12 Febbraio 2015 | 12:00

Sanremo 2015, le cover scelte dai cantanti in gara al Festival

I big in gara al Festival della Canzone Italiana si sfideranno a colpi di cover. Ecco quali successi di Sanremo hanno scelto di cantare

 di Manuela Puglisi

Sanremo 2015, le cover scelte dai cantanti in gara al Festival

I big in gara al Festival della Canzone Italiana si sfideranno a colpi di cover. Ecco quali successi di Sanremo hanno scelto di cantare

Foto: I Matia Bazar a Sanremo nel 1978  - Credit: © Mondadori Portfolio

12 Febbraio 2015 | 12:00 di Manuela Puglisi

Durante la terza serata del Festival di Sanremo, giovedì 12 febbraio alle 20.30, dopo la gara delle Nuove proposte, i Big si sfideranno a colpi di cover. Arrangeranno e interpreteranno i grandi successi della musica italiana. Ecco con quali cover hanno deciso di calcare il palco dell'Ariston, dai grandi classici alle meno conosciute.

Le cover saranno raccolte nella compilation ufficiale di Sanremo, in uscita con Tv Sorrisi e Canzoni il prossimo 13 febbraio, a € 14,90.

1.

Ti sento - Matia Bazar

Annalisa canterà "Ti sento", brano dei Matia Bazar del 1985, uno dei singoli più venduti di quell'anno in Italia, ha raggiunto un enorme successo internazionale, tanto che ne sono state registrate versioni in spagnolo e in inglese. A Sanremo i Matia Bazar hanno vinto due volte: la prima nel 1978 con "E dirsi ciao" e nel 2002 con "Messaggio d'Amore". "Ti sento" sarà interpretata da Annalisa, in gara al Festival con "Una finestra tra le stelle".
2.

Ciao amore ciao - Luigi Tenco

Bianca Atzei porterà all'Ariston "Ciao Amore ciao" di Luigi Tenco, una cover classica del 1967 in cui si sono cimentati anche Marco Mengoni e Giusy Ferreri. Il brano è tristemente legato al suicidio del cantautore che, proprio a Sanremo, era rimasto escluso dalla serata finale.
3.

Vivere - Vasco Rossi

Malika Ayane punterà su uno dei grandi classici della musica italiana, uno di quelli che si cantano a squarciagola in macchina. La cantante ha scelto infatti di interpretare "Vivere", di Vasco Rossi. La canzone, del 1993, fa parte dell'album "Gli spari sopra", ed è una delle canzoni più conosciute di Vasco.
4.

E la vita, la vita - Cochi e Renato

Biggio e Mandelli, al Festival con "Vita d'Inferno", si sono ispirati a Cochi e Renato, intramontabile duo con cui sicuramente hanno qualcosa in comune. La cover che hanno scelto è infatti la celeberrima "E la vita, la vita", tratta dall'album omonimo del 1974, scritto in collaborazione con Dario Fo, Enzo Jannacci e Paolo Poli.
5.

Io mi fermo qui - Dik Dik

Alex Britti sceglie invece "Io mi fermo qui", un brano del 1970 dei Dik Dik (gli stessi di "Sognando California"). La canzone fu un grande successo di quell'anno insieme a "L'Isola di Wight".
6.

Il volto della vita - Caterina Caselli

Sarà Chiara a riportare sul palco dell'Ariston il "Casco d'oro" della nostra musica. Canterà "Il volto della vita" di Caterina Caselli, del 1968. Un pezzo che è a sua volta una cover di "Days of Pearly Spencer" dell'irlandese David McWilliams e che segna un cambiamento nell'immagine della cantante che abbandona il caschetto e l'aria da ragazzina per mostrarsi più matura.
7.

Io che amo solo te - Sergio Endrigo

Il successo del 1962 di Sergio Endrigo, "Io che amo solo te", sarà interpretato dai Dear Jack. Il brano è uno dei suoi più famosi, nonché uno dei suoi più grandi successi. Una canzone d'amore che è stata reinterpretata innumerevoli volte: da Mina, da Ornella Vanoni, Gino Paoli, Enzo Jannacci, Claudio Baglioni e Fiorella Mannoia.
8.

Alghero - Giuni Russo

Grazia Di Michele e Mauro Coruzzi omaggeranno Giuni Russo, a trent'anni dalla composizione della sua "Alghero" del 1985. Il 12 febbraio, sempre in occasione dell'anniversario, verrà pubblicata una versione remix della canzone. La voce è stata registrata dalla stessa Giuni Russo nel 2000, proprio ad Alghero. La cantante siciliana, sarda d'adozione, è scomparsa dieci anni fa, e con M. Antonietta Sisini aveva scritto il brano che imperversò nell'estate dell'85.
9.

