01 Gennaio 2014 | 14:46

Sanremo Story, 1991: Un tris di classe sbanca il Festival

XLI Festival della Canzone Italiana – Teatro Ariston di Sanremo, 27-28 febbraio, 1-2 marzo 1991. Presentano Andrea Occhipinti ed Edwige Fenech. Organizzazione: OAI, Adriano Aragozzini CANZONI E ARTISTI IN GARA 1. Se stiamo insieme (di Cocciante-Mogol) – Riccardo Cocciante 2. Spalle al muro (di Mariella Nava) – Renato Zero 3. Perché lo fai (di Bigazzi-Manzani-Masini) […]

 di

Sanremo Story, 1991: Un tris di classe sbanca il Festival

XLI Festival della Canzone Italiana – Teatro Ariston di Sanremo, 27-28 febbraio, 1-2 marzo 1991. Presentano Andrea Occhipinti ed Edwige Fenech. Organizzazione: OAI, Adriano Aragozzini CANZONI E ARTISTI IN GARA 1. Se stiamo insieme (di Cocciante-Mogol) – Riccardo Cocciante 2. Spalle al muro (di Mariella Nava) – Renato Zero 3. Perché lo fai (di Bigazzi-Manzani-Masini) […]

Foto: XLI Festival della Canzone Italiana - Teatro Ariston di Sanremo, 27-28 febbraio, 1-2 marzo 1991. Presentano Andrea Occhipinti ed Edwige Fenech. Organizzazione: OAI, Adriano Aragozzini

