06 Settembre 2016 | 12:30

Addio a Carlo D’Angiò fondatore di Nccp e Musicanova

Scomparso a 70 anni a Napoli, il poeta e studioso del folk revival italiano

 di Lorenzo Di Palma

Addio a Carlo D’Angiò fondatore di Nccp e Musicanova

Scomparso a 70 anni a Napoli, il poeta e studioso del folk revival italiano

Foto: Carlo D'Angiò

06 Settembre 2016 | 12:30 di Lorenzo Di Palma

“Oggi Napoli piange un artista assoluto”, come ha scritto il sindaco della città: se ne è andato, sconfitto da un tumore a 70 anni, Carlo D'Angiò, grande studioso e interprete della musica popolare partenopea (e non solo), fondatore, insieme a Eugenio Bennato, suo “alter ego” musicale, e a Roberto De Simone, della Nuova Compagnia di Canto Popolare e poi dei Musicanova, a cui partecipavano oltre che Bennato anche Teresa De Sio e il percussionista Tony Esposito.

Carlo D'Angiò aveva da poco terminato le registrazioni di un nuovo pezzo proprio insieme a Eugenio Bennato. La sua ultima collaborazione già pubblicata però e con gli Almamegretta per un duetto con Raiz nel pezzo “Musica popolare” del loro ultimo disco "Enneenne".

Il suo primo e unico album da solista, è il disco doppio "Viva il Sud", con brani originali e canzoni del repertorio tradizionale partenopeo, pubblicato nel 2011 al termine della sua esperienza con i Musicanova. Il suo pezzo più famoso, però, è di certo "Brigante se more", inciso con i Musicanova che fu anche colonna sonora dello "sceneggiato" Rai "L'eredità della Priora".