14 Febbraio 2011 | 18:20

Una tranquilla vigilia di prove all’Ariston

Dopo la conferenza stampa di presentazione, la vigilia del Festival è proseguita con la prova generale dei cantanti all’Ariston. Dalle 14.30, partendo con Luca Barbarossa e Raquel del Rosario, i 14 artisti in gara si sono esibiti davanti ai giornalisti, provando oltre all’esibizione anche l’entrata in scena. La performance più applaudita è stata quella di Roberto Vecchioni, appassionato interprete di “Chiamami ancora amore”, canzone che convince e commuove...

 di

Una tranquilla vigilia di prove all’Ariston

Dopo la conferenza stampa di presentazione, la vigilia del Festival è proseguita con la prova generale dei cantanti all’Ariston. Dalle 14.30, partendo con Luca Barbarossa e Raquel del Rosario, i 14 artisti in gara si sono esibiti davanti ai giornalisti, provando oltre all’esibizione anche l’entrata in scena. La performance più applaudita è stata quella di Roberto Vecchioni, appassionato interprete di “Chiamami ancora amore”, canzone che convince e commuove...

Foto: Una spirale, a simboleggiare lo snodarsi della strada della musica, ma anche la passione per la corsa di Gianni Morandi, e' l'elemento dominante della scenografia del teatro Ariston per il festival di Sanremo 2011, disegnata per il diciottesimo anno dall'architetto Gaetano Castelli, con la figlia Maria Chiara. Anche quest'anno niente scalinata, con l'orchestra ai piedi del palco. E spazio a soluzioni spettacolari per far apparire e sparire il cast. +++ NO FILES, NO SALES, EDITORIAL USE ONLY +++ ANSA / RAI (U.S.)

14 Febbraio 2011 | 18:20 di

Dopo la conferenza stampa di presentazione, la vigilia del Festival è proseguita con la prova generale dei cantanti all’Ariston. Dalle 14.30, partendo con Luca Barbarossa e Raquel del Rosario, i 14 artisti in gara si sono esibiti davanti ai giornalisti, provando oltre all’esibizione anche l’entrata in scena. La performance più applaudita è stata quella di Roberto Vecchioni, appassionato interprete di “Chiamami ancora amore”, canzone che convince e commuove.

Alla fine dell’esibizione del cantautore milanese, Gianni Morandi è salito sul palco e lo ha abbracciato. Il conduttore del 61° Festival, arrivato in sala a metà del programma, è molto vicino ai “suoi” cantanti: accompagna fuori dal palco Patty Pravo, dà suggerimenti ai coristi dopo la performance di Max Pezzali, scambia due battute con Franco Battiato. In conferenza stampa Morandi aveva detto: “Spero che queste canzoni la gente inizi a canticchiarle già da mercoledi. Per me i momenti peggiori del Festival saranno quelli delle eliminazioni”.