CANZONI E ARTISTI IN GARA

1. Se stiamo insieme (di Cocciante-Mogol) - Riccardo Cocciante 2. Spalle al muro (di Mariella Nava) - Renato Zero 3. Perché lo fai (di Bigazzi-Manzani-Masini) - Marco Masini 4. Gli altri siamo noi (di Tozzi-Bigazzi) - Umberto Tozzi 5. Spunta la Luna dal monte (di Marielli-Bertoli) - Pierangelo Bertoli e Tazenda 6. Nené (di Amedeo Minghi) - Amedeo Minghi 7. Dubbi no (di Amedeo Minghi) - Mietta 8. Oggi sposi (di Depsa-Andreetto) - Al Bano e Romina Power 9. Io ti prego di ascoltare (di Morra-Fabrizio) - Riccardo Fogli 10. Oggi un Dio non ho (di Riefoli-Dati) - Raf 11. La fotografia (di Enzo Jannacci) - Enzo Jannacci 12. Il mare più grande che c'è (I Love You Man) (di Ciani-Zanotti) - Fiordaliso 13. Siamo donne (di Giovanna Coletti) - Sabrina Salerno e Jo Squillo 14. Sbatti ben su del Be Bop (di Belli-Prandi) - Ladri di Biciclette 15. E la musica va (di De Crescenzo-Del Prete) - Eduardo De Crescenzo 16. Se io fossi un uomo (di Di Michele-Nocera) - Grazia Di Michele 17. Terra (di Morra-Fabrizio) - Rossana Casale 18. In questa città (di Pino Daniele) - Loredana Berté 19. La fila degli oleandri (di Bella-Mogol) - Gianni Bella 20. Gli uomini (di Maria Giuliana Nava) - Mariella Nava Artisti internazionali abbinati ai Big in gara If I Were in Your Shoes - Randy Crawford (Grazia Di Michele) I'm Missing You - Sarah Jane Morris (Riccardo Cocciante) All That We Are - Harriet (Loredana Berté) Other People Are Us - Howard Jones (Umberto Tozzi) You're in My Mind - Carmel (Rossana Casale) Together We Can - Gloria Gaynor (Gianni Bella) Just Married - Tyrone Power jr. (Al Bano e Romina Power) Photograph - Ute Lemper (Enzo Jannacci) Y ya viene amanenciendo - Moncada (Pierangelo Bertoli e Tazenda) Lemme Hear Some o' That Be-Bop - Jon Hendricks (Ladri di Biciclette) All Alone - Leo Sayer (Mietta) Still Life - Grace Jones (Renato Zero) Coming Home - Caron Wheeler (Mariella Nava) Listen to Me - Sold Out (Riccardo Fogli) Don't Walk Away - Laura Branigan (Fiordaliso) And the Beat Goes On - Phil Manzanera (Eduardo De Crescenzo) Endless Night - Bonnie Tyler (Amedeo Minghi) Today I'll Pray - Ofra Haza (Raf) Part Time Lovers - Shannon (Sabrina Salerno e Jo Squillo) Just Tell Me Why - Dee Dee Bridgewater (Marco Masini) Nuove proposte 1. Le persone inutili (di Dati-Vallesi) Paolo Vallesi 2. La donna di Ibsen (di Miceli-Lorefice) Irene Fargo 3. È soltanto una canzone (di Palumbo-Cheli) Rita Forte Che grossa nostalgia (di Lidia Fiori) Fandango Donne del 2000 (di Musso-Perraccino-Giraldi-Rosolino) Compilations E noi qui (di Bungaro-Marco Conidi-Di Bella) Bungaro, Marco Conidi e Rosario Di Bella Giselle (di Gianni Ciarella) Patrizia Bulgari Notte di periferia (di Salerno-Paoluzzi) Paola De Mas Serenata (di Marco Carena) Marco Carena Tamuré (di Famiglietti-Gitano) Gitano Caramba (di Chelinse) Stefania La Fauci Gaetano (di Marra-Pace-Spina) Rudy Marra Il lazzo (di Gianni Mazza) Gianni Mazza L'uomo che ride (di Omar Pedrini) Timoria Non è poesia (di Recalcati-Nuti) Giovanni Nuti Sorelle d'Italia (di Dario Gai) Dario Gai Nel 1991 il Festival torna al Teatro Ariston. Nonostante le perplessità iniziali, lo scenografo Uberto Bertacca trova lo spazio per i 44 musicisti e gli 8 coristi dell’orchestra. Rispetto all’edizione precedente cala il numero delle canzoni in gara, da 48 a 36. Viene mantenuto l’abbinamento dei Campioni con gli interpreti stranieri, ma la guerra del Golfo, appena iniziata, blocca negli Stati Uniti gli interpreti più attesi: Bee Gees, Stevie Wonder, Al Jarreau, Manhattan Transfer. In compenso, arrivano Grace Jones, Gloria Gaynor, la tedesca Ute Lemper e l’israeliana Ofra Haza. Dopo i Pooh, Adriano Aragozzini porta in gara un altro pezzo da 90, Riccardo Cocciante. E con lui Renato Zero (in cerca di un rilancio dopo cinque anni di crisi) che arriva a Sanremo accompagnato da migliaia di «sorcini». Ci sono anche Enzo Jannacci, Pierangelo Bertoli, Umberto Tozzi e Raf oltre agli immancabili Fiordaliso, Al Bano e Romina Power (per l’ultima volta insieme al Festival) e ai vincitori morali del 1990, Amedeo Minghi e Mietta. Le prime tre serate mettono in luce la qualità dei brani di Jannacci («La fotografia»), Zero («Spalle al muro», scritta da Ma- riella Nava) e Bertoli («Spunta la luna dal monte» con i sardi Tazenda), mentre fa discutere il testo di «Perché lo fai?», canzone di Marco Masini sul dramma della droga. Poco amata dai giornalisti, diventerà il più grande successo di questa edizione. Intanto, Paolo Vallesi vince tra i Giovani con la malinconica «Le persone inutili». Nella serata finale, la performance più applaudita è quella di Renato Zero. La sua canzone, poetica descrizione del lento declino di un uomo anziano, commuove il pubblico dell’Ariston che la vorrebbe vincitrice. Trionfa invece, come da pronostico, Riccardo Cocciante, davanti a Zero e a Masini. Pierangelo Bertoli, anche lui applauditissimo, si piazza al quinto posto dopo Tozzi. Il Premio della Critica va a Jannacci e, tra i Giovani, ai Timoria («L’uomo che ride»), band bresciana fondata da Omar Pedrini e Francesco Renga. Nelle classifiche di vendita trionfa Marco Masini: il suo album «Malinconoia» è tra i più venduti del 1991, secondo dietro «Ben- venuti in paradiso» di Antonello Venditti e davanti a «Gli altri siamo noi» (6°) di Tozzi e a «Cocciante» (11°) del vincitore.

