01 Febbraio 2011 | 11:41

ROBERTO VECCHIONI

Nell’ambiente discografico Roberto Vecchioni (Carate Brianza, MI, 25/6/43, Cancro) è chiamato «il Professore». Attualmente è docente del corso di «Forme di poesie in musica» all’Università di Pavia. «Gli studenti» dice Vecchioni «hanno accolto con gioia la notizia della mia partecipazione al Festival. Sul mio sito però sono apparsi anche numerosi commenti di disapprovazione». Finora Vecchioni […]

 di

ROBERTO VECCHIONI

Nell’ambiente discografico Roberto Vecchioni (Carate Brianza, MI, 25/6/43, Cancro) è chiamato «il Professore». Attualmente è docente del corso di «Forme di poesie in musica» all’Università di Pavia. «Gli studenti» dice Vecchioni «hanno accolto con gioia la notizia della mia partecipazione al Festival. Sul mio sito però sono apparsi anche numerosi commenti di disapprovazione». Finora Vecchioni […]

01 Febbraio 2011 | 11:41 di

Clicca sull'immagine per vedere la fotogallery (© Massimo Sestini)
Clicca sull'immagine per vedere la fotogallery (© Massimo Sestini)

Nell’ambiente discografico Roberto Vecchioni (Carate Brianza, MI, 25/6/43, Cancro) è chiamato «il Professore». Attualmente è docente del corso di «Forme di poesie in musica» all’Università di Pavia. «Gli studenti» dice Vecchioni «hanno accolto con gioia la notizia della mia partecipazione al Festival. Sul mio sito però sono apparsi anche numerosi commenti di disapprovazione».

Finora Vecchioni era stato una sola volta a Sanremo come interprete, nel 1973 con «L’uomo che si gioca il cielo a dadi». Come autore, invece, ha partecipato altre due volte. «Ci torno dopo 38 anni» spiega «per la grande amicizia che mi lega a Morandi con il quale sono andato tante volte in vacanza». Quest’anno Vecchioni canta «Chiamami ancora amore»: «L’ho scritta in una notte»  spiega. «Parla di tutti quei motivi per i quali, nonostante tutto quello in cui ci fa imbattere la vita, vale sempre la pena continuare ad amare». E anche nella scelta di «O’ surdato ’nnammurato» per la serata dell’Unità d’Italia c’entra l’amore. «La canterò per i miei genitori che erano napoletani e per chi, partito in guerra, ha detto addio alla vita».

ROBERTO VECCHIONI e SANREMO

1973   L’uomo che si gioca il cielo a dadi 7° posto

DALL’ARCHIVIO DI SORRISI

Il Prof dei sogni (16 maggio 1999)

Bandolero tra rabbia e malinconie  (11 maggio 1997)