12 Giugno 2009 | 14:57

Alfonso Signorini risponde ai lettori

Ecco le vostre lettere (con risposta) al direttore

 di

Alfonso Signorini risponde ai lettori

Ecco le vostre lettere (con risposta) al direttore

12 Giugno 2009 | 14:57 di

alfonsosignorini

A proposito del blog chiuso…

Caro Alfonso,
finalmente vi muovete a far qualcosa!!
Comunque non mi sembra giusto chiudere questo sito per le persone che come me sono state educate e rispettose, e nonostatante i continui disturbi voluti da parte di Donatella e Kekko, io ho sempre fatto interagire questo editoriale con i miei sondaggi che sono sempre stati aprezzati dalle persone che scrivevano qua dentro!!!!
Miki

Carissimo Miki,
hai ragione da vendere. Purtroppo per la maleducazione di pochi a rimetterci sono le persone corrette come te e molti altri amici. Ma questo spazio è tutto per voi e potremo mantenere così un filo diretto.
Un abbraccio e Buona estate
Alfonso

Caro direttore,
complimenti, era ora, io vi seguo e vi compro, adesso poi con i Depeche Mode…….
Negli ultimi giorni non sono più entrata nel sito per scrivere poichè vedevo sempre le stesse due solite persone ignoranti, permettimi di dirlo, e quindi non avevo interesse a intervenire.
Ma adesso scrivo proprio per dirvi: complimenti! ora sono sicura che qualcuno legge finalmente…
Buon lavoro a tutti e saluti
Angela da Messina

Cara Angela,
benvenuta allora!!! Eccomi qui a rispondere a te e a tutti quelli che avranno qualcosa da chiedermi o da suggerirmi.
Buona giornata.
Con un sorriso!
Alfonso

Buongiorno Direttore!
Io frequentavo il blog “Filodiretto” sotto il nome di “Kekko”… Come vedo però si sono avute molte litigate… Io in quel blog ho conosciuto persone meravigliose come Donatella, che come me la stima molto in qualità personale e professionale. Spero che il blog riapra al più presto e che potremmo di nuovo dialogare! Io e Donatella le vogliamo davvero bene e le auguriamo il meglio per la sua carriera professionale! (comunque io e Donatella nel blog l’abbiamo sempre difesa da altri utenti che l’attaccavano pesantemente!)
Un grande saluto,
Kekko (o Francesco!)

Caro Kekko,
la questione non è quella di ‘chi difende chi’. La questione è quella della buona educazione. Io sono sempre stato amante del confronto. Spesso anche molto acceso. È stimolante discutere delle proprie opinioni, anche quando non concordano tra loro: è segno, tra l’altro, di democrazia. L’importante è farlo in modo intelligente, sereno, equilibrato. E questo, purtroppo, non sempre succedeva.
Un caro saluto e continuiamo a dialogare tra noi!
Alfonso

Gentile Direttore,
vorrei esprimerle la mia solidarietà per ciò che è accaduto l’altra sera sul blog…è vergognoso che accadano cose del genere. Complimenti per la persona che è e per il lavoro che fa. Grazie se anche solo leggerà il mio commento.
Un bacione sincero,
Lara

Cara Lara,
grazie per le tue parole!
Un caro saluto,
Alfonso

Ciao Alfy,
mi dispiace tanto che hai dovuto chiudere il tuo blog a causa di alcuni elementi senza scrupoli; è vero, sono stati molto maleducati, anche nei miei confronti perchè ti difendevo sempre, pensa che uno mi ha scritto tempo fa perchè ti difendevo e se sono stata a letto con te! Ma sono veramente pazzi, hai ragione, sono stati proprio dei volgari in assoluto….In questi giorni neanche avevo un briciolo di tempo per scrivere sul blog, Ma non mi importava tanto, e poi a cosa dovevo rispondere? Alle cretinate che scrivevano? Comunque il gruppetto “meno Signorini” se lo sono fatto su facebook, ma che imbecilli che sono, non sono mai stata dalla loro parte, io non mi metterei mai contro di te perchè ti stimo tantissimo e sei molto simpatico, giuro, ti voglio un gran bene che mi viene da piangere, ma forse è meglio così, perchè anche a me insultavano con parolacce e frasi varie, e poi gli dava fastidio se chattavo con il mio amico Checco o scrivevo con la x o con la k per abbreviare le parole, in pratica si soffermavano molto su cose banali e ignoravano il loro comportamento squallido e aggressivo nei nostri confronti! Comunque, speriamo che adesso si mettano l’anima in pace; mi fanno pena per la loro malvagità e per la loro ignoranza; magari io non scriverò bene, magari farò anche tanti errori, ma spero di non arrivare mai ai loro bassi livelli.
Ti salutano tanto le mie amiche, si chiamano Domenica e Carmela….Noi siamo di Bagnara Calabra.
Se puoi rispondimi, ne sarei molto entusiasta, io ti adoro e sarò sempre dalla tua parte perchè condivido le tue idee!
Tantissimi bacioni dal cuore, ti voglio tanto bene mio caro Direttore
Donatella

