14 Aprile 2013 | 19:51

Il concerto in diretta web: Modà, Gioia Tour 2013

14 aprile 2013, Sorrisi.com è in mezzo al pubblico del Mediolanum Forum di Assago (MI), pronto a seguire minuto per minuto, con nostri commenti, il nuovo concerto live dei Modà, nella prima data milanese, a pochi giorni dall'inizio del nuovo tour (sold out)

 di

Il concerto in diretta web: Modà, Gioia Tour 2013

14 aprile 2013, Sorrisi.com è in mezzo al pubblico del Mediolanum Forum di Assago (MI), pronto a seguire minuto per minuto, con nostri commenti, il nuovo concerto live dei Modà, nella prima data milanese, a pochi giorni dall'inizio del nuovo tour (sold out)

Foto: © Massimo Sestini

14 Aprile 2013 | 19:51 di

14 aprile 2013, Sorrisi.com è in mezzo al pubblico del Mediolanum Forum di Assago (MI), pronto a seguire minuto per minuto, con nostri commenti, il nuovo concerto live dei Modà, nella prima data milanese, a pochi giorni dall’inizio del nuovo tour (come sempre, sold out).

Condivideremo insieme con voi tutte le emozioni (più vere) della band live più attesa dell’anno. Restate con noi. Dopo le nove, la diretta (web, commentata) ha inizio.

20.58 – Comincia il live. Ecco l’inizio del film concerto. Il film è ambientato all’ingresso di un pronto soccorso. Una donna incita è in procinto di partorire, i protagonisti del video sono i Modà nei panni di medici. Non vi diciamo altro!

21.01 – Si parte da «Gioia», che è anche il nuovo singolo estratto. Sullo sfondo scorrono le grafiche del testo. Il palco della band è diviso su due piani, Le passerelle sono tre, come raggi del sole che escono dalla struttura. Kekko è in formissima.

21.05 – Senza sosta, si continua. La canzone ora è «Come in un film».  Le luci sono ipnotiche, aggressive, decisamente rock. Sullo sfondo si susseguono alcune scene di un “film”. Come promesso, non ci saranno composizioni grafiche, ma le canzoni saranno accompagnate solo da immagini cinematografiche.

21.09 – «Come ci siete mancati, ci scrivete, per noi è stato davvero peggio. Grazie per questa fiducia costante che ci date, speriamo di ricambiare con la musica». Ora un tuffo nel passato, i fan apprezzano. Cantano «Sono già solo». La formazione è distribuita tra il piano alto e quello basso.

21.13 – «Questi fan sono proprio intonati», dice Kekko. Ora, su base acustica, si canta «Come un pittore». Una piccola fan viene fatta salire sul palco. Ora arriva «Non è mai abbastanza». La voce di Kekko, se possibile, è ancora più importante, forte.

21.23 – Poche parole, molti fatti. Ora si passa a «La sua bellezza». Kekko si scatena sul palco, la sua presenza è un’onda d’urto! Ecco ora una delle canzoni più amate dal pubblico nei live «Tappeto di fragole». Dal palco gli regalano un pupazzo a forma di fragola, lui lo bacia e lo rilancia alla proprietaria.

21.29 – Ora, racconta la genesi di un brano noto per essere stato regalato a Alessandra Amoroso, “Urlo e non mi senti”. Il pubblico è compatto, unito, emozionato. La giostra continua senza pause. «Ci sono posti che non esistono, non sono veri, sono molto veri e per quello che non si trovano nella cartina geografica, ma qui, nel cuore, posti dove si trovano delle cose che non vogliamo dimenticarci o perdere di vista». La canzone è «Dove è sempre sole». «Mi sto divertendo di brutto, e voi siete fantastici, dice».

21.37  - Non amo parlare, ma voglio spiegare il significato di questa canzone: «Avevo deciso di smettere di suonare, dopo tanti tentativi non riuscivo a fare delle cose, ero stufo di deludere le persone che mi vogliono bene. Mio padre mi ha detto che sono forte, anche se non so dormire senza un po’ di luce. Quello che volevo dirvi che la famiglia e il vostro rifugio e tutto quello che vi diranno lo faranno per il vostro bene». Canta «Paura di Volare». Una delle canzoni più difficili tecnicamente del suo repertorio.

21.43 – Piccolo momento di “pausa” dove la band suona sul palco al gran completo, senza Kekko per il momento. E l’atmosfera si fa ancora più rock. Il momento dura circa 4 minuti, per poi arriva dritti a «Dimmelo». Il ritmo si rallenta (solo per poco) e si passa a «Quando arrivano i suoi occhi».

21.54 – E ora arriva la canzone di Sanremo 2013, «Se si potesse non morire». Ora si passa a «Come l’acqua dentro il mare», la canzone dedicata alla sua bambina. Sullo sfondo ci sono le immagini di sua figlia Gioia.

22.02 – È tempo di Medley Rock con alcune delle più belle canzoni dei Modà riassunte: si parte da «Meschina», poi «Vittima». «La mia ragazza», «Aria», «L’amore è un’altra cosa». Kekko controlla se ci stiamo tutti divertendo. Il pubblico dice di sì. Adesso Kekko vuole cantare un brano nello stesso modo con cui è nato il brano, in spiaggia. «Ci trovavamo a pescare e abbiamo scritto la canzone». Ecco «Mani inutili». Cantano e suonano sul bordo della passerella centrale.

22.13 – «Questa non è una canzone, è una preghiera», il brano introdotto da Kekko è «Salvami». Nel filmato sul maxi schermo centrale, la band appende su un muro le foto dei loro live. Eccoci alle battute finali, entra un divano e una lampada al centro della scena, una fan sta per salire sul palco. Canta «Bellissimo», abbracciando la fan.

22.21 – Poteva mancare «Arriverà»? Il pubblico canta il brano con forza, c’è molto entusiasmo al Mediolanum Forum, l’energia è come al solito, potentissima. Comincia un medley lento che include «A Laura», una delle tracce più belle di «Gioia», poi «Tutto non è niente», «Nuvole di rock». Si continua, sempre sui ritmi romantici di «Quello che non ti ho detto (scusami)». Si chiude con «Ti amo veramente».

22.37 – Gianluca di Marzo, famoso giornalista sportivo Sky, che presenta la band per gli applausi finali.

22.41 – Naturalmente, noi ci fermiamo per i bis. Possiamo mica perderceli e non darvene conto? Dopo i titoli di coda a fine concerto, eccoli arrivare di nuovo sul palco. «La notte» è il primo brano prima dei saluti. «Un concerto non è fatto solo di musica, ma di tutte le persone che ti permettono di farla al meglio, ringrazio tutte le persone che lavorano a questa serata, lo ringraziamento lo facciamo anche a voi, ci avete fatto sentire cinque persone importanti, avete fatto voi il concerto. Siamo felici di avervi ritrovati così tanti e così felici». E ora, «Viva i romantici», sullo fondo le foto dei fan.

Grazie per averci seguito, alla prossima!