11 Marzo 2015 | 10:09

Pharrell e Robin Thicke risarciscono gli eredi di Marvin Gaye

Una giuria californiana ha stabilito che «Blurred lines» contiene un plagio di «Got to give it up»

 di Francesco Chignola

Pharrell e Robin Thicke risarciscono gli eredi di Marvin Gaye

Una giuria californiana ha stabilito che «Blurred lines» contiene un plagio di «Got to give it up»

Foto: Pharrell Williams e Robin Thicke  - Credit: © Getty

11 Marzo 2015 | 10:09 di Francesco Chignola

Un plagio, anche quando è «involontario», è pur sempre un plagio? È ciò che ha stabilito una giuria della California nei confronti di «Blurred lines», brano di Robin Thicke e Pharrell Williams accusato di aver attinto illegalmente a un classico di Marvin Gaye, «Got to give it up».

Il caso ha fatto parlare di sé visto che «Blurred lines», oltre a essere stato un brano molto discusso sui media per via del suo video provocatorio, è stato anche uno dei singoli di maggior successo degli ultimi anni. Una vera super hit che ora, però, dovrà pagare il conto.

La cifra da versare è altrettanto clamorosa: un totale di 7,6 milioni di dollari, di cui quasi la metà dovuti ai «profitti attribuibili al plagio», divisi equamente tra i due artisti autori della canzone, Thicke e Williams.

La giuria ha stabilito che il plagio «non è stato volontario», ma ciò non ha cambiato l'esito della sua decisione.

Le due canzoni a confronto