Cara Donatella,
ognuno è libero di pensarla come crede. Ci mancherebbe. Io non posso avere la pretesa di piacere a tutti. Anche perché in ognuno di noi ci sono dei lati magari meno accattivanti e immediatamente apprezzabili. Quello che pretendo però è che anche le critiche vengano fatte in modo intelligente, costruttivo, mai volgare.
Salutami la Calabria, terra che adoro. Mamma mia, quanti ricordi…..
Baci,
Alfonso

Caro direttore,
ci avete dato la possibilità di esprimere il nostro pensiero senza filtro, vi siete fidati di noi.  Ad un tratto è arrivata gente con delle pretese e ha indetto perfino uno sciopero, poi è iniziata ad arrivare altra gente che per difendere le proprie opinioni offendeva il resto del mondo,  con il filodiretto  si è creata una chat.
Con quest’ultima  si è toccato il fondo e ora per colpa di 4 o 5 «in’educati» o addirittura «mal’educati» rischia di chiudere tutto.  …perchè effettivamente chiudere solo lì non ha tanto senso.  Non potete  fare in modo che i messaggi passino prima da voi e   solo se  sono decenti  li pubblicate?
Grazie,
Titti

Cara Titti,
hai ragione. Ma non potevamo più far passare sotto silenzio certe espressioni volgari e prive di significato. La possibilità di riaprire una chat con un moderatore di Sorrisi non è da escludere. Per il momento, il nostro dialogo non si interromperà. Grazie proprio a questo spazio. Che è tutto per noi. Mi correggo, per voi!
Un caro saluto,
Alfonso

Gentilissimo direttore Signorini,

potrebbe riaprire il blog filodiretto al pubblico? A parte due tre individui si era creata una bella amicizia tra tante persone mi dispiacerebbe perdere i contatti di tutti, mi facevano compagnia. Trovi un’altra soluzione ma riapra il sito per i commenti.
La ringrazio,

Patty

Cara Patty,
stiamo cercando di attivare un filo diretto gestito da un nostro operatore. Per il momento il nostro contatto rimarrà attivissimo in questo spazio. La terrò aggiornata!
Un caro saluto,
Alfonso

Sig. Direttore buonasera!

ho visto la chiusura del blog, da un lato sono contento da un lato molto rammaricato. Contento perchè era diventato insostenibili, era diventata una chat privata a due persone e nonostante siano stati invitati da molti di noi a smettere questo comportamento  con le buone, per ovvie ragione che Lei sicuramente saprà, si sono sostituite a volte in cattive maniere! Rammaricato perchè comunque tra parecchi di noi si era creato un feeling e una certa amicizia e a volte prima di andare a letto ci si salutava tranquillamente come vecchi amici per molti era quasi un rito. Ora questo non succederà più, tanti si perderanno per strada?
Quello che voglio chiderLe è: la chiusura è una cosa definitiva? O è in attesa di trovare delle soluzioni? Personalmente mi spiacerebbe perdere i tanti amici che ho trovato sul blog.

Mi scusi per il poema, e certo di una Sua risposta La saluto cordialmente!
Giorgio

Caro Giorgio,
il suo rammarico, mi creda, è anche il nostro. Una comunity è una realtà virtuale nella quale spesso (è capitato anche a me) possono nascere belle amicizie e ci si tiene compagnia. Non vogliamo che tutto questo venga meno, per la maleducazione di poche persone. Stiamo studiando una soluzione. Intanto ci si ritroverà qui, con me. Sempre che lo vogliate!

