untraditional”. Ho in mente anche il soggetto di un film, ma forse prima verrà un altro libro, chissà. La famiglia invece è sempre un nuovo inizio, una nuova fase con i bambini. Ora gioiamo perché abbiamo ricominciato a dormire dopo tante notti insonni».

• Fabio Volo e la sua nuova serie «Untraditional». L'intervista

• Fabio Volo: «L’Islanda non è poi così glaciale»

A Milano c’è la festa dei libri

Una città letteralmente invasa dall’allegria e dall’amore per la lettura. Ecco come sarà Milano dal 16 al 19 novembre durante «BookCity», la manifestazione dedicata ai libri in 200 spazi: teatri, musei, negozi, palazzi storici e librerie. Oltre a Fabio Volo, fra i tanti personaggi della cultura e dello spettacolo  sarà possibile ascoltare lo scrittore francese Daniel Pennac, il giornalista e divulgatore scientifico Piero Angela e la conduttrice televisiva Michelle Hunziker, che racconteranno la propria storia attraverso i loro ultimi libri. Il programma con tutti gli eventi è sul sito www.bookcitymilano.it.