23 Settembre 2011 | 11:49

Alessandra Amoroso, l’intervista: «Cari fan, vi penso in ogni momento»

La cantante salentina, ospite della seconda puntata dei Migliori Anni, scrive ai nostri lettori per chiarire uno spiacevole episodio: «Quella sera a Macerata ero troppo stanca per firmare autografi. Sono stata criticata senza motivo, proprio io che invito a casa le mie fedelissime. Ma dovete capire che questo lavoro può essere molto stressante». Alessandra ricorda di aver fatto il possibile, quella notte, per evitare che la situazione precipitasse. «Erano le tre, e quando sono uscita dal ristorante ho visto che c’erano delle persone che mi aspettavano. Ho detto: “Scusatemi, sono davvero stanca” rivolgendomi a loro in modo educato»...

 di

Alessandra Amoroso, l’intervista: «Cari fan, vi penso in ogni momento»

La cantante salentina, ospite della seconda puntata dei Migliori Anni, scrive ai nostri lettori per chiarire uno spiacevole episodio: «Quella sera a Macerata ero troppo stanca per firmare autografi. Sono stata criticata senza motivo, proprio io che invito a casa le mie fedelissime. Ma dovete capire che questo lavoro può essere molto stressante». Alessandra ricorda di aver fatto il possibile, quella notte, per evitare che la situazione precipitasse. «Erano le tre, e quando sono uscita dal ristorante ho visto che c’erano delle persone che mi aspettavano. Ho detto: “Scusatemi, sono davvero stanca” rivolgendomi a loro in modo educato»...

23 Settembre 2011 | 11:49 di

Alessandra Amoroso

«Vuole sapere cosa stavo facendo? Lavavo il bucato e stiravo i panni». La nostra telefonata con Alessandra Amoroso inizia con questa piccola rivelazione domestica, che serve a sdrammatizzare il serio motivo dell’intervista. La cantante salentina, reduce da un fortunato tour estivo, vuole raccontare la sua verità su un momento difficile vissuto la notte del 29 agosto, poche ore dopo la conclusione del concerto di Macerata.

L’episodio è stato raccontato da un lettore sul numero 37 di Sorrisi, uscito due settimane fa. In quella lettera, Alessandra veniva criticata per essersi rifiutata di firmare autografi ai fan che l’attendevano da ore all’uscita di un locale. «Da quando il Signore mi ha dato la fortuna di stare sul palco, ho firmato autografi ogni sera, per tutti» spiega la vincitrice di «Amici 8». «Perché mi va, perché sento di farlo. Con i fan mi piace scambiare gesti d’affetto, anche se a volte è difficile farlo nella confusione».

Alessandra ricorda di aver fatto il possibile, quella notte, per evitare che la situazione precipitasse. «Erano le tre, e quando sono uscita dal ristorante ho visto che c’erano delle persone che mi aspettavano. Ho detto: “Scusatemi, sono davvero stanca” rivolgendomi a loro in modo educato. Non sono una che scinde il lavoro dalla vita giù dal palco. Per questo, quando risento fisicamente di quello che faccio, può capitare che non me la senta. Non sono un robot».

«Una volta salita in macchina ho sentito una mamma urlarmi contro» continua. «Ecco, in quel momento mi sono proprio arrabbiata. Sono scesa e ho espresso la mia delusione. Le ho chiesto che cosa avessi fatto di male. A quel punto, la bambina di questa signora ha iniziato a piangere, e di questo mi dispiace molto».

Alessandra non ci sta a passare per una che non apprezza la fortuna di essere una star della musica. «Lavoro fin da quando ero piccola» chiarisce con fermezza «e so riconoscere le difficoltà e la fatica. So di fare un mestiere bello, che permette alla mia famiglia di stare un po’ meglio. Ma a volte può essere stressante. Ogni giorno si cambia città, albergo. Maciniamo un sacco di chilometri».

Per chiudere l’episodio di Macerata, Alessandra ha chiesto a Sorrisi di pubblicare un suo messaggio, firmato Sandrina, in cui ringrazia «tutti coloro che mi vogliono bene». Un’altra prova di quanto la cantante tenga al rapporto con i fan: «Ovunque vada ascolto le persone che hanno qualcosa da dirmi, e sono tante» spiega. «Non stacco mai, nemmeno quando arrivo a casa. Perché penso a loro, a come sarà il prossimo spettacolo. Cerco sempre il contatto».

Tuttavia, rimane in lei la delusione per quanto è successo. «Non credevo di meritare quella reazione. Dopo questa vicenda sento di poter dire a quella mamma che è fondamentale che tuteli sua figlia e che la prossima volta le dica: “Ci sarà modo, vedrai”. Perché trovarmi è semplice, mi è capitato più volte di invitare alcune fedelissime a casa mia, come farei con degli amici». Infine, Alessandra sussurra con voce emozionata: «Ho il difetto di voler piacere a tutti. Prendo le cose troppo a cuore, soprattutto quando si parla dei miei fan».