01 Gennaio 2014 | 14:46 di

XLI Festival della Canzone Italiana – Teatro Ariston di Sanremo, 27-28 febbraio, 1-2 marzo 1991. Presentano Andrea Occhipinti ed Edwige Fenech. Organizzazione: OAI, Adriano Aragozzini

CANZONI E ARTISTI IN GARA

1. Se stiamo insieme (di Cocciante-Mogol) – Riccardo Cocciante
2. Spalle al muro (di Mariella Nava) – Renato Zero
3. Perché lo fai (di Bigazzi-Manzani-Masini) – Marco Masini
4. Gli altri siamo noi (di Tozzi-Bigazzi) – Umberto Tozzi
5. Spunta la Luna dal monte (di Marielli-Bertoli) – Pierangelo Bertoli e Tazenda
6. Nené (di Amedeo Minghi) – Amedeo Minghi
7. Dubbi no (di Amedeo Minghi) – Mietta
8. Oggi sposi (di Depsa-Andreetto) – Al Bano e Romina Power
9. Io ti prego di ascoltare (di Morra-Fabrizio) – Riccardo Fogli
10. Oggi un Dio non ho (di Riefoli-Dati) – Raf
11. La fotografia (di Enzo Jannacci) – Enzo Jannacci
12. Il mare più grande che c’è (I Love You Man) (di Ciani-Zanotti) – Fiordaliso
13. Siamo donne (di Giovanna Coletti) – Sabrina Salerno e Jo Squillo
14. Sbatti ben su del Be Bop (di Belli-Prandi) – Ladri di Biciclette
15. E la musica va (di De Crescenzo-Del Prete) – Eduardo De Crescenzo
16. Se io fossi un uomo (di Di Michele-Nocera) – Grazia Di Michele
17. Terra (di Morra-Fabrizio) – Rossana Casale
18. In questa città (di Pino Daniele) – Loredana Berté
19. La fila degli oleandri (di Bella-Mogol) – Gianni Bella
20. Gli uomini (di Maria Giuliana Nava) – Mariella Nava

Artisti internazionali abbinati ai Big in gara

If I Were in Your Shoes – Randy Crawford (Grazia Di Michele)
I’m Missing You – Sarah Jane Morris (Riccardo Cocciante)
All That We Are – Harriet (Loredana Berté)
Other People Are Us - Howard Jones (Umberto Tozzi)
You’re in My Mind - Carmel (Rossana Casale)
Together We Can – Gloria Gaynor (Gianni Bella)
Just Married – Tyrone Power jr. (Al Bano e Romina Power)
Photograph – Ute Lemper (Enzo Jannacci)
Y ya viene amanenciendo - Moncada (Pierangelo Bertoli e Tazenda)
Lemme Hear Some o’ That Be-Bop – Jon Hendricks (Ladri di Biciclette)
All Alone – Leo Sayer (Mietta)
Still Life – Grace Jones (Renato Zero)
Coming Home – Caron Wheeler (Mariella Nava)
Listen to Me - Sold Out (Riccardo Fogli)
Don’t Walk Away – Laura Branigan (Fiordaliso)
And the Beat Goes On – Phil Manzanera (Eduardo De Crescenzo)
Endless Night – Bonnie Tyler (Amedeo Minghi)
Today I’ll Pray – Ofra Haza (Raf)
Part Time Lovers – Shannon (Sabrina Salerno e Jo Squillo)
Just Tell Me Why – Dee Dee Bridgewater (Marco Masini)

