03 Gennaio 2012 | 15:03

L’editoriale di ALFONSO SIGNORINI: No comment: beh va beh…

Care lettrici e cari lettori, vi regalo una lettera di una di voi. Lascio a voi i commenti… Buongiorno direttore, faccio riferimento alla lettera apparsa sullo scorso numero di Sorrisi “Che piacere vedere il viso sincero di Orietta Berti” e alla sua risposta. Sarà anche vero che non è rifatta ma io che l’ho conosciuta […]

 di

L’editoriale di ALFONSO SIGNORINI: No comment: beh va beh…

Care lettrici e cari lettori, vi regalo una lettera di una di voi. Lascio a voi i commenti… Buongiorno direttore, faccio riferimento alla lettera apparsa sullo scorso numero di Sorrisi “Che piacere vedere il viso sincero di Orietta Berti” e alla sua risposta. Sarà anche vero che non è rifatta ma io che l’ho conosciuta […]

03 Gennaio 2012 | 15:03 di

Care lettrici e cari lettori, vi regalo una lettera di una di voi.
Lascio a voi i commenti…

Buongiorno direttore,
faccio riferimento alla lettera apparsa sullo scorso numero di Sorrisi “Che piacere vedere il viso sincero di Orietta Berti” e alla sua risposta. Sarà anche vero che non è rifatta ma io che l’ho conosciuta (era venuta nel Modenese per una festa paesana), l’ho trovata arrogante, spocchiosa e anche poco gentile…
E a proposito di rifatte, ho trovato orribile la foto della Marcuzzi con la bocca e il naso che rivelano i lineamenti alterati dalla mano sapiente del chirurgo. E quei capelli incolti? Proprio non si può guardare. E ancora: che dire della Carlucci? Non è ora che faccia la sessantenne, si tolga la frangia, smetta di tenere la bocca aperta facendo finta di fare la sensuale e di portare quegli orribili stivaletti e i fuseaux attillati? Io l’apprezzo per la sua professionalità ma così è ridicola. E la D’Urso non è ora che faccia la signora, la finisca di essere di una volgarità senza limiti e sempre sopra le righe? Basta, non se ne può più. Ho 62 anni, compro Sorrisi da una vita e sono piena di difettucci legati anche all’età. Certo non faccio parte del mondo dello spettacolo ma non farei della mia persona uno spettacolo ridicolo. Sono alta, bionda con gli occhi chiarissimi e qualche chilo in più ma sinceramente non me ne importa niente. Non spenderei un centesimo nella chirurgia plastica, perché mi piaccio come sono. I soldi li spendo in libri: leggo di tutto, compresi i quotidiani, anche se fanno venire la depressione per le notizie catastrofiche e non proprio ottimistiche. Amo la natura e gli animali e quando mi prendono le paturnie (io abito al mare) vado a fare una passeggiata in spiaggia: il tutto mi rinfranca e mi rasserena. Le auguro buon anno e le porgo cordiali saluti.
Anna Mosconi