Home MusicaAldo Vitali, l’editoriale del direttore: Sanremo, la nostra cara esagerazione nazionale

12 Febbraio 2013 | 08:36

Aldo Vitali, l’editoriale del direttore: Sanremo, la nostra cara esagerazione nazionale

Scusate se scrivo di corsa, ma accanto a me c'è un tecnico che guarda nervosamente l'orologio e appena avrò «salvato» questo articolo staccherà brutalmente i cavi e si porterà via il mio computer per depositarlo nella redazione sanremese di Sorrisi. Anche quest'anno, infatti, alcuni di noi si trasferiranno in Riviera per raccontarvi il Festival in tutte le sue sfumature...

 di

Aldo Vitali, l’editoriale del direttore: Sanremo, la nostra cara esagerazione nazionale

Scusate se scrivo di corsa, ma accanto a me c'è un tecnico che guarda nervosamente l'orologio e appena avrò «salvato» questo articolo staccherà brutalmente i cavi e si porterà via il mio computer per depositarlo nella redazione sanremese di Sorrisi. Anche quest'anno, infatti, alcuni di noi si trasferiranno in Riviera per raccontarvi il Festival in tutte le sue sfumature...

Foto: Direttore di TV Sorrisi e Canzoni

12 Febbraio 2013 | 08:36 di Redazione

Scusate se scrivo di corsa, ma accanto a me c’è un tecnico che guarda nervosamente l’orologio e appena avrò «salvato» questo articolo staccherà brutalmente i cavi e si porterà via il mio computer per depositarlo nella redazione sanremese di Sorrisi. Anche quest’anno, infatti, alcuni di noi si trasferiranno in Riviera per raccontarvi il Festival in tutte le sue sfumature.

Ricordatevi che avremo un sito aperto 24 ore su 24 e continuamente aggiornato con foto, video e articoli. Seguiteci su Twitter e su Facebook (e anche alla radio su R101). E diteci la vostra, che poi è l’unica opinione che conta. Nella frenesia festivaliera perdiamo un po’ tutti la testa. E sono sicuro che se cadesse una bomba atomica ad Arma di Taggia (5 chilometri da Sanremo), non ce ne accorgeremmo nemmeno, tutti presi a capire se il cantante dei Marta sui Tubi ha la febbre o se la parolaccia della Littizzetto (che per forza le scapperà, dài) farà rimandare le elezioni.

È, Sanremo, la nostra esagerazione nazionale, e tutti quanti, in Italia, ne veniamo contagiati. Dite che è una vergogna? Mah, direi che c’è di peggio in giro. E che se per qualche giorno ci troviamo davanti alla tele per ascoltare un po’ di canzoni italiane non cadiamo in un peccato mortale. Quindi, buon Festival a tutti. E ricordate che il prossimo numero di Sorrisi sarà in edicola lunedì 18 e non, come al solito, il martedì. (Sì, signor tecnico, ho capito, chiudo. Ho finito. Si prenda pure il mio computer. Piano, con quei cavi, però!)

av@mondadori.it
@aldovitali