29 Giugno 2009 | 11:00

Michael Jackson, una vita vissuta sempre al massimo

Care lettrici, cari lettori, sono sicuro che l’improvvisa scomparsa di Michael Jackson ha lasciato anche a voi un fondo di amarezza che stenta ad andarsene. Non lo conoscevamo bene: in fondo apparteneva a quella ristretta cerchia di persone che con il loro stile di vita, più o meno condivisibile, alimentano il loro stesso mito. Genio […]

 di

Michael Jackson, una vita vissuta sempre al massimo

Care lettrici, cari lettori, sono sicuro che l’improvvisa scomparsa di Michael Jackson ha lasciato anche a voi un fondo di amarezza che stenta ad andarsene. Non lo conoscevamo bene: in fondo apparteneva a quella ristretta cerchia di persone che con il loro stile di vita, più o meno condivisibile, alimentano il loro stesso mito. Genio […]

29 Giugno 2009 | 11:00 di

alfonso_signorini-400x40022

Care lettrici, cari lettori,

sono sicuro che l’improvvisa scomparsa di Michael Jackson ha lasciato anche a voi un fondo di amarezza che stenta ad andarsene. Non lo conoscevamo bene: in fondo apparteneva a quella ristretta cerchia di persone che con il loro stile di vita, più o meno condivisibile, alimentano il loro stesso mito. Genio e sregolatezza: la vita di Michael sta dentro a questi due parametri. Era un artista, nel senso pieno del termine: sul palco, come nella sua stessa metamorfosi fisica, sapeva trasformarsi e donarsi, sapeva trasmettere emozioni, arrivava al cuore. La sua breve vita non gli ha risparmiato anche tragedie: come l’infamante e terribile accusa di pedofilia, dalla quale fu prosciolto. Una mia amica inglese che lo conosceva bene mi ha confidato che quando lo chiamava nella sua casa di Los Angeles, implorandolo di risparmiarsi e di prendere la vita con più calma, Michael le rispondeva sempre allo stesso modo: «Vivo e vivrò sempre a 350 all’ora. Quando ti abitui all’alta velocità non puoi startene in coda». Ecco, lui ha voluto mordere la vita, con la stessa fame di chi non si vuole privare di nulla. Per questo e per molto altro lascerà un segno nella storia della musica. Per questo
e per molto altro lascerà un vuoto dentro di noi. Lui, Madonna, Elton John, Stevie Wonder: tutti hanno accompagnato una parte di noi. Con loro abbiamo condiviso emozioni e momenti importanti della nostra vita. Quando uno di loro se ne va, se ne va anche una parte di noi. Per sempre.
Alla prossima!
as@sorrisi.com