03 Febbraio 2013 | 13:22

Max Gazzè a Sanremo 2013: la scheda e le foto

Partecipa al Festival per la quarta volta (la prima fu nel 1999). «“Sottocasa” è una canzone divertente, colorata, Anni 70, con un’orchestrazione importante» dice Gazzè. «“I tuoi maledettissimi impegni” è un “beat” veloce e ironico: parla di un innamorato che per stare accanto all’impegnatissima amata è disposto a tutto».

 di

Max Gazzè a Sanremo 2013: la scheda e le foto

Partecipa al Festival per la quarta volta (la prima fu nel 1999). «“Sottocasa” è una canzone divertente, colorata, Anni 70, con un’orchestrazione importante» dice Gazzè. «“I tuoi maledettissimi impegni” è un “beat” veloce e ironico: parla di un innamorato che per stare accanto all’impegnatissima amata è disposto a tutto».

Foto: © copyright Massimo Sestini

03 Febbraio 2013 | 13:22 di

Partecipa al Festival per la quarta volta (la prima fu nel 1999). «“Sottocasa” è una canzone divertente, colorata, Anni 70, con un’orchestrazione importante» dice Gazzè. «“I tuoi maledettissimi impegni” è un “beat” veloce e ironico: parla di un innamorato che per stare accanto all’impegnatissima amata è disposto a tutto». Nella serata revival canterà «Ma che freddo fa» eseguita da Nada e dal gruppo The Rokes nel 1969.

La curiosità: «Sotto casa» è nata dall’incontro del cantante e di suo fratello Francesco con due testimoni di Geova che una mattina hanno suonato alla loro porta. Si sono immaginati le loro reazioni le volte che nessuno gli ha aperto la porta.