28 Luglio 2009 | 00:27

Nella nostra immaginazione le star non invecchiano mai

Care lettrici, cari lettori, l’altro giorno parlavo al telefono con Maria De Filippi. Mi ha raccontato che prima di partire per le vacanze ad Ansedonia ha registrato negli studi di Cinecittà un blocco di «C’è posta per te» che andrà in onda il prossimo autunno, ospite Antonio Banderas. Le ho subito chiesto come lo avesse […]

 di

Nella nostra immaginazione le star non invecchiano mai

Care lettrici, cari lettori, l’altro giorno parlavo al telefono con Maria De Filippi. Mi ha raccontato che prima di partire per le vacanze ad Ansedonia ha registrato negli studi di Cinecittà un blocco di «C’è posta per te» che andrà in onda il prossimo autunno, ospite Antonio Banderas. Le ho subito chiesto come lo avesse […]

28 Luglio 2009 | 00:27 di

alfonso_signorini-400x4003Care lettrici, cari lettori, l’altro giorno parlavo al telefono con Maria De Filippi. Mi ha raccontato che prima di partire per le vacanze ad Ansedonia ha registrato negli studi di Cinecittà un blocco di «C’è posta per te» che andrà in onda il prossimo autunno, ospite Antonio Banderas. Le ho subito chiesto come lo avesse trovato. «È un grande» mi ha risposto Maria. «Ha cantato, ha ballato. Di una simpatia assoluta. Certo non è più quello di un tempo…». «Per forza, sei sempre in mezzo ai tronisti» ho replicato io. La risposta di Maria mi ha fatto riflettere: «Che c’entra? È che uno ha in mente Zorro…». Per le star, quelle vere s’intende, il tempo non esiste. Anche Richard Gere, udite udite, tra poche settimane compirà 60 anni. Ma io, come credo tutti voi, preferisco ricordarmelo bello come il sole mentre sceglie i suoi vestiti in «American Gigolo».
Nel nostro immaginario il passare degli anni non scalfisce la giovinezza delle star. Con questo non voglio dire che la maturità, per i più fortunati la vecchiaia, non debbano essere esibite con orgoglio. Ricordo una storica puntata del «Maurizio Costanzo Show» in cui Paola Borboni, che a quel tempo aveva superato gli 80, raccontava un battibecco tra lei e Renato Rascel, che non brillava certo per statura. «Renato mi definì “quella vecchiaccia”» ricordò la Borboni «ma io non persi tempo e replicai: “Taci Renato, per favore. Io giovane lo sono stata. Tu alto mai”».
Alla prossima
as@sorrisi.com