11 Febbraio 2011 | 17:49

La parola al cast di Sanremo: «Siamo tutti pazzi» per Super Gianni

Sorrisi ha «spiato» i cinque conduttori durante le prove. Morandi è sicuro: «Per vincere bisogna essere una squadra». Ed Elisabetta Canalis, Belen, Luca e Paolo hanno imparato bene la lezione: leggete cosa dicono del loro «capitano»...

 di

La parola al cast di Sanremo: «Siamo tutti pazzi» per Super Gianni

Sorrisi ha «spiato» i cinque conduttori durante le prove. Morandi è sicuro: «Per vincere bisogna essere una squadra». Ed Elisabetta Canalis, Belen, Luca e Paolo hanno imparato bene la lezione: leggete cosa dicono del loro «capitano»...

11 Febbraio 2011 | 17:49 di

Mito, passione ed eresia. Ovvero Gianni Morandi (il mito), Belen Rodriguez ed Elisabetta Canalis (la passione) e le «iene» Luca e Paolo (l’eresia, appunto). È Luca Bizzarri, da alieno della situazione, a fornire un’immagine disincantata dell’evento: «Non l’avrei detto, ma qui da un mese si lavora alla grande. E questo mi fa sorridere perché in un Paese dove non si prende mai niente sul serio, il Festival della canzone sembra essere la sola certezza».

Distanti per generazione di appartenenza, per esperienze fatte e per formazione culturale, i nostri cinque sono accomunati dal parlare chiaro. A cominciare dal capitano Gianni Morandi: «Per me è importante fare gruppo. Stare insieme, mangiare, chiacchierare, scambiarsi idee. E capire che le rivalità non aiutano. Sul palco i dispetti non funzionano, se invece ti metti a disposizione dell’altro, tutto il positivo ti ritorna indietro. La supposta rivalità tra Belen ed Elisabetta? È inevitabile, entrambe sono un po’ preoccupate, sanno di avere tutti i riflettori addosso, sanno che ogni piccolo errore verrà sottolineato. Io ho maggiore esperienza, me ne frego di più e ci sono già passato tante altre volte, come quando mi contrapponevano a Claudio Villa, o a Celentano o a Massimo Ranieri. Una volta vince l’uno, una volta l’altro. Io qui cerco di trasmettere il gusto della generosità e del farsi assist a vicenda. Il mio compito è questo».

Le polemiche che rimbalzano tra giornali e talk show pomeridiani su presunte gravidanze, fidanzati e quant’altro non scalfiscono la serenità del capitano: «Se della nostra squadra facessero parte due belle ragazze anonime, nessuno se ne occuperebbe. Belen ed Elisabetta invece per fortuna sono al centro dell’attenzione».
Morandi sembra avere tutto sotto controllo. «A parte quello che diranno Luca e Paolo. Me lo vogliono tenere segreto e a me va bene. In realtà stiamo lavorando spesso insieme. Ogni mattina arrivano alle 10 pieni di idee e proposte e non se la prendono se non vengono accettate. Mi aspettavo due giocherelloni, invece sono due professionisti».

Bizzarri e Kessisoglu incassano i complimenti ma puntualizzano: «In realtà ci arrabbiamo, eccome… Il fatto è che il nostro mondo e quello di Raiuno sono distanti anni-luce e farli incontrare non è facile. Ma va bene anche discutere animatamente se si lavora con la giusta tensione. Noi siamo venuti qui come si va sulla Luna o alle Olimpiadi. Anzi, non ho ancora deciso se farmi il tatuaggio con su scritto Sanremo 2011». E Bizzarri promette (o minaccia…): «All’Ariston faremo cose che non sono mai state fatte». A Kessisoglu l’atmosfera ricorda «un risiko, in cui immagini cose impossibili. Un po’ come con la Nazionale, a ognuno viene voglia di sognare la sua formazione. Così, parlando di ospiti, a me piacerebbero Herbie Hancock e Stevie Wonder».

Ed ecco Miss Canalis «felice in questa cittadina così bella, dove si cammina per strada, si mangia del buon pesce e si sta vicino al mare, che a me fa sentire subito a casa. Il gossip, la frenesia, la bolgia mediatica? Ho una vita talmente piena e felice che non me ne importa niente. Ho solo motivi per stare bene, come quello di vivere questa esperienza. Cercherò di dare il meglio di me, giocando sull’ironia e magari ballando. Il canto? Non scherziamo, non ho nessuna intenzione di iniziare a cantare proprio qui a Sanremo. Ma la musica fa parte della mia vita, non potrei stare senza certi pezzi di De Gregori o di Lauren Hill».

Qui a Sanremo avrà bisogno di prenderla anche un po’ sul ridere: «Mi lascerò prendere in giro. D’altra parte io sono la prima a non prendermi sul serio. E da questo punto di vista Morandi è una sorpresa. Riesce a sdrammatizzare qualsiasi cosa. Spero di continuare a frequentarlo anche dopo il Festival».

Poi dal centro esatto dell’occhio del ciclone esce Belen e tutti si immaginano chissà quali tensioni. E invece lei si dichiara «molto tranquilla. Respiro questa atmosfera surreale che ti porta a stare un po’ fuori dal mondo. Ed è bellissimo trovare un teatro caldo e accogliente come il salotto di casa mia. Tra noi cinque infatti c’è vera armonia. Gianni? Mi ha davvero sorpreso. Credevo avesse il parrucchino o che avesse fatto dei trapianti. E invece ha dei capelli bellissimi». Per non parlare del fisico (a proposito, girate pagina e leggete che cosa dice Belen su Gianni…).