25 Novembre 2011 | 16:41

ANTONELLO VENDITTI presenta a Milano il suo nuovo album UNICA

Lo rivedi, quattro anni dopo il successo di «Dalla Pelle al Cuore» (300 mila copie vendute) e pensi che il tempo, in fondo, per lui non sia mai passato. Gli stessi pesanti occhialoni scuri, giacca sportiva e un’ampia sciarpa a cingergli il collo. E lo stesso entusiasmo e carica di sempre. Così Antonello Venditti si è presentato stamattina al «Noy» di Milano per presentare in conferenza stampa «Unica», il suo nuovo album di inediti in uscita martedì prossimo...

 di

ANTONELLO VENDITTI presenta a Milano il suo nuovo album UNICA

Lo rivedi, quattro anni dopo il successo di «Dalla Pelle al Cuore» (300 mila copie vendute) e pensi che il tempo, in fondo, per lui non sia mai passato. Gli stessi pesanti occhialoni scuri, giacca sportiva e un’ampia sciarpa a cingergli il collo. E lo stesso entusiasmo e carica di sempre. Così Antonello Venditti si è presentato stamattina al «Noy» di Milano per presentare in conferenza stampa «Unica», il suo nuovo album di inediti in uscita martedì prossimo...

25 Novembre 2011 | 16:41 di

Antonello Venditti (foto ANSA)

Lo rivedi, quattro anni dopo il successo di «Dalla Pelle al Cuore» (300 mila copie vendute) e pensi che il tempo, in fondo, per lui non sia mai passato. Gli stessi pesanti occhialoni scuri, giacca sportiva e un’ampia sciarpa a cingergli il collo. E lo stesso entusiasmo e carica di sempre. Così Antonello Venditti si è presentato stamattina al «Noy» di Milano per presentare in conferenza stampa «Unica», il suo nuovo album di inediti in uscita martedì 29 novembre. «Milano è un po’ la mia seconda casa, è una città cui sono particolarmente legato. Qui sono cresciuto artisticamente e sono state concepite “Lilly”, “Sotto il segno dei pesci”, “Buona domenica”».

L’album, anticipato dall’uscita del primo singolo «Unica (Mio danno ed amore)», contiene nove tracce, in cui libertà ed amore sono tematiche dominanti. «Il disco sbatte continuamente tra cielo e terra, è un invito a superare i contorni che abbiamo». Ma, come da tradizione negli album di stampo vendittiano, non manca l’impegno sociale. Lo capisci subito dal primo brano, la melodica «E allora canta!», impreziosita dal sax di Gato Barbieri. Il pezzo è dedicato ai ricercatori e agli studenti che il 23 dicembre 2010 si abbarbicarono, in segno di protesta contro la riforma Gelmini, sui tetti della facoltà di Architettura di piazza Fontanella Borghese, a Roma. Una manifestazione cui lo stesso Venditti partecipò attivamente.

Anche l’ultima canzone «La ragazza del lunedì (Silvio)», con uno scatenato Carlo Verdone alla batteria, fa riferimento al precedente Governo. «La ragazza in questione è l’Italia, prima innamorata, poi disincantata quando l’amore finisce e vede affiorare ad uno a uno tutti i difetti del suo ex amante». Nel mezzo, «Oltre il confine», «Ti ricordi il cielo», scritta a quattro mani con Pacifico, «Forever», «Come un vulcano», «Cecilia», e «Non ci sono anime».

La conferenza stampa di stamattina è solo il punto di partenza della campagna di promozione dell’album. Domenica Venditti sarà ospite di Fabio Fazio a «Che tempo che fa», il 1° dicembre sarà alla finale di «Io canto». Poi a «Quelli che il calcio» e «I migliori anni». «Tutte le occasioni sono buone per promuovere il mio album. Non ho nessuna preclusione». A primavera poi sarà tempo di tour, prima tappa l’8 marzo, giorno in cui Antonello festeggia il suo 63° compleanno.

Ecco tutte le date:
8 e 9 marzo ROMA (PalaLottomatica),
17 marzo ACIREALE – CT (Palasport),
24 marzo CONEGLIANO – TV (Spes Arena),
27 marzo MILANO (Mediolanum Forum),
31 marzo ANCONA (Pala Rossini),
12 aprile PERUGIA (Pala Evangelisti),
14 aprile BOLOGNA (Pala Dozza),
19 aprile GENOVA (105 Stadium),
21 aprile TORINO (Pala Olimpico),
23 aprile FIRENZE (Nelson Mandela Forum).

Sorrisi.com su Twitter