01 Marzo 2011 | 08:30

Da ex prof vi dico: più educazione, Amici

Care lettrici e cari lettori, prima di fare il giornalista e il direttore ho fatto per sette anni il professore. Porto la scuola da sempre nel mio cuore: il ricordo che mi lega a quella stagione della mia vita rimarrà sempre dentro di me. Solo chi conosce i ragazzi, la loro curiosità, i loro entusiasmi, […]

 di

Da ex prof vi dico: più educazione, Amici

Care lettrici e cari lettori, prima di fare il giornalista e il direttore ho fatto per sette anni il professore. Porto la scuola da sempre nel mio cuore: il ricordo che mi lega a quella stagione della mia vita rimarrà sempre dentro di me. Solo chi conosce i ragazzi, la loro curiosità, i loro entusiasmi, […]

01 Marzo 2011 | 08:30 di

Care lettrici e cari lettori, prima di fare il giornalista e il direttore ho fatto per sette anni il professore. Porto la scuola da sempre nel mio cuore: il ricordo che mi lega a quella stagione della mia vita rimarrà sempre dentro di me. Solo chi conosce i ragazzi, la loro curiosità, i loro entusiasmi, i loro stimoli può capire il perché. Non smetterò mai di dire che i giovani sono di gran lunga migliori di come ci vengono dipinti dai media. Però, lo ammetto, sono stato un professore severo. Non certo per il gusto di esserlo, ma perché sono sempre stato convinto del valore educativo del rigore e della disciplina, senza i quali non si va lontano. Come educatori (mi riferisco non solo agli insegnanti, ma anche ai genitori, visto che tutto parte dalla famiglia) sappiamo benissimo che dire di sì costa la metà della fatica. Ma i risultati di un’eccessiva indulgenza sono spesso disastrosi. Per questo quando vedo certi ragazzini di Amici rispondere in modo tanto sgarbato ai loro insegnanti mi arrabbio. Non si possono tollerare gli atteggiamenti che mettono in discussione l’autorità di un educatore. Un certo Vito, insolente e maleducato nei confronti dell’insegnante Alessandra Celentano, avrebbe meritato per gli improperi di cui l’ha riempita di essere espulso dall’Accademia. Invece no. È rimasto, perché hanno dato come giustificazione alla sua arroganza lo stress. Ecco, questo non è un buon esempio per i tanti giovani che seguono quel tipo di programma. Il rispetto è alla base di tutto. Anche del successo. Alla prossima!

as@sorrisi.com