Nuove proposte

1. Le persone inutili (di Dati-Vallesi) Paolo Vallesi
2. La donna di Ibsen (di Miceli-Lorefice) Irene Fargo
3. È soltanto una canzone (di Palumbo-Cheli) Rita Forte
Che grossa nostalgia (di Lidia Fiori) Fandango
Donne del 2000 (di Musso-Perraccino-Giraldi-Rosolino) Compilations
E noi qui (di Bungaro-Marco Conidi-Di Bella) Bungaro, Marco Conidi e Rosario Di Bella
Giselle (di Gianni Ciarella) Patrizia Bulgari
Notte di periferia (di Salerno-Paoluzzi) Paola De Mas
Serenata (di Marco Carena) Marco Carena
Tamuré (di Famiglietti-Gitano) Gitano
Caramba (di Chelinse) Stefania La Fauci
Gaetano (di Marra-Pace-Spina) Rudy Marra
Il lazzo (di Gianni Mazza) Gianni Mazza
L’uomo che ride (di Omar Pedrini) Timoria
Non è poesia (di Recalcati-Nuti) Giovanni Nuti
Sorelle d’Italia (di Dario Gai) Dario Gai

Nel 1991 il Festival torna al Teatro Ariston. Nonostante le perplessità iniziali, lo scenografo Uberto Bertacca trova lo spazio per i 44 musicisti e gli 8 coristi dell’orchestra. Rispetto all’edizione precedente cala il numero delle canzoni in gara, da 48 a 36. Viene mantenuto l’abbinamento dei Campioni con gli interpreti stranieri, ma la guerra del Golfo, appena iniziata, blocca negli Stati Uniti gli interpreti più attesi: Bee Gees, Stevie Wonder, Al Jarreau, Manhattan Transfer. In compenso, arrivano Grace Jones, Gloria Gaynor, la tedesca Ute Lemper e l’israeliana Ofra Haza.

Dopo i Pooh, Adriano Aragozzini porta in gara un altro pezzo da 90, Riccardo Cocciante. E con lui Renato Zero (in cerca di un rilancio dopo cinque anni di crisi) che arriva a Sanremo accompagnato da migliaia di «sorcini». Ci sono anche Enzo Jannacci, Pierangelo Bertoli, Umberto Tozzi e Raf oltre agli immancabili Fiordaliso, Al Bano e Romina Power (per l’ultima volta insieme al Festival) e ai vincitori morali del 1990, Amedeo Minghi e Mietta. Le prime tre serate mettono in luce la qualità dei brani di Jannacci («La fotografia»), Zero («Spalle al muro», scritta da Ma- riella Nava) e Bertoli («Spunta la luna dal monte» con i sardi Tazenda), mentre fa discutere il testo di «Perché lo fai?», canzone di Marco Masini sul dramma della droga. Poco amata dai giornalisti, diventerà il più grande successo di questa edizione. Intanto, Paolo Vallesi vince tra i Giovani con la malinconica «Le persone inutili». Nella serata finale, la performance più applaudita è quella di Renato Zero. La sua canzone, poetica descrizione del lento declino di un uomo anziano, commuove il pubblico dell’Ariston che la vorrebbe vincitrice.

Trionfa invece, come da pronostico, Riccardo Cocciante, davanti a Zero e a Masini. Pierangelo Bertoli, anche lui applauditissimo, si piazza al quinto posto dopo Tozzi. Il Premio della Critica va a Jannacci e, tra i Giovani, ai Timoria («L’uomo che ride»), band bresciana fondata da Omar Pedrini e Francesco Renga. Nelle classifiche di vendita trionfa Marco Masini: il suo album «Malinconoia» è tra i più venduti del 1991, secondo dietro «Ben- venuti in paradiso» di Antonello Venditti e davanti a «Gli altri siamo noi» (6°) di Tozzi e a «Cocciante» (11°) del vincitore.