11 Luglio 2009 | 13:51

Jonas Brothers infaticabili: tour, «Camp Rock 2» e un film-concerto in 3D

Difficile avere sorprese quando si tratta dei Jonas Brothers. I tre fratelli del New Jersey, cresciuti sotto lo stesso ombrello Disney di baby star come Miley Cyrus, alias Hannah Montana, e Zac Efron, nelle interviste brillano più per diplomazia che per spontaneità: l’importante è non scalfire il quadretto di bravi ragazzi tutti casa, chiesa e […]

 di

Jonas Brothers infaticabili: tour, «Camp Rock 2» e un film-concerto in 3D

Difficile avere sorprese quando si tratta dei Jonas Brothers. I tre fratelli del New Jersey, cresciuti sotto lo stesso ombrello Disney di baby star come Miley Cyrus, alias Hannah Montana, e Zac Efron, nelle interviste brillano più per diplomazia che per spontaneità: l’importante è non scalfire il quadretto di bravi ragazzi tutti casa, chiesa e […]

11 Luglio 2009 | 13:51 di

jonasbrothers

Difficile avere sorprese quando si tratta dei Jonas Brothers. I tre fratelli del New Jersey, cresciuti sotto lo stesso ombrello Disney di baby star come Miley Cyrus, alias Hannah Montana, e Zac Efron, nelle interviste brillano più per diplomazia che per spontaneità: l’importante è non scalfire il quadretto di bravi ragazzi tutti casa, chiesa e palco che ha contribuito al loro successo planetario.
Alla faccia del vecchio motto «sesso, droga e rock ’n roll», Nick, Joe e Kevin dichiarano quindi una sola dipendenza, «il contatto con i fan: sono loro che ci danno la carica, è per loro che facciamo spettacolo, a casa abbiamo persino una stanza per conservare tutti i regali che ci fanno».
Così, nella chiacchierata che ci hanno concesso in esclusiva poco prima del concerto di Madrid il 13 giugno, assaggio del tour che li porterà a novembre in Italia, non siamo riusciti a strappare a Nick la confessione di aver riallacciato i ponti con l’ex fidanzata Miley Cyrus, nonostante sul web sia dato per certo e nel nuovo album «Lines, Vines and Trying Times» i due cantino insieme «Before the Storm». «In questo cd, è “Black Keys” il brano che racconta meglio le mie esperienze dell’ultimo anno» suggerisce lui. «Parla della necessità di prendere le cose alla leggera e non incasinarsi la vita facendo troppe congetture sulle relazioni». Come dire: se son rose fioriranno…
Però almeno una scoperta l’abbiamo fatta, cioè che i tre non vogliono solo far battere i cuori delle loro fan: «Vogliamo anche farle ridere».
E’ per questo che su YouTube gira la vostra parodia di un video di Beyoncé con Joe in tutina nera alla Eva Kant?
Joe: «è il video di “Single Ladies”, ce lo hanno richiesto i fan che avevano vinto un concorso su Internet e ci siamo detti: “Perché no?”».
Nick: «In agenda però abbiamo soprattutto cose più serie, come il tour, un film-concerto in 3D (in uscita il 24 luglio, ndr) e “Camp Rock 2”».
Kevin: «Comunque l’idea di ridere con il pubblico ci piace, abbiamo senso dell’umorismo, perché nasconderlo?».
Figurate anche nel cast del film di prossima uscita «Walter the Farting Dog», ossia «Walter il cane che fa le puzzette».
Nick: «No, non lo faremo, era solo un’ipotesi ed è rimasta tale».
Nel videoclip di «Paranoid» siete alle prese con strani alter ego e macchine a folle velocità nel deserto. Quali sono le vostre reali paure?
Joe: «Non amo i ragni. Ma solo quelli velenosi. Perché alcuni lo sono, giusto?».
Nick: «Se posso, evito gli elicotteri» .
Elicotteri no, però avete l’aereo privato.
Kevin: «Sì, ma solo perché viaggiamo con una sessantina di persone tra band, tecnici, familiari, bodyguard».
Nel 2008 avete guadagnato 12 milioni di dollari. Spese pazze?
Nick: «Viviamo in modo frugale, spendiamo poco e i nostri genitori ci aiutano a risparmiare. Abbiamo comprato solo una casa (un ranch in Texas, ndr). E tre macchine sportive, perché ci piace guidare».
Quello che non dicono è che parte dei guadagni va all’ente benefico da loro creato a sostegno dei bimbi in difficoltà (progetto ancora più caro ai tre da quando Nick si è scoperto diabetico). Ma questa non è una spesa pazza: è solo un altro modo per ringraziare i fan. E la sorte.

Maria Giulia Comolli