09 Aprile 2009 | 14:21

Anche Madonna aiuta i terremotati abruzzesi

La popstar, di origine abruzzese, annuncia di voler dare una mano alla città (Pacentro) da cui provengono i nonni paterni, che tra le due guerre andarono a cercare fortuna in America. «Sono felice di aiutare il paese dei miei antenati» dichiara Madonna. A dare notizia è il sito E! News. I principali media britannici parlano di una donazione di 500 mila sterline.

 di

Anche Madonna aiuta i terremotati abruzzesi

La popstar, di origine abruzzese, annuncia di voler dare una mano alla città (Pacentro) da cui provengono i nonni paterni, che tra le due guerre andarono a cercare fortuna in America. «Sono felice di aiutare il paese dei miei antenati» dichiara Madonna. A dare notizia è il sito E! News. I principali media britannici parlano di una donazione di 500 mila sterline.

09 Aprile 2009 | 14:21 di

Madonna (Foto Kikapress)
Madonna (Foto Kikapress)

Mezzo milione di sterline per aiutare le vittime del sisma in Abruzzo. La popstar Madonna , di origine abruzzese, ha diffuso un comunicato stampa in cui annuncia di voler dare una mano alla città (Pacentro) da cui provengono i nonni paterni, Michelina Di Iulio e Gaetano Ciccone, che tra le due guerre andarono a cercare fortuna in America.

A dare notizia della decisione della cantante è il sito E! News.

«I miei pensieri» scrive Madonna nel comunicato «vanno alle famiglie che hanno perso i loro cari o le loro case». L’agente della cantante, Liz Rosenberg, non ha voluto precisare esattamente a quanto ammonta la donazione ma, secondo quanto scrive il sito di spettacolo americano, la somma si aggirerebbe intorno alle 500mila sterline.
A chiedere l’intervento della cantante era stato Fernando Caparso, primo cittadino del paese, qualificato tra i più bei borghi d’Italia, che aveva dichiarato: «Voglio fare un appello a una star internazionale come Madonna perché ci aiuti a reperire in tutto il mondo i fondi per aiutare la popolazione abruzzese».
Fortunatamente Pacentro non ha avuto né morti né feriti, ma solo danni agli edifici più vecchi e alla chiesa madre. «La paura però è stata tanta» continua il sindaco «e ora il nostro pensiero va a come poter aiutare gli abruzzesi che hanno perso tutto».