18 Novembre 2014 | 12:02

One Direction, «Four» è l’album della settimana di Sorrisi.com

Il passato insegna che le boy band, anche quelle di più grande successo, vivono due o tre anni da fenomeni per poi avviarsi verso un inesorabile declino. Questo discorso, però, non sembra valere per gli One Direction, che con «Four», il quarto album dal 2011, si preparano a conquistare ancora una volta le classifiche mondiali.

 di

One Direction, «Four» è l’album della settimana di Sorrisi.com

Il passato insegna che le boy band, anche quelle di più grande successo, vivono due o tre anni da fenomeni per poi avviarsi verso un inesorabile declino. Questo discorso, però, non sembra valere per gli One Direction, che con «Four», il quarto album dal 2011, si preparano a conquistare ancora una volta le classifiche mondiali.

18 Novembre 2014 | 12:02 di

Ogni 7 giorni noi di Sorrisi.com selezioniamo un titolo tra le nuove uscite discografiche: è il nostro album della settimana. Stavolta non potevamo che scegliere il nuovo disco degli One Direction.

Il passato insegna che le boy band, anche quelle di più grande successo, vivono due o tre anni da fenomeni per poi avviarsi verso un inesorabile declino, accelerato di solito dal prematuro addio dell’elemento più talentuoso. Questo discorso, però, non sembra valere per gli One Direction, che con «Four», il quarto album dal 2011, si preparano a conquistare ancora una volta le classifiche mondiali.

Ne sono la prova le vendite stratosferiche dei brani inediti (da «Ready to run» a «Where do broken hearts go») usciti su iTunes nelle settimane che hanno preceduto l’arrivo del disco. Come sempre Liam, Niall, Harry, Zayn e Louis, lanciati quattro anni fa dall’edizione britannica di «X Factor», non si sono concessi un attimo di tregua per presentarsi puntuali all’ormai tradizionale appuntamento discografico di novembre: le canzoni di «Four» sono nate, infatti, tra una tappa e l’altra dell’ultimo tour e non deluderanno le fan.

Alla costante ricerca di credibilità, gli 1D hanno contribuito alla scrittura di 10 dei 12 brani (16 nell’edizione deluxe), restando fedeli alla loro vocazione pop. E anche quest’anno possono contare su un gioiello firmato da Ed Sheeran,  «18»: «Vogliamo soltanto fare buona musica» dice Niall «ma tanta gente pensa ancora che per noi sia solo un gioco. Cambierebbero idea se solo ascoltassero questo disco». Intanto, dopo l’uscita di «Four», cresce l’attesa per il dvd «Where we are» (in vendita dal 1° dicembre), registrato allo stadio di San Siro durante i concerti di Milano dello scorso giugno: l’ennesimo trionfo annunciato.