Almeno tu nell'universo - Mia Martini

Ha optato per un omaggio a un'altra grande voce della musica italiana Lara Fabian. La cantautrice belga si esibirà in "Almeno tu nell'universo" di Mia Martini, brano del 1989. La canzone, scritta in realtà già nel 1972 (lo stesso anno di un altro suo grande successo "Piccolo uomo"), è una tra le più famose di Mia Martini e le era valsa il Premio della Critica al Festival di quell'anno.
10.

Una città per cantare - Ron

Sempre in tema anni '80, Lorenzo Fragola ha deciso di portare a Sanremo "Una città per cantare" che ha dato il titolo all'album omonimo di Ron, il primo con questo nome, del 1980. Una cover a sua volta di "The Road", canzone di Danny O'Keefe, tradotta in italiano da Lucio Dalla. Doppio (o triplo) omaggio, quindi, per il giovane vincitore di X Factor 8.
11.

Se perdo te - Patty Pravo

Irene Grandi si misurerà con l'impegnativa "Se perdo te" di Patty Pravo, cover di "The Time Has Come" cantata da P.P. Arnold. All'uscita, nel 1967, la versione italiana non aveva avuto grande successo, ma recupererà l'anno successivo ed è tuttora un grande classico. Moltissime cover si sono susseguite nel corso degli anni, tra cui quella di Mango, scomparso poco tempo fa.
12.

Vedrai, vedrai - Luigi Tenco

Un altro omaggio a Luigi Tenco sarà la cover scelta da Gianluca Grignani che canterà "Vedrai, vedrai" del 1967, in gara con "Sogni infranti". Grignani interpreterà a modo suo lo struggente brano di Tenco, in versione acustica. La canzone è inclusa nel nuovo disco "A volte esagero", insieme a un duetto con Emis Killa, uscito lo scorso settembre.
13.

Ancora - Eduardo De Crescenzo

Il Volo ha scelto "Ancora " di Eduardo De Crescenzo, canzone portata a Sanremo nel 1981 e con la quale il cantante vinse il premio per la migliore interpretazione. Il trio nato da "Ti lascio una canzone" ha scelto di misurarsi con il brano che ha lanciato la carriera di De Crescenzo ed è entrato immediatamente nella storia come un grande classico. Piccola curiosità: è il terzo brano a garantire i maggiori proventi in diritti d'autore alla SIAE.
14.

Sarà per te - Francesco Nuti

La cover scelta da Marco Masini è "Sarà per te" di Francesco Nuti, in gara a Sanremo nel 1988. Il regista quell'anno si era dedicato alla musica, partecipando al Festival con questa canzone. Il brano è poi stato inciso anche da Mina.
15.

Una carezza in un pugno - Adriano Celentano

Moreno ha deciso di esibirsi in una versione rap della hit di Adriano Celentano del 1968 "Una carezza in un pugno". Una cover che si preannuncia senza dubbio come una versione originale del successo lento e sussurrato del molleggiato. Nello stesso 45 giri che conteneva questo brano era inclusa anche "Azzurro", un altro grande classico scritto da Paolo Conte.
16.

Se telefonando - Mina

Impossibile omaggiare la musica di Sanremo dimenticandosi di Mina. Nek, infatti, non l'ha certo dimenticata, e porterà sul palco la sua versione dell'iconica "Se Telefonando" del 1966, canzone scritta da Maurizio Costanzo e Ghigo De Chiara e arrangiata da Ennio Morricone. Una versione francese fu incisa lo stesso anno della pubblicazione in Italia da Francoise Hardy.
17.

Mare, mare - Luca CarbonI

La cover scelta da Nesli è invece "Mare, mare" di Luca Carboni, con il quale sbaragliò tutti gli altri concorrenti al Festivalbar del 1992. Nel 2013 lo stesso Carboni ha ritirato fuori la propria hit in un duetto con Cesare Cremonini. Per la realizzazione della cover, Nesli si è consultato proprio con Luca Carboni dichiarando, inoltre, di trovare quello di Luca Carboni uno stile molto vicino a sé.
18.

Rose Rosse - Massimo Ranieri

Raf si esibirà nella sua interpretazione di "Rose rosse" successo del 1968 di Massimo Ranieri. Per il suo ritorno sul palco di Sanremo, con "Come una favola", il cantante ha scelto un brano tra i più amati della tradizione italiana.
19.

Dio come ti amo - Domenico Modugno e Gigliola Cinquetti

Anna Tatangelo, in gara con "Libera", ha scelto come cover uno dei brani vincitori del Festival. Il brano è "Dio come ti amo", pezzo interpretato da Domenico Modugno (autore) e Gigliola Cinquetti.
20.

Se bruciasse la città - Massimo Ranieri

Per la serata dedicata alle cover anche Nina Zilli, come Raf, ha scelto Massimo Ranieri con la sua "Se bruciasse la città", brano con cui il cantante aveva partecipato a Canzonissima nel 1969, classificandosi al terzo posto.