Un caro saluto,

Alfonso

In merito all’editoriale…

Ciao Alfonso!
ti do del tu perchè mi dai il bungiorno tutte le mattine e mi fai
compagnia durante l’anno nelle varie trasmissioni alle quali partecipi, per
cui ti ritengo un amico, anche perchè adoro la tua visione del mondo e
condivido la maggiorparte delle tue opinioni.
Nell’editoriale di tv di questa settimana parli della progettazione
di una nuova tv. Domanda: ma con tutte le interruzioni pubblicitarie che
dobbiamo sopportare, non ti sembra assurdo che anche le reti private abbiano
bisogno di sovvenzioni per nuovi porgrammi?
La Rai fa schifo, concordo, ma possibile che su Canale 5 ci
ripropongano «Scherzi a Parte» del 2003?????
Sono impazziti ??!!!
Per non parlare dei film pomeridiani che sono gli stessi da circa 10
anni (Rosamunde Pilcher e amiche…)
Ho una proposta da sottoporti : mi hanno regalato un bellissimo
libro, «365 gesti per salvare il pianeta», ho già proposto all’azienda per la
quale lavoro di inserire cotidie il consiglio corrispondente, esempio
oggi 11 Giugno «Sarebbe opportuno installare il boiler vicino alle prese
d’acqua, allo scopo di limitare la dispersione di calore e di energia lungo le
condutture».
So che, probabilmente, per questioni di copyright non sarebbe
possibile ma sarebbe una bella cosa da inserire nella parte dedicata alla
programmazione televisiva, giorno per giorno!
Ti chiedo, inoltre, ma possibile che sui giornali i servizi di moda
riportino sempre abiti ed accessori con prezzi proibitivi?
Ho tante idee per la testa, anche perche’ sono laureanda in Scienze della Comunicazione, Indirizzo Mediatico, e mi accorgo che le trentenni
di oggi hanno anche altre esigenze e, soprattutto in questo periodo, meno
disponibilità in termini finanziari….
«Sex & the City» è bello, si’ , ci fa sognare ma quelle che, come me,
hanno la testa sulle spalle, vorrebbero cambiarlo il futuro, non ipotecarlo.
Ti auguro una bellissima giornata.
Un abbraccio,
Sarah

Cara Sarah,
la tua mail è piena di buon senso. E denuncia un problema
reale: lo scollamento della tv, che resta la più importante finestra
aperta sul mondo, dalla realtà e dalle esigenze quotidiane dei
telespettatori. In fondo è giusto ridere dei problemi delle donne di
«Sex and the city», ma è anche giusto sapere dove si risparmia a
mettere il boiler in casa nostra. Una tv vicina a chi la guarda, ai
suoi bisogni, una tv di servizio.
Oggi la preoccupazione di chi fa i
palinsesti dei programmi è quella di riempirli. E non si pensa mai a
chi sta a casa. Che ce ne facciamo di un bel programma di seconda
serata se poi ci costringe ad andare a letto alle due del mattino?
Possibile che a nessuno venga in mente che la gente alle sei del
mattino si alza per andare al lavoro?
Cari saluti,
Alfonso

In merito a «Amici»…

Caro direttore,

ho letto il suo «sfogo» per quanto riguarda «gli intellettuali» radiofonici che non inseriscono «Gli Amici» della De Filippi nelle radio.

Ebbene, anch’io sono responsabile radiofonico, e quando il pezzo è bello lo inserisco nel nostro palinsesto, ma non apprezzo comunque il suo sfogo «di parte», poichè a questo punto le dico che i «veri» cantanti si possono trovare più in «X-Factor» che non in «Amici», come i veri ballerini, con maestri più all’altezza si possono trovare in «Italian Academy».

Come mai non accenna a quei due programmi, solo perchè non fanno parte della cerchia delle amicizie Mediaset?

Mettiamola così. Se molte radio non mettono Alessandra Amoroso o altri «amici», non potrebbe essere per la troppa (da dar fastidio) pubblicità che si fa a questi artisti? Vedasi anche le vostre classifiche, che non hanno alcuna attinenza con quelle vere di vendita, ma con quelle del gruppo Mediaword?

Siamo seri e finiamola col dare la colpa alle radio e se ci devono essere dei nuovi talenti, non certo con la troppa pubblicità possano entrare a far parte dello star-system.

A presto,

Eugenio Levi
Caro Eugenio,

mi creda sono lontano mille miglia da questa forma di pensiero.

Come lei saprà conduco ogni mattina, dalle 9 alle 10, un programma su Radio Monte Carlo. Mi ricordo quanta fatica ho fatto (a volte facendo una vera e propria ‘violenza’) per convincere il regista del mio programma a trasmettere le performances di Giusy Ferreri quando stava a «XFactor», ancora prima di essere prodotta da Tiziano Ferro.

Non credo che il talento di una persona si possa misurare in termini di reti televisive, di pubblicità o di scuderie. Il talento è talento. Non esistono geni incompresi, mi creda. Il talento si impone e quando c’è alla fine esplode.

Un caro saluto,

Alfonso Signorini

Caro direttore,

un paio di settimane fa, leggendo l’editoriale dove si lamentava del fatto che nelle radio non si riuscisse a sentire nemmeno una canzone dei partecipanti di «Amici», accollando la colpa alle radio stesse, non ho potuto che contrariarmi per questo.

Non è che semplicemente la mancanza di passaggio di quelle canzoni nelle radio sia dovuta al fatto che siano canzoni sì carine, non voglio dire di no, ma «pallose» -se potete scusare il termine – ……ovvero dei ragazzi, dei «pischelli», che cantano come il nonno di mio nonno, con melodie che nulla hanno a che vedere con la pop moderna?

