29 Marzo 2011 | 11:08

Premiata Forneria Marconi: prima l’omaggio all’«Amico Faber», poi un concerto evento a Londra

Il sodalizio tra Fabrizio De André e la Premiata Forneria Marconi, iniziato nel 1970 con l'incisione dell'album «La buona novella» e culminato in 33 mitici concerti a cavallo tra il '78 e il '79, rivive in «Amico Faber», un cofanetto deluxe con il meglio della produzione che la PFM ha dedicato al grande cantautore genovese...

 di

Premiata Forneria Marconi: prima l’omaggio all’«Amico Faber», poi un concerto evento a Londra

Il sodalizio tra Fabrizio De André e la Premiata Forneria Marconi, iniziato nel 1970 con l'incisione dell'album «La buona novella» e culminato in 33 mitici concerti a cavallo tra il '78 e il '79, rivive in «Amico Faber», un cofanetto deluxe con il meglio della produzione che la PFM ha dedicato al grande cantautore genovese...

29 Marzo 2011 | 11:08 di

la PFM: da sinistra, Franz Di Cioccio, Patrick Djivas e Franco Mussida

Il sodalizio tra Fabrizio De André e la Premiata Forneria Marconi, iniziato nel 1970 con l’incisione dell’album «La buona novella» e culminato in 33 mitici concerti a cavallo tra il ’78 e il ’79, rivive in «Amico Faber», un cofanetto deluxe con il meglio della produzione che la PFM ha dedicato al grande cantautore genovese. Oltre alla versione live dei brani arrangiati in origine dalla band, raccolti nel cd+dvd «PFM canta De André» (CD+DVD), il cofanetto contiene «A.D. 2010 – La Buona Novella», rilettura del capolavoro del ’70 con nuovi arrangiamenti e musica inedita composta appositamente per la versione dell’anniversario. Inoltre,  un libretto di 16 pagine con foto mai viste prima di De André con la PFM scattate da Guido Harari, il fotografo che ha seguito il tour del 78-79, ma anche 3 stampe fotografiche da collezione.

Ma come nacque questa collaborazione, sorprendente se si considera che De André aveva accettato di farsi accompagnare da una band di rock «progressive» che sulla carta mal si conciliava con la vena intimista della sua canzone d’autore? «L’idea di fondere i due stili fu mia» ha ricordato Franz Di Cioccio, batterista e cantante della band. «Quando la manifestai a Fabrizio, lui non fu affatto entusiasta. Sosteneva che suonassimo troppo forte e che con tutti quegli amplificatori avremmo finito col farlo scomparire. Vinta l’iniziale diffidenza, tutto filò a meraviglia». «Non nascondo che mi dovettero letteralmente trascinare» ammise poi Fabrizio.

Il prossimo 20 maggio, la PFM sarà protagonista di un concerto evento all’HMV Forum di Londra. In scaletta il repertorio inciso negli Anni 70 per la storica etichetta inglese Manticore, fondata da Emerson, Lake and Palmer. Sul palco con loro, special guest a sorpresa. Lo spettacolo si annuncia un appuntamento imperdibile per riascoltare i classici della band, da «Celebration» a «The World Became the World». Prevendite su Hmvtickets.com, Ticketweb.co.uk e Ticketmaster.co.uk.