10 Novembre 2011 | 09:43

ASHTON KUTCHER, dopo una clamorosa gaffe su Twitter affronta la rivolta dei fan

Ashton Kutcher, considerato uno dei pionieri di Twitter, affronta in queste ore l’ira di migliaia di follower che gli si sono rivoltati contro dopo aver letto questo tweet: «Come si fa a licenziare Jo Pa? Da tifoso degli Hawkeye lo trovo di cattivo gusto». L’attore si riferiva alla vicenda dell'84enne Jo Paterno, leggendario allenatore di football, costretto alle dimissioni dopo 45 anni spesi al servizio della squadra universitaria di Penn State. Paterno è accusato di non aver denunciato alle autorità un abuso sessuale subito nel 2002 da uno dei suoi giovani giocatori, che all'epoca aveva 10 anni...

 di

ASHTON KUTCHER, dopo una clamorosa gaffe su Twitter affronta la rivolta dei fan

Ashton Kutcher, considerato uno dei pionieri di Twitter, affronta in queste ore l’ira di migliaia di follower che gli si sono rivoltati contro dopo aver letto questo tweet: «Come si fa a licenziare Jo Pa? Da tifoso degli Hawkeye lo trovo di cattivo gusto». L’attore si riferiva alla vicenda dell'84enne Jo Paterno, leggendario allenatore di football, costretto alle dimissioni dopo 45 anni spesi al servizio della squadra universitaria di Penn State. Paterno è accusato di non aver denunciato alle autorità un abuso sessuale subito nel 2002 da uno dei suoi giovani giocatori, che all'epoca aveva 10 anni...

10 Novembre 2011 | 09:43 di

Ashton Kutcher

Ashton Kutcher, considerato uno dei pionieri di Twitter, affronta in queste ore l’ira di migliaia di follower che gli si sono rivoltati contro dopo aver letto questo tweet: «Come si fa a licenziare Jo Pa? Da tifoso degli Hawkeye lo trovo di cattivo gusto».

L’attore (@aplusk) si riferiva alla vicenda dell’84enne Jo Paterno, leggendario allenatore di football, costretto alle dimissioni dopo 45 anni spesi al servizio della squadra universitaria di Penn State. Paterno è accusato di non aver denunciato alle autorità un abuso sessuale subito nel 2002 da uno dei suoi giovani giocatori, che all’epoca aveva 10 anni.

Kutcher, protagonista della sitcom «Due uomini e mezzo» ma famoso in Italia soprattutto per essere il marito di Demi Moore, ignorava i motivi del licenziamento quando ha scritto il tweet, poi rimosso. Appena se ne è reso conto, l’attore ha subito cinguettato le sue scuse, ma era troppo tardi. Sul suo profilo si sono riversati centinaia di insulti («Quando hai 8 milioni di followers dovresti stare attento a quello che scrivi», «Sei un idiota») contrassegnati dall’hashtag #FuckYouAshtonKutcher.

Intenzionato a rimediare, Kutcher ha provato a rispondere con garbo a ogni critica, ha anche fatto mea culpa con questo tweet : «Da sostenitore della lotta contro gli abusi minorili, sono enormemente dispiaciuto per tutto quello che è successo a Penn State». Infine, ha deciso per il silenzio: «Da questo momento non twittero più finché non troverò il modo di gestire meglio questo profilo. Mi sento malissimo per questo errore. Non succederà più».