03 Marzo 2009 | 22:00

Così abbiamo conquistato Lory Del Santo (grazie a Facebook)

Fan di tutta Italia, buttate penna e taccuino, lasciate perdere gli autografi: oggi i vip si agganciano su Facebook, la grande piazza virtuale con 10 milioni di italiani iscritti. Già, le star si nascondono lì in mezzo, basta stanarle e cercare di attaccare bottone, direttamente dal computer di casa vostra. Non è facile, perché ricevono centinaia di messaggi al giorno e sono assediati da migliaia di «amici». Ma volete mettere la soddisfazione? Ecco, per esempio, come un giornalista di Sorrisi ha conquistato in rete Lory Del Santo

 di

Così abbiamo conquistato Lory Del Santo (grazie a Facebook)

Fan di tutta Italia, buttate penna e taccuino, lasciate perdere gli autografi: oggi i vip si agganciano su Facebook, la grande piazza virtuale con 10 milioni di italiani iscritti. Già, le star si nascondono lì in mezzo, basta stanarle e cercare di attaccare bottone, direttamente dal computer di casa vostra. Non è facile, perché ricevono centinaia di messaggi al giorno e sono assediati da migliaia di «amici». Ma volete mettere la soddisfazione? Ecco, per esempio, come un giornalista di Sorrisi ha conquistato in rete Lory Del Santo

03 Marzo 2009 | 22:00 di

delsanto

Fan di tutta Italia, buttate penna e taccuino, lasciate perdere gli autografi: oggi i vip si agganciano su Facebook, la grande piazza virtuale con 10 milioni di italiani iscritti. Già, le star si nascondono lì in mezzo, basta stanarle e cercare di attaccare bottone, direttamente dal computer di casa vostra. Non è facile, perché ricevono centinaia di messaggi al giorno, sono assediati da migliaia di «amici», ma volete mettere la soddisfazione? Una chiacchierata personale con loro, non un autografo estorto tra la folla sgomitante. Basta solo un po’ di abilità: il sottoscritto ce l’ha fatta, e se volete vi dà qualche dritta.

Innanzitutto bisogna scegliere l’obiettivo. Io punto in alto e voglio lei, la ragazza del «Drive in», la sorella maggiore di Barbie: Lory Del Santo. Lory su Facebook ha trovato il fidanzato, Rocco Pietrantonio, 26 anni e quasi due metri di fisico aitante (infatti andrà a vangare in «Fattoria»). Se l’ha conquistata lui ci posso riuscire anch’io. Ma devo essere ancora più scaltro visto che adesso è impegnata. Ho in mente un piano e lo realizzo in dieci minuti: mi registro a Facebook sotto falso nome, divento Alessandro Ginestra, su Internet cerco la foto di un modello e la inserisco come mia immagine personale. E ora i miei assi nella manica: nel profilo fingo che ho 23 anni, sono di Verona, studio Lettere e ho frequentato il Liceo Galilei della città (come Lory). Poi vado all’attacco e le invio un messaggio. Ovviamente non sono tirchio di smancerie: «Ti trovo parecchio sensuale, hai una femminilità da far invidia alle ventenni… La tua intelligenza crea un connubio perfetto tra il tuo essere interiore ed esteriore…». Sono le 22.29. Lei non risponde praticamente a nessuno. Abboccherà?

L’amore ai tempi del web
Passano sei-minuti-sei e la mia posta di Facebook sussulta: è Lory. Mi dice che anche lei ha frequentato il Galilei di Verona (ma va?) e questo dimostra che prima di scrivere è andata a leggersi il mio profilo (ma soprattutto, la foto del modello ha fatto colpo). E brava Lory. Io le rispondo al volo, le dico «che meraviglia, abbiamo qualcosa in comune», con qualche complimento di contorno. Lei replica ancora, mi chiede perché dopo lo Scientifico ho scelto Lettere. Bella domanda, Lory. Che ti rispondo? Che «sono stato rapito dalla letteratura, dalla filosofia di Hegel e Kant… Perché io guardo fuori ma anche dentro…». Poi però metto in quinta, voglio andare al sodo, le dico che il suo fidanzato non la merita. «Ce sto a prova’» come dicono a Roma. Lei diventa sospettosa e mi mette alla prova, vuole che lasci Facebook e le scriva al suo indirizzo e-mail, in modo che anche lei possa vedere il mio indirizzo. Mi ha fregato?

In rete vince chi fugge
Macché: da vero 007 avevo già previsto tutto, e ho aperto un indirizzo mail intestato ad Alessandro Ginestra. E così la nostra chiacchierata prosegue. Vuole che le racconti cosa mi piace di lei, io sono sempre più romantico, mi dice che sta scrivendo un nuovo libro e vorrebbe farmi leggere la bozza. Io decido di fermarmi, le dico che si sta facendo tardi, stiamo messaggiando da più di un’ora (in amore vince chi fugge). Avrò vinto davvero? In ogni caso, cara Lory, ora sai la verità. Ma sono i rischi del mestiere (il tuo), sommati ai rischi di Facebook (non sai mai chi si nasconde dall’altra parte). A questo punto invoco il tuo perdono e ti chiedo: ma la bozza del libro me la fai leggere lo stesso?

di Ivan Roncalli

Tv Sorrisi e Canzoni n.10 – 2009