21 Febbraio 2015 | 23:26

Littizzetto a Barbara d’Urso: “Hai l’età di Pompei e sembri nuova come Dubai”

Battute a raffica a “C'è posta per te” con Maria de Filippi. La risata in tv è sempre più al femminile

 di Lorenzo Di Palma

Littizzetto a Barbara d’Urso: “Hai l’età di Pompei e sembri nuova come Dubai”

Battute a raffica a “C'è posta per te” con Maria de Filippi. La risata in tv è sempre più al femminile

Foto: Luciana Littizzetto e Barbara d'Urso a "C'è posta per te"  - Credit: © Sito Ufficiale

21 Febbraio 2015 | 23:26 di Lorenzo Di Palma

Starle dietro è impossibile. È un vortice di simpatia: ne ha per tutti e tutte, dice cose terribili eppure tutti ridono. È Luciana Littizzetto che con Virginia Raffaele vista a Sanremo, sta dimostrando sempre più che i migliori comici della tv, sono in realtà comiche.

A Maria de Filippi è bastato “combinarle” un incontro dietro la famosa busta di C'è posta per te con Barbara d’Urso per scatenare l’ilarità generale dentro e fuori lo studio di Canale 5.

Dove la Littizzetto è entrata sbeffeggiando il pubblico - “ma siete aumentati! Vi accoppiate tra di voi? Signora cosa ha fumato?” - e la conduttrice - che chiama “Marijuana” -, che spiega l’ha invitata per festeggiare i suoi 50 anni, facendole dare qualche lezione da Barbara d’Urso che li ha compiuti prima di lei.  

Segue siparietto con foto “posate” della d’Urso e contorcimenti della Littizzetto sul divanetto della trasmissione che quando si apre la busta dice: “È stata un'idea della De Filippi perché ho compiuto 50 anni e tu sei l'immagine di chi ne ha di più e non si è mai rifatta”. Ma subito dopo: “Hai l'età di Pompei e sembri nuova come Dubai”.   

Poi è stato un crescendo, con Barbara d’Urso che con tanta autoironia le ha fatto da “sparring partner” impartendole lezioni di portamento, di luci, di “faccette” e arrivando persino a prestarle le sue Louboutin con i tacchi a spillo.  

Impossibile riportare le battute con lo stesso effetto. “Lucianina” ne ha sparate a raffica: “Anche se ha il trono di spade, lei è seduta su un biglietto della metro".

“A me le maghe leggono il collo invece che i fondi del caffè. Lei sta sempre col collo allungato come dovesse osservare la migrazione delle anatre”.

Le ha persino proposto improbabili pretendenti come Fassino o Brunetta: “Puoi prenderli in blocco: se vai in baita ti porti il piccolo, se vai a vedere la Cappella Sistina ti porti il grande”.

Alla fine escono insieme tra gli applausi: “Sculetta, sculetta!”, continua a istruirla la d'Urso.