08 Marzo 2009 | 11:08

L’editoriale di Signorini: Come reagirebbe Marcello se il GF gli regalasse un libro?

Care lettrici, cari lettori, approfitto di questo piccolo ma importantissimo spazio per fare mio un appello lanciato qualche settimana fa dall’ottimo Massimo Gramellini sul quotidiano «La Stampa»: perché non facciamo entrare un libro nella casa del «Grande Fratello»? Un libro, questo sconosciuto. Sarebbe un evento mediatico: altro che i soliti perizomi o trucchi per bambole, […]

 di

L’editoriale di Signorini: Come reagirebbe Marcello se il GF gli regalasse un libro?

Care lettrici, cari lettori, approfitto di questo piccolo ma importantissimo spazio per fare mio un appello lanciato qualche settimana fa dall’ottimo Massimo Gramellini sul quotidiano «La Stampa»: perché non facciamo entrare un libro nella casa del «Grande Fratello»? Un libro, questo sconosciuto. Sarebbe un evento mediatico: altro che i soliti perizomi o trucchi per bambole, […]

08 Marzo 2009 | 11:08 di

alfonso_signorini-400x400Care lettrici, cari lettori,

approfitto di questo piccolo ma importantissimo spazio per fare mio un appello lanciato qualche settimana fa dall’ottimo Massimo Gramellini sul quotidiano «La Stampa»: perché non facciamo entrare un libro nella casa del «Grande Fratello»? Un libro, questo sconosciuto. Sarebbe un evento mediatico: altro che i soliti perizomi o trucchi per bambole, altro che integratori alimentari e farine per pizze e focacce. Sarebbe bello sentire Laura e Cristina discutere per la prima volta dei tormenti
di Emma Bovary e non delle solite extension. Per non parlare di quanto sarebbe divertente sentire i commenti di Marcello alle prese con i dolori esistenziali del giovane Werther. Sarebbe anche occasione buona per promuovere la lettura presso il pubblico più giovane, che costituisce la maggior parte degli affezionati del reality di Canale 5. Ho letto da qualche parte che tra cento anni i libri non esisteranno quasi più. Soppiantati dalle edizioni on line. Io non ci voglio credere. Un libro deve essere vissuto, maneggiato, sciupato – pensate al fascino delle pagine solcate dai segni delle vostre mani – compagno silenzioso di vita. Questo e molto di più è un libro. Sarebbe bello che un messaggio così potesse arrivare tramite un programma televisivo di grande successo come «Grande Fratello».
Alla prossima!