15 Gennaio 2013 | 19:18

Andrea Bocelli torna con «Passione» e duetta con Jennifer Lopez e Nelly Furtado

Nel disco, prodotto da David Foster, il tenore toscano canta in sei lingue diverse (italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese e anche napoletano) e duetta con due superstar del pop internazionale (Jennifer Lopez, Nelly Furtado) e con Edith Piaf, leggenda della musica francese la cui voce rivive in «La vie en rose»...

 di

Andrea Bocelli torna con «Passione» e duetta con Jennifer Lopez e Nelly Furtado

Nel disco, prodotto da David Foster, il tenore toscano canta in sei lingue diverse (italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese e anche napoletano) e duetta con due superstar del pop internazionale (Jennifer Lopez, Nelly Furtado) e con Edith Piaf, leggenda della musica francese la cui voce rivive in «La vie en rose»...

Foto: C

15 Gennaio 2013 | 19:18 di

Tre anni dopo i trionfi di «My Christmas», Andrea Bocelli torna il 29 gennaio con un nuovo album, «Passione», nel quale reinterpreta 18 capolavori che appartengono alla storia della musica, da «Love Me Tender» ad «Anema e core». Nel disco, prodotto da David Foster, il tenore toscano canta in sei lingue diverse (italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese e anche napoletano) e duetta con due superstar del pop internazionale (Jennifer Lopez, Nelly Furtado) e con Edith Piaf, leggenda della musica francese la cui voce rivive in «La vie en rose» grazie alla magia produttiva di Foster, la stessa che usò 22 fa per il duetto di Natalie e Nat King Cole «Unforgettable». «È il vero colpo di scena del disco» spiega Bocelli. «È come se lei fosse tornata con noi per qualche minuto dopo averci lasciato cinquant’anni fa».

Nelle intenzioni di Bocelli, «Passione» vuole essere un omaggio straordinario al sentimento: «Passione è amore ad alta temperatura. La parola che intitola l’album porta con sé, frugando tra le pieghe semantiche del termine, il significato di rovente slancio amoroso, dolce tormento sensuale, potente trasporto sentimentale. Seppure conscio che, per abbracciare in musica tutta la gamma di sfumature che un vero amore può contenere, non basterebbe probabilmente l’intera produzione melodica esistente al mondo, devo ammettere che nell’album abbiamo voluto coprire uno spettro di tonalità, il più ampio possibile, di quel misterioso e meraviglioso caleidoscopio che sovrintende il concetto dell’amore, somma di cuore, spirito e sensi».