07 Dicembre 2010 | 01:03

John Lennon rivive in tv a 30 anni dalla morte

Mentre nelle sale riscuote consensi «Nowhere Boy», tratto dal romanzo biografico della sorellastra di Lennon, Julia Baird, ed Emi rilancia con alcuni album rimasterizzati, le nostre tv l’8 dicembre ricordano l’anima dei Beatles. A 30 anni esatti dalla morte...

 di

John Lennon rivive in tv a 30 anni dalla morte

Mentre nelle sale riscuote consensi «Nowhere Boy», tratto dal romanzo biografico della sorellastra di Lennon, Julia Baird, ed Emi rilancia con alcuni album rimasterizzati, le nostre tv l’8 dicembre ricordano l’anima dei Beatles. A 30 anni esatti dalla morte...

Foto: Nelle immagini alcuni fotogrammi della vita di John Lennon, chitarrista e cantante (sia solista che d'accompagnamento) dei Beatles. Oltre a diventare icona musicale del ventesimo secolo per i testi scritti a due mani con Paul McCartney, Lennon fu anche attivista politico paladino del pacifismo. Questo gli caus˜ non pochi problemi con le autoritˆ statunitensi che per lungo tempo spiarono tutte le sue attivitˆ e quelle della moglie Yoko Ono (da cui ebbe il suo unico figlio Sean), considerandolo un sovversivo e rifiutandogli pi volte la cittadinanza americana. Fu assassinato a colpi di rivoltella da un fan squilibrato la sera dell'8 dicembre 1980 a New York. 006©kikapress.com Per maggiori informazioni, ricerche o richieste specifiche consultare il sito http://www.kikapress.com o scrivere a foto@kikapress.com Kika Italy 010 213934 - 347 4880350 Kika Usa (- 9 ore) 001 323 4680114 - 001 323 309 8243

07 Dicembre 2010 | 01:03 di

John Lennon (foto Kikapress)

Un pazzo e quattro colpi di pistola ce l’hanno portato via, sull’ingresso del Dakota Building di Manhattan. Era l’8 dicembre 1980. Da allora John Lennon, più vivo che mai, è lì a ricordare la propria grandezza al mondo e, a chi vive nella musica, i rischi del fanatismo. Sino a oggi le richieste di libertà vigilata inoltrate dal suo assassino, Mark David Chapman, sono state sei. Tutte respinte. Perché l’America a volte non può permettersi il lusso né di perdonare, né di dimenticare.
Mentre nelle sale riscuote consensi «Nowhere Boy», tratto dal romanzo biografico della sorellastra di Lennon, Julia Baird, ed Emi rilancia con alcuni album rimasterizzati, le nostre tv l’8 dicembre ricordano l’anima dei Beatles. A 30 anni esatti dalla morte. Con la rimarchevole eccezione delle corazzate Rai e Mediaset. Su Studio Universal alle 21 va in onda il documentario «U.S.A. contro John Lennon» (lo stesso venduto con «Sorrisi» in dvd), piccolo scrigno di materiale inedito fornito dalla vedova Yoko Ono. Alla stessa ora, Cielo trasmette in prima tv il film biografico «Lennon Naked – Essere John Lennon», che racconta quattro turbolenti anni della vita del grande di Liverpool, compresa la rottura con i Fab Four. Alle 21.10 Rai 4 punta invece su «The Killing of John Lennon», pellicola che racconta proprio l’omicidio di John per mano di Chapman.