Abilità canore a parte, per le quali non ho nulla da dire, non penso che mai sentiremo in qualche radio nazionale canzoni del vincitore di «Amici» in quanto….poco giovani, troppo melodiche: e chi scrive ha 25 anni, mica 77…

Sperando di non aver leso i sentimenti di nessuno, invio saluti

Franco
Caro Franco,
esistono tanti generi musicali, ma esiste una sola
madre: la musica. E quando la musica è buona ti entra nel cuore per
non uscirci più.
La melodia all’italiana, se vogliamo definirla così,
che spesso viene proposta dai ragazzi di «Amici» appartiene alla nostra
grande tradizione musicale. Certo, ci sono generi più vicini ai gusti
dei più giovani, ma non per questo possiamo tacciarla di essere
anacronistica.
Viva la musica e, quindi, viva anche i ragazzi di
«Amici» e di «XFactor».
Buona estate!
Alfonso

La tv estiva

Salve Direttore,

sono un ragazzo appassionato di televisione e volevo sapere cosa ne pensa lei del fatto che Rai e Mediaset siano ormai rassegnati a non sperimentare più nuovi programmi l’estate.

Una volta l’estate era usata per far nascere possibili programmi che se avessero raggiunto buoni ascolti sarebbero stati promossi nelle stagioni di garanzia, ma da qualche anno ormai la tendenza dei due poli televisivi è quella dell’estate fatta di repliche. Una cosa che scoccia un pò tutti i telespettatori.

Lei cosa ne pensa? Se un giorno diventasse direttore di Canale 5 (cosa che in futuro potrebbe succedere, così si dice in giro) farebbe qualche esperimento estivo? Non pensa che queste repliche possano favorire la scalata di Sky che invece comincia a produrre nuovi programmi ed attirare sempre più big della tv italiana?

Ultima domanda, non le pare una vergogna che non ci siano più i telegatti? Se dovessero tornare, la prego di ampliare le categorie come erano un tempo (quando lo conduceva il grande Corrado), in modo da premiare bene la televisione italiana ed i suoi programmi migliori nelle giuste categorie di appartenenza.

Cordiali saluti,

Simone Buongiorno
Caro Simone,
l’estate è fatta per sperimentare volti nuovi e nuovi programmi.
Purtroppo siamo in tempi durissimi: ci sono pochi soldi già per la stagione autunnale, si figuri per quella estiva….
Quanto ai Telegatti la voglio rassicurare. Non è vero che non ci saranno più. È vero che abbiamo preferito sospendere per consentirci di ritornare con una edizione che sia all’altezza della tradizione. Anche il Telegattone tira la cinghia….
Un abbraccio,
Alfonso

Raffaella Carrà tornerà?

Caro Alfonso,

prima di tutto mi vorrei tanto complementare, per il meraviglioso libro che ha scritto su «Coco Chanel».

Mi chiamo Dario anni 41 di MIlano, sono un grandissimo fan di Raffaella Carrà. A proposito di Raffaella Carrà, sa se rientrerà oppure no in Rai? Ho letto che il Direttore Mauro Masi, nel 2010 le ha confermato il contratto con la Rai, in quanto le avrebbe affidato il programma «Domenica In». Beh! Sarei davvero felice che un personaggio come la Raffaella Carrà, ritornasse sugli schermi, visto che ha avuto un grandissimo successo con il programma nel 2008 «Carramba che fortuna!», oltre ad aver alzato l’audience, ha anche fatto andare alle stelle i biglietti della lotteria Italiana.

Un abbraccio ed ancora un mio augurio al libro che ha scritto.

Dario
Caro Dario,
intanto grazie.
Sono contento che il mio libro dedicato a Chanel le sia piaciuto: tra l’altro è in classifica e mi sta dando mole soddisfazioni.
E adesso stia a sentire: pare che la Carrà possa ritornare sugli schermi di Raiuno per una edizione storica del Festival di Sanremo. Non si perda il prossimo numero di Sorrisi. Ne saprà di più.
Un abbraccio!
Alfonso

Perchè Roberta Capua non fa più tv?

Gentile direttore,

può dirmi perchè Roberta Capua non fa più televisione? So che ha
avuto un bambino ma esistono anche le baby sitter!

E’ una bella conduttrice educata, preparata e che non ha il sottofondo
di «sottuttoio» che rilevo in altri conduttori o conduttrici.
Forse è una dote che al momento non viene apprezzata… chissà.

Cordiali saluti,

Marco Sostegni
Caro Marco,
Roberta Capua per il momento ha preferito dedicarsi alla
famiglia. Ma credo che non le dispiacerebbe riprendere a lavorare in
tv. Io mi auguro che qualcuno le proponga qualcosa di nuovo. È una
donna garbata, elegante. Speriamo in bene….
Cari saluti,
Alfonso