11 Ottobre 2010 | 08:16

Francesco Guccini e Bono tra le firme di «Chocabeck», il nuovo album di Zucchero

Esce in contemporanea mondiale il 3 novembre e promette grandi sorprese, come la presenza di Bono, autore del testo originale del brano «Il sapore della domenica». Tra le altre firme di prestigio, Francesco Guccini, Pasquale Panella e Iggy Pop...

 di

Francesco Guccini e Bono tra le firme di «Chocabeck», il nuovo album di Zucchero

Esce in contemporanea mondiale il 3 novembre e promette grandi sorprese, come la presenza di Bono, autore del testo originale del brano «Il sapore della domenica». Tra le altre firme di prestigio, Francesco Guccini, Pasquale Panella e Iggy Pop...

11 Ottobre 2010 | 08:16 di

Zucchero (foto Kikapress)

Quattro anni dopo il successo di «Fly», è pronto il nuovo album di Zucchero. Esce in contemporanea mondiale il 3 novembre e promette grandi sorprese, a cominciare dal titolo, «Chocabeck», legato ai ricordi del mondo contadino in cui Adelmo «Sugar» Fornaciari ha vissuto l’infanzia: «In dialetto significa “far schioccare il becco”» spiega il bluesman, nato 55 anni fa a Roncosesi, frazione di Reggio Emilia. «Me lo diceva sempre mio padre, quando mi lamentavo che avevo fame, per farmi capire che da mangiare non ce n’era». ù

Si annuncia, dunque, un viaggio nel passato (anticipato in questi giorni dal singolo «È un peccato morir», tra i più programmati dalle radio) nel quale Zucchero è accompagnato, come sempre, da grandi nomi della musica italiana e internazionale. Come Bono, che firma il testo originale del brano «Il sapore della domenica», e Brian Wilson, il leggendario fondatore dei Beach Boys presente nell’insolita veste di corista. Secondo alcune indiscrezioni, nell’album ci sarebbero anche due pezzi scritti per Zucchero da Iggy Pop, trasgressiva icona del punk-rock.

 Tra gli italiani, spiccano Francesco Guccini, Mimmo Cavallo e Pasquale Panella. Quest’ultimo ha scritto due brani, tra cui il singolo. Per dare al disco un sapore internazionale, Zucchero ha lavorato con due produttori americani, tra i più richiesti al mondo: Brendan O’Brien, che ha curato gli ultimi quattro album di Bruce Springsteen, e Don Was, al fianco di Zucchero anche nel precedente «Fly».