01 Gennaio 2014 | 14:35

Sanremo Story, 2007: Con Cristicchi e Moro trionfa per la prima volta il rap

LVII Festival della Canzone Italiana – Teatro Ariston di Sanremo, 27-28-1-2-3 marzo 2007. Presenta Pippo Baudo con Michelle Hunziker. Organizzazione: Rai. Direzione artistica: Pippo Baudo CANZONI E ARTISTI IN GARA 1. Ti regalerò una rosa (di Simone Cristicchi) Simone Cristicchi 2. Nel perdono (di Zero-Alagna-Paoletti-Y. Carrisi) Al Bano 3. Schiavo d’amore (di Fabrizio-Morra) Piero Mazzocchetti […]

 di

Sanremo Story, 2007: Con Cristicchi e Moro trionfa per la prima volta il rap

LVII Festival della Canzone Italiana – Teatro Ariston di Sanremo, 27-28-1-2-3 marzo 2007. Presenta Pippo Baudo con Michelle Hunziker. Organizzazione: Rai. Direzione artistica: Pippo Baudo CANZONI E ARTISTI IN GARA 1. Ti regalerò una rosa (di Simone Cristicchi) Simone Cristicchi 2. Nel perdono (di Zero-Alagna-Paoletti-Y. Carrisi) Al Bano 3. Schiavo d’amore (di Fabrizio-Morra) Piero Mazzocchetti […]

Foto: LVII Festival della Canzone Italiana - Teatro Ariston di Sanremo, 27-28-1-2-3 marzo 2007. Presenta Pippo Baudo con Michelle Hunziker. Organizzazione: Rai. Direzione artistica: Pippo Baudo

