23 Febbraio 2015 | 09:46

Razzie Awards: la peggior attrice è Cameron Diaz

Ai premi per i peggiori, annunciati il giorno prima degli Oscar, “trionfa” la commedia natalizia "Kirk Cameron's Saving Christmas"

 di Lorenzo Di Palma

Razzie Awards: la peggior attrice è Cameron Diaz

Ai premi per i peggiori, annunciati il giorno prima degli Oscar, “trionfa” la commedia natalizia "Kirk Cameron's Saving Christmas"

Foto: Cameron Diaz, peggior attrice del 2014

23 Febbraio 2015 | 09:46 di Lorenzo Di Palma

Mentre stanotte l’industria cinematografica americana ha premiato i “migliori”, il giorno prima, come da tradizione, sono stati assegnati i Golden Raspberry Awards, i “lamponi d’oro”, più conosciuti come Razzie Awards, i premi “pernacchia”, letteralmente, riservati alle peggiori performance del 2014.

Lo speciale “premio”, arrivato quest’anno, alla 35° edizione, ha visto “trionfare” come peggiori attori Cameron Diaz e Kirk Cameron.

Cameron Diaz ha vinto il premio addirittura per due interpretazioni, in Tutte contro lui - The Other Woman e in Sex Tape. Kirk Cameron - noto in Italia per essere stato negli anni '80 protagonista del telefilm Genitori in blue jeans - per la sua performance in Kirk Cameron's Saving Christmas, film che probabilmente non vedremo neanche in Italia giudicato non solo il “Peggior film dell’anno”, ma anche quello con la peggior sceneggiatura e la peggiore coppia sulla schermo. Non è un caso che la commedia natalizia di Cameron sia stata anche eletta "film più brutto di sempre" dagli utenti del sito IMDb.

Peggior regista è stato giudicato Michael Bay per il film Transformers 4 - L'era dell'estinzione. Mentre il premio alla peggior attrice non protagonista va ad un’altra bellissima di Hollywood, Megan Fox, per Tartarughe Ninja. Il peggior attore non protagonista, invece è Kelsey Grammer, per le sue tre interpretazioni in I mercenari 3, Think Like a Man Too e Il magico mondo di Oz.

A Ben Affleck, infine, è stato riconosciuto un premio assegnato per la prima volta, l'unico premio in positivo della serata, quello per un ex-vincitore di Razzie che è stato capace di “raddrizzare” la sua carriera, il “The Razzie Redeemer Award”.