CANZONI E ARTISTI IN GARA

1. Ti regalerò una rosa (di Simone Cristicchi) Simone Cristicchi 2. Nel perdono (di Zero-Alagna-Paoletti-Y. Carrisi) Al Bano 3. Schiavo d'amore (di Fabrizio-Morra) Piero Mazzocchetti 4. La Paranza (di Daniele Silvestri) Daniele Silvestri 5. Chissà se nevica (di Mango-De Bei) Mango 6. Musica (di Meneguzzi-Melotti-Di Bella) Paolo Meneguzzi 7. Il terzo fuochista (di Tosca-Mascellino-Venturiello) Tosca 8. Vivere normale (di Bertolotti-Calvetti-Ciappelli-Facchinetti) Francesco e Roby Facchinetti 9. Appena prima di partire (di Maffucci-De Gasperi-Sognato-Pao) Zero Assoluto 10. Canzone fra le guerre (di Ruggiero-Carrara) Antonella Ruggiero Senza me ti pentirai (di Battisti-Battaglia) Leda Battisti Forever - Per sempre (di Mogol-Bella) Marcella e Gianni Bella Oltre il giardino (di Fabio Concato) Fabio Concato Meglio così (di Ferrio-Calabrese) Johnny Dorelli Amami per sempre (di Grezio-Ranavro-Palma) Amalia Gré The Show Must Go On (di Giorgio Faletti) Milva Luna in piena (di Nada Malanima) Nada Tutto da rifare (di Sgreccia-Cornetta-Ferrantini-Bazzoffi) Velvet Guardami (di Curreri-Grandi) Stadio In Italia si sta male (di Rino Gaetano) Paolo Rossi GIOVANI 1. Pensa (di Fabrizio Mobrici) Fabrizio Moro 2. Bivio (di Centomo-Titi) Stefano Centomo 3. Malinconiche sere (di Di Tella-Rubino) Pquadro L'immagine che ho di te (di Baroni-Bertoni) Marco Baroni Ama (di Falconi-Marcucci-Randazzo-Ciammarughi) Romina Falconi Amore ritrovato (di Bozzi-Ruocco) Sara Galimberti La vita subito (di Zero-Incenzo-Zanotti-Guidetti) Jasmine Il senso della vita (di Morra-Fabrizio) Elsa Lila Peccati di gola (di Baù-Bernacchia) Patrizio Baù Non ho tempo (di Piervincenzo Cortese) Pier Cortese Non piangere (di Ferrario-Spallanzani-Polato) FSC Napoleone azzurro (di Francesco Ferrari) Grandi Animali Marini La ballata di Gino (di Medri-Ulderici) Khorakhanè Ninna nanna (di G. e S. Magurno-Bianco) Mariangela Come è spesso accaduto dopo un’edizione deludente, nel 2007 la Rai si rivolge a Pippo Baudo per rilanciare il Festival. Lui accetta e, sicuro di avere la soluzione, dichiara: «Se devo essere sincero, in campo musicale ho una certa esperienza e intuizione. E poi, soprattutto, sono uno di quelli che anche in un ambito così ristretto riesce a portare qualche novità. Quella di quest'anno, per esempio, è un regolamento innovativo. Cinque serate erano troppe e ho fatto in modo che ognuna sia diversa dall'altra. Non è mica una cosa da poco. Ogni sera ci sarà qualcosa di più e di diverso. Così il fenomeno reiterativo, con ogni serata simile alla precedente e gli inevitabili riflessi sui dati d'ascolto, non dovrebbe verificarsi». Delle novità introdotte negli ultimi due anni si salva solo la serata dei duetti e delle rivisitazioni. Per il resto si torna al passato: divisione tra Campioni (che anno accesso diretto alla finale) e Giovani, Giuria di qualità, la sigla «Perché Sanremo è Sanremo» e il Dopofestival, affidato a Piero Chiambretti. Come partner di conduzione, Baudo sceglie Michelle Hunziker, superstar delle reti Mediaset. Il cast è in perfetto stile Baudo: qualche vecchia gloria (Johnny Dorelli, al Festival come cantante per la prima volta in 38 anni, ma anche Nada e Milva), alcuni habitué di Sanremo (Al Bano, Antonella Ruggiero, Marcella e Gianni Bella), i protagonisti delle edizioni più recenti (Zero Assoluto, Paolo Meneguzzi) e poche sorprese (Roby Facchinetti e suo figlio Francesco, il ritorno di Daniele Silvestri, lo sconosciuto Piero Mazzocchetti). Fin dalla prima serata, «Ti lascerò una rosa» di Simone Cristicchi sembra essere la canzone da battere. Il testo, quasi interamente rappato, è la lettera che Antonio, ricoverato in un centro di igiene mentale, scrive alla sua amata Margherita prima di spiccare il volo lanciandosi nel vuoto dal tetto dell’ospedale. In finale, vincerà con una media dell’8,22 su 10 (dalla Giuria di qualità ottiene addirittura una media del 9,6) davanti ad Al Bano con «Nel perdono» (scritta da Renato Zero) e a «Schiavo d’amore» di Mazzocchetti. «Dedico questo premio a chi mi ha sostenuto in questi anni, in particolare alla mia compagna Sara» dice Cristicchi prima di eseguire di nuovo la canzone vincitrice. «Ho conosciuto tante storie come quelle di Antonio. Il mio pensiero va alle persone che si occupano di quelli come lui». Tra i Giovani vince Fabrizio Moro con «Pensa», un accorato rap antimafia. Il bilancio di Sanremo 2007 è decisamente positivo: buoni ascolti, belle canzoni, un Dopofestival di qualità. Il più soddisfatto è Baudo, che già pensa al bis.

01 Gennaio 2014 | 14:35 di

LVII Festival della Canzone Italiana – Teatro Ariston di Sanremo, 27-28-1-2-3 marzo 2007. Presenta Pippo Baudo con Michelle Hunziker. Organizzazione: Rai. Direzione artistica: Pippo Baudo

CANZONI E ARTISTI IN GARA

1. Ti regalerò una rosa (di Simone Cristicchi) Simone Cristicchi
2. Nel perdono (di Zero-Alagna-Paoletti-Y. Carrisi) Al Bano
3. Schiavo d’amore (di Fabrizio-Morra) Piero Mazzocchetti
4. La Paranza (di Daniele Silvestri) Daniele Silvestri
5. Chissà se nevica (di Mango-De Bei) Mango
6. Musica (di Meneguzzi-Melotti-Di Bella) Paolo Meneguzzi
7. Il terzo fuochista (di Tosca-Mascellino-Venturiello) Tosca
8. Vivere normale (di Bertolotti-Calvetti-Ciappelli-Facchinetti) Francesco e Roby Facchinetti
9. Appena prima di partire (di Maffucci-De Gasperi-Sognato-Pao) Zero Assoluto
10. Canzone fra le guerre (di Ruggiero-Carrara) Antonella Ruggiero
Senza me ti pentirai (di Battisti-Battaglia) Leda Battisti
Forever – Per sempre (di Mogol-Bella) Marcella e Gianni Bella
Oltre il giardino (di Fabio Concato) Fabio Concato
Meglio così (di Ferrio-Calabrese) Johnny Dorelli
Amami per sempre (di Grezio-Ranavro-Palma) Amalia Gré
The Show Must Go On (di Giorgio Faletti) Milva
Luna in piena (di Nada Malanima) Nada
Tutto da rifare (di Sgreccia-Cornetta-Ferrantini-Bazzoffi) Velvet
Guardami (di Curreri-Grandi) Stadio
In Italia si sta male (di Rino Gaetano) Paolo Rossi

GIOVANI

1. Pensa (di Fabrizio Mobrici) Fabrizio Moro
2. Bivio (di Centomo-Titi) Stefano Centomo
3. Malinconiche sere (di Di Tella-Rubino) Pquadro
L’immagine che ho di te (di Baroni-Bertoni) Marco Baroni
Ama (di Falconi-Marcucci-Randazzo-Ciammarughi) Romina Falconi
Amore ritrovato (di Bozzi-Ruocco) Sara Galimberti
La vita subito (di Zero-Incenzo-Zanotti-Guidetti) Jasmine
Il senso della vita (di Morra-Fabrizio) Elsa Lila
Peccati di gola (di Baù-Bernacchia) Patrizio Baù
Non ho tempo (di Piervincenzo Cortese) Pier Cortese
Non piangere (di Ferrario-Spallanzani-Polato) FSC
Napoleone azzurro (di Francesco Ferrari) Grandi Animali Marini
La ballata di Gino (di Medri-Ulderici) Khorakhanè
Ninna nanna (di G. e S. Magurno-Bianco) Mariangela

Come è spesso accaduto dopo un’edizione deludente, nel 2007 la Rai si rivolge a Pippo Baudo per rilanciare il Festival. Lui accetta e, sicuro di avere la soluzione, dichiara: «Se devo essere sincero, in campo musicale ho una certa esperienza e intuizione. E poi, soprattutto, sono uno di quelli che anche in un ambito così ristretto riesce a portare qualche novità. Quella di quest’anno, per esempio, è un regolamento innovativo. Cinque serate erano troppe e ho fatto in modo che ognuna sia diversa dall’altra. Non è mica una cosa da poco. Ogni sera ci sarà qualcosa di più e di diverso.
Così il fenomeno reiterativo, con ogni serata simile alla precedente e gli inevitabili riflessi sui dati d’ascolto, non dovrebbe verificarsi».

Delle novità introdotte negli ultimi due anni si salva solo la serata dei duetti e delle rivisitazioni. Per il resto si torna al passato: divisione tra Campioni (che anno accesso diretto alla finale) e Giovani, Giuria di qualità, la sigla «Perché Sanremo è Sanremo» e il Dopofestival, affidato a Piero Chiambretti. Come partner di conduzione, Baudo sceglie Michelle Hunziker, superstar delle reti Mediaset. Il cast è in perfetto stile Baudo: qualche vecchia gloria (Johnny Dorelli, al Festival come cantante per la prima volta in 38 anni, ma anche Nada e Milva), alcuni habitué di Sanremo (Al Bano, Antonella Ruggiero, Marcella e Gianni Bella), i protagonisti delle edizioni più recenti (Zero Assoluto, Paolo Meneguzzi) e poche sorprese (Roby Facchinetti e suo figlio Francesco, il ritorno
di Daniele Silvestri, lo sconosciuto Piero Mazzocchetti).

Fin dalla prima serata, «Ti lascerò una rosa» di Simone Cristicchi sembra essere la canzone da battere. Il testo, quasi interamente rappato, è la lettera che Antonio, ricoverato in un centro di igiene mentale, scrive alla sua amata Margherita prima di spiccare il volo lanciandosi nel vuoto dal tetto dell’ospedale. In finale, vincerà con una media dell’8,22 su 10 (dalla Giuria di qualità ottiene addirittura una media del 9,6) davanti ad Al Bano con «Nel perdono» (scritta da Renato Zero) e a «Schiavo d’amore» di Mazzocchetti. «Dedico questo premio a chi mi ha sostenuto in questi anni, in particolare alla mia compagna Sara» dice Cristicchi prima di eseguire di nuovo la canzone vincitrice. «Ho conosciuto tante storie come quelle di Antonio. Il mio pensiero va alle persone che si occupano di quelli come lui». Tra i Giovani vince Fabrizio Moro con «Pensa», un accorato rap antimafia. Il bilancio di Sanremo 2007 è decisamente positivo: buoni ascolti, belle canzoni, un Dopofestival di qualità. Il più soddisfatto è Baudo, che